“Gare senza carta – carbon free” - procedure verdi per le gare pubbliche

Ultimo Aggiornamento: 01/18/2016

Dal 2010 il Comune di Reggio Emilia ha attivato, nell’ambito delle sue politiche per la semplificazione amministrativa e per il GPP, nuove procedure per le gare pubbliche con gestione telematica e dematerializzazione dei processi ( "GareSenzaCarta" ), riducendo, quindi, fortemente il consumo di risorse e gli impatti sull’ambiente, ed avviando, inoltre, un progetto specifico per il calcolo della carbon footprint delle gare pubbliche “prima e dopo” l’introduzione delle nuove procedure, in modo da stimare il risparmio di CO2 e calcolare l’emissioni residue da “neutralizzare” mediante l’acquisto di crediti di emissioni certificati ( "GareSenzaCarta - carbon free").

Il contesto: le politiche di semplificazione amministrativa e di GPP del Comune di Reggio Emilia

Il Comune di Reggio Emilia ha avviato già da diversi anni politiche specifiche volte sia alla semplificazione amministrativa sia alla attuazione del Green Public Procurement .
L’Ente ha, infatti, al suo attivo diverse attività di semplificazione dei rapporti con imprese, un progetto specifico di GPP (“Reggio Acquista verde” – cofinanziato dal Ministero Ambiente) nonché numerosi bandi-acquisti “verdi”, per i quali ha già avuto premi e riconoscimenti.

Nell’ambito di tale quadro di politiche ed impegni, è stato avviato nel 2009 un programma specifico volto alla dematerializzazione delle procedure per le gare pubbliche (“GareSenzaCarta”) e, successivamente nella primavera 2010, un progetto specifico volto a valorizzare gli aspetti di “buona prassi ambientale” delle nuove procedure, nonché a calcolare e poi neutralizzare-compensare le emissioni residue di CO2 ancora generate, azzerando le emissioni generate dai nuovi processi di gare pubbliche del Comune di Reggio Emilia.
Il Progetto, detto “GareSenzaCarta- carbon free”, si inquadra, quindi, sia nel programma di innovazione dei servizi digitali per i cittadini e le imprese di Reggio Emilia sia nelle politiche, già ampiamente avviate dall’Ente, di GPP .

Le nuove procedure per la gare pubbliche del Comune di Reggio Emilia: “GareSenzaCarta”

Le nuove procedure consistono nella l’attuazione delle gare pubbliche del Comune di Reggio Emilia utilizzando esclusivamente strumentazione on-line. Il sistema telematico utilizzato garantisce, oltre che la indispensabile segretezza e affidabilità, la trasparenza e costante leggibilità delle procedure di gara, la facile accessibilità da parte degli utenti, il risparmio di risorse economiche e umane, di oneri amministrativi e tempo ( sia per le imprese che per la stessa Amministrazione) ma anche, e non da ultimo, una forte riduzione degli impatti ambientali mediante la drastica riduzione del consumo di carta e della necessità di spostamento, determinando, quindi, una forte riduzione della produzione di anidride carbonica connessa ai processi di gare pubbliche.

La nuova procedura è stata promossa fin da 2009 dall’UOC “Appalti Contratti” del Comune di Reggio Emilia, attivando a tale fine una partnership con la Società Credemtel S.p.A., che ha prodotto un sistema di gestione telematica della intera procedura di gara.
Nel maggio 2010 è stata avviata la fase di sperimentazione, volta a testare il sistema, riguardante le sole gare a procedura negoziata per i lavori pubblici, coinvolgendo, attraverso un processo di governance direttamente le imprese private del territorio.

La nuova procedura “GareSenzaCarta” è fra le prime iniziative di innovazione amministrativa nell’ambito delle gare pubbliche in Italia. Essa è frutto di un dialogo costante del Comune con il mondo delle imprese (di cui sono state raccolte le esigenze concrete di accesso alla Pubblica amministrazione e semplificazione delle procedure amministrative), è stata elaborato coerentemente con il nuovo contesto normativo ed anticipa di fatto le misure del governo su digitalizzazione della Pubblica amministrazione, di semplificazione dei procedimenti amministrativi e di riduzione degli oneri burocratici per i cittadini e le imprese.
La nuova procedura rappresenta anche di per se una ottima “buona pratica ambientale” che può essere inserita come azione concreta di GPP; essa è una delle prime sperimentazioni in Italia di procedura “verde” della pubblica amministrazione ampliando il concetto di acquisto verde ad un ambito di sviluppo futuro del GPP, ancora poco esplorato, nell’ottica della green economy.

Come funziona la nuova procedura “GareSenzaCarta” 

Gli attori, cioè la stazione appaltante (Comune di Reggio Emilia), la Commissione di gara e concorrenti (i rappresentanti legali delle società ), operano su una scrivania virtuale (il computer) su cui compaiono step e scadenze da seguire per l’espletamento della gara. I concorrenti devono ovviamente iscriversi al sistema digitale, per accedervi.
La procedura di gara on-line prevede la creazione virtuale di tutte le fasi tutt’ora esistenti di una gara d’appalto: lettera d’invito a partecipare, sopralluogo, aggiudicazione definitiva della gara, e in futuro la firma digitale del contratto. I requisiti tecnici per le imprese che vogliano partecipare alle gare sono la dotazione di smart card, la firma digitale e la casella Pec .
Il software ha caratteristiche di massima sicurezza e trasparenza; blindatura di tutti i passaggi di gara, con date e orari certi; creazione di un archivio documentale delle gare, in cui saranno conservati e gestiti tutti i documenti del procedimento; un meccanismo matematico basato su un algoritmo a base asimmetrica per cui i dati risultano sempre criptati in modo che chi non è autorizzato non possa accedervi.

Il nuovo sistema, sperimentato dal Comune di Reggio Emilia dalla primavera 2010, entrerà a regime inizialmente per le procedure negoziate per i lavori pubblici (di importi tra i 150.000 e 500.000 euro), ma successivamente sarà esteso anche a tutte le altre procedure di gara.

Il progetto “GareSenzaCarta” – Carbon free”

Le nuove procedure “GareSenzaCarta” comportano oltre a risparmi diretti (carta, spese postali, ecc...) e risparmi indiretti (tempo, efficienza,..) anche una forte riduzione degli impatti “ambientali” collegati ai processi di gara.
La nuova procedura, quindi, già di per sé, si configura anche come una eccellente “buona pratica ambientale” in quanto, basandosi sulla dematerializzazione del processo e sulla gestione telematica dello stesso, porta una forte riduzione dell’utilizzo di risorse e degli impatti sull’ambiente, tra cui in particolare modo l’azzeramento o forte riduzione dei consumi di carta, la produzione di rifiuti ma anche della necessità di spostamenti.

Il Comune di Reggio Emilia ha voluto valorizzare tale “buona pratica ambientale” attraverso la realizzazione di progetto specifico per il calcolo della carbon footprint delle gare pubbliche “prima e dopo” l’introduzione delle nuove procedure, in modo da stimare il risparmio di CO2 e calcolare l’emissioni residue delle nuove procedure.
Il progetto “GareSenzaCarta” – Carbon free” prevede anche di neutralizzare-compensare le emissioni residue (seppure molto limitate) di CO2 generate dalle nuove procedure “Gare senza carta” (mediante l’acquisto di crediti di emissioni certificati) ed ottenere un marchio che attesti come i bandi di “GareSenzaCarta” non producano emissioni di CO2 .
In particolare il progetto, avviato nella primavera del 2010 in partnership con la Società INDICA s.r.l., porterà entro l’autunno al :

  • calcolo della carbon footprint di 2 gare convenzionali "tipo" con dati storici (relativamente ai consumi di carta, elettricità e stima degli spostamenti …);
  • calcolo della carbon footprint di 2 gare con le nuove procedure “GareSenzaCarta” “tipo” (relativamente ai consumi di carta, elettricità e stima degli spostamenti ….);
  • costruzione del sistema di monitoraggio in excel delle emissioni residue di CO2 del Comune (relativamente a consumi di carta e elettricità per ciascuna gara ed alla necessità di spostamenti dell’Ente) con cui l’Ente monitorerà calcolerà periodicamente le sue emissioni residue relative a tutte le gare “senza carta” effettuate nell'anno;
  • l’acquisto sul mercato delle emissioni dei crediti certificati necessaria neutralizzare completamente tutte le emissioni residue dei bandi di gara realizzati nell’anno.

Sponsor tecnici

 Logo Credem

 

 Logo Indica

 
Dove Rivolgersi:
Ufficio acquisti appalti contratti
Indirizzo: Via San Pietro Martire, 3 - 42121 Reggio Emilia
Orario: Da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 13.30 pomeriggio: martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30 Per richieste-sopralluoghi relativi ad uno specifico bando di gara: orari e modalità indicati dal relativo bando Per richieste diverse previo appuntamento telefonico
Telefono: 0522 456842
Fax: 0522 456037