Adotta una scuola

Ultimo Aggiornamento: 12/05/2018

I Lions Club reggiani finanziano anche quest’anno progetti di educazione motoria e sportiva dedicati agli studenti con disabilità degli istituti scolatici della provincia di Reggio Emilia

Per il terzo anno consecutivo i Lions Club reggiani della IV Circoscrizione promuovono il progetto “Adotta una Scuola” negli Istituti scolastici della provincia di Reggio Emilia, l’iniziativa dedicata agli studenti disabili ideata dal Distretto Lions 108 Tb-Zona 14 e 15 e realizzata insieme al corpo docenti degli istituti, grazie al coordinamento del Comitato italiano paralimpico della Regione Emilia Romagna.
Il progetto prevede percorsi speciali di educazione motoria e sportiva, alternativi alle ore di Educazione fisica, finalizzati all’autonomia e al benessere degli studenti disabili, senza oneri per le famiglie e per le scuole.
Al fine di favorire il principio di inclusività attraverso la valorizzazione delle differenze, indicatore di qualità nella valutazione degli istituti scolastici, alle attività di educazione motoria e sportiva partecipano a rotazione anche gli studenti normodotati.

“E’ un progetto di cui andare orgogliosi, perché non solo garantirà maggiori opportunità a 200 studenti disabili attraverso lo sport, che ha un rilievo educativo importante, ma coinvolgerà intere classi, assumendo dunque anche un valore di cittadinanza perché è nell'aula scolastica che si costituiscono i presupporti di una comunità civile nella quale tutti si aiutano e nessuno viene escluso – ha detto la vicepresidente della Provincia con delega alla Scuola, Ilenia Malavasi – Ringrazio i Lions per la loro generosità e disponibilità per il contributo che assicurano al sistema educativo reggiano, un sistema articolato e di qualità che, dalle scuole dell’infanzia alle superiori, fa proprio dell’inclusione sociale uno dei suoi presupposti e che, ogni anno, registra un centinaio di studenti diversamente abili in più: oggi sono circa 2.800, 800 dei quali alle superiori, pari al 3,4% della popolazione scolastica provinciale, con una percentuale tra le più elevate a livello nazionale”.

“La capacità di un sistema territoriale di incrementare l’offerta sportiva all’interno degli istituti scolastici accresce il valore della qualità didattica ed educativa, contribuendo a migliorare la qualità di vita dei giovani – ha aggiunto il sindaco del Comune di Reggio Emilia Luca Vecchi – progetti come questi, che mettono in rete risorse e competenze pubbliche e private, sono fondamentali per la costruzione di un sistema educativo integrato che rappresenta parte significativa del patrimonio del nostro territorio e della nostra comunità”.

Gli istituti della provincia di Reggio Emilia che hanno aderito al progetto “Adotta una Scuola”, sono dieci, di cui sei nel Comune di Reggio Emilia (gli istituti di istruzione superiore Angelo Motti, Galvani Iodi, Antonio Zanelli, l’Istituto tecnico Scaruffi-Levi-Tricolore, il Liceo Artistico Gaetano Chierici e l’Istituto Comprensivo Enrico Fermi) e quattro situati nel territorio della provincia (gli istituti di istruzione superiore Silvio D’Arzo a Montecchio, Piero Gobetti a Scandiano, Convitto Nazionale Rinaldo Corso a Correggio, Bertrand Russel a Guastalla).
Gli studenti saranno impegnati in diverse discipline sportive tra cui atletica, avviamento all’equitazione, nuoto, acroyoga, danza moderna, bocce, ciclismo ed handbike, baskin, attività di sitting volley, (con formazioni miste di ragazzi disabili e normodotati).