Cos'è il Green Public Procurement?

Ultimo Aggiornamento: 04/18/2019

Criteri per gli acquisti verdi pubblici

Attuare il green public procurement (GPP), ossia acquisti verdi pubblici, significa introdurre criteri volti alla riduzione degli impatti ambientali nelle politiche di acquisto di beni e servizi degli enti pubblici.
La riduzione degli impatti ambientali è relativa a tre aspetti:

  • ciclo di produzione - minore consumo di materie prime ed energia;
  • ciclo di consumo - minori emissioni, minori rischi per la salute umana;
  • ciclo di smaltimento - maggiore durata di vita, migliori possibilità di riutilizzo, minore produzione di rifiuti.

Costi della spesa pubblica

Le dimensioni della spesa pubblica (si stima che gli acquisti di beni e servizi effettuati dal settore pubblico raggiungano circa il 15% del PIL nella media dei paesi europei) sono tali per cui i vantaggi del GPP non si limitano alla riduzione degli impatti ambientali diretti derivanti dall'attività della PA, ma altrettanto importante è l'incremento dell'attenzione all'ambiente generato nell'intero sistema economico.

Consumatore PA

Il comportamento del "consumatore PA" può infatti esercitare un notevole livello di influenza sul comportamento del mercato sia dal lato dell'offerta, poiché i produttori di prodotti e servizi risultano incentivati a ridurre il proprio impatto ambientale per mantenere la possibilità di vendita verso la PA, sia dal lato della domanda, dove la PA esercita la funzione di modello per la condotta dei cittadini, delle istituzioni private e delle imprese.
Proprio in considerazione del forte effetto che il GPP può avere sui meccanismi di mercato, va notato che l'introduzione di nuovi criteri nell'acquisto di prodotti non deve contrastare le regole del mercato, sia interno che internazionale.
A tal proposito, la comunicazione interpretativa della commissione europea (2001) precisa che gli enti aggiudicatori di appalti pubblici possono esigere in determinati casi un grado di protezione dell'ambiente più elevato di quello previsto dalla legge o dalle norme, a condizione che tale prescrizione non limiti l'accesso all'appalto e non conduca ad una discriminazione a danno di potenziali offerenti.

Per quanto riguarda l'Italia, il Ministero Dell’ambiente ha elaborato il piano d’azione nazionale (PAN) sul GPP, accogliendo l’invito contenuto nella comunicazione della Commissione Europea “politica integrata dei prodotti, sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale” del 2003.

Marchi ecologici:

  • "White Swan"
  • "Blue Angel"
  • "FSC" "PEFC"
Dove Rivolgersi:
Ufficio Acquisti verdi
Indirizzo: Via San Pietro Martire, 3 - 42121 Reggio Emilia
Orario: Mattino: da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00 Pomeriggio: martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30
Telefono: 0522 456588
Fax: 0522 409098