Città collaborativa

In evidenza
  • Al via la progettazione con i cittadini di "QUA_quartiere bene comune": la co-progettazione con i cittadini continua con gli incontri dedicati al basso servizio di via Cugini e a Palazzo Vecchio al Mauriziano
    Villa Levi, Reggia di Rivalta, Palazzo Vecchio al Mauriziano e l'edificio del Parco Acque Chiare conosciuto come il giardino di Gabrina. Riparte da questi luoghi di grande interesse storico e ambientale per la città la collaborazione tra i cittadini e il Comune nell'ambito del progetto “Qua_Quartiere bene comune” per realizzare progetti di miglioramento della cura delle persone o del territorio.
    Dopo i primi due incontri dedicati a Villa Levi e alla Reggia di Rivalta, i prossimi incontri in presenza riguarderanno gli spazi del basso servizio di Via Cugini – il 3, 15 e 22 Giugno alle ore 18.30 - e Palazzo Vecchio presso il complesso del Mauriziano – il 10, 17 e 24 Giugno alle ore 18.30 – con ritrovo in loco.
    La partecipazione ai Laboratori è aperta a tutti gli interessati, previsa iscrizione.
network collaborativo
  • Con chi
    Cittadini e associazioni che collaborano con noi.
  • Collabora anche tu
    Diventa cittadino volontario e iscrivi la tua associazione.
Progetti
Rinforzare il valore condiviso del “bene comune” è l’obiettivo che ha guidato le attività del Comune di Reggio Emilia per la promozione di una Città Collaborativa
  • Presentazione della città collaborativa
    Abbiamo lavorato per generare, o riattivare, reti e sinergie tra risorse pubbliche e risorse delle comunità. Mettere a sistema queste risorse è fondamentale per dare vita a risposte condivise ed innovative, dal punto di vista tecnologico, istituzionale e sociale, ai vecchi e nuovi bisogni della nostra comunità. Dal 2014 l’Amministrazione ha quindi attivato percorsi di coinvolgimento degli attori della città, pubblici e privati, istituzionali e informali, per co-definire, co-progettare e co-gestire servizi per la cura delle persone e rigenerare e restituire spazi pubblici alla città.
    Lavorano con noi cittadini attivi, istituzioni, innovatori digitali, centri sociali e associazioni che operano nei diversi ambiti dell’interesse generale.