Comune di Reggio Emilia

Home Ambiente Contabilità ambientale Contabilità ambientale e bilanci ambientali del Comune di Reggio Emilia

Contabilità ambientale e bilanci ambientali del Comune di Reggio Emilia

Ultimo Aggiornamento: 06/27/2017

Il Comune di Reggio Emilia ha avviato già dal 2001 la costruzione del proprio sistema di contabilità ambientale, redigendo da allora costantemente ogni anno Bilanci Ambientali con dati a consuntivo ed a preventivo. Da tempo ormai gli Enti locali sono chiamati ad affrontare problemi ambientali complessi senza però disporre di adeguati strumenti conoscitivi e gestionali, per predisporre politiche–azioni efficaci. Per orientare la propria azione verso la sostenibilità, gli amministratori pubblici hanno quindi bisogno di dotarsi di strumenti idonei a monitorare la qualità dell’ambiente urbano ed contabilizzare in modo adeguato i costi e i benefici ambientali di tutte le proprie azioni.

Il Comune di Reggio Emilia ha scelto, da oltre 10 anni, la Contabilità Ambientale come strumento utile a tale fine. Attraverso di essa, l’Amministrazione vuole dare conto sistematicamente ai propri cittadini degli esiti delle sue politiche sull’ambiente e dell’attuazione degli impegni ambientali presi, fornendo al tempo stesso ai propri decisori informazioni, costanti e validate, indispensabili per orientare gli indirizzi politici e per attuare le opportune scelte gestionali.
La Contabilità Ambientale del Comune di Reggio Emilia nasce nell’ambito del progetto europeo Life-Ambiente “CLEAR” che fin dal 2002 ha definito una metodologia semplice ma efficace per la redazione di bilanci di enti pubblici locali inerenti le tematiche ambientali e territoriali, quali bilanci satelliti ai bilanci economico–finanziari. Dopo le prime sperimentazioni, l’Amministrazione ha scelto di proseguire questa esperienza mettendo a sistema lo strumento, al fine di redigere ed approvare in Consiglio Comunale Bilanci Ambientali all’anno con dati a consuntivo e a preventivo.
Dal 2007 al 2014 inoltre il Comune di Reggio Emilia, si è impegnato anche a livello nazionale per diffondere lo strumento della contabilità ambientale, coordinando il Gruppo di Lavoro Nazionale "Contabilità ambientale degli enti locali", costituito all'interno dell' Associazione "Coordinamento Agende 21 Italiane".

Nel corso degli anni, l’Ente ha progressivamente apportato modifiche rispetto alla metodologia classica CLEAR adattando la stessa alle proprie esigenze di rendicontazione:

  • A partire dal Conto Consuntivo 2009/10 e dal Bilancio di Previsione 2009 non è più stata riportata la parte dei conti monetari
  • Dal Bilancio di Previsione 2009 i documenti a preventivo sono stati molto semplificati dando ad essi un taglio maggiormente programmatico– strategico, in grado però di mostrare a 360° i principali impegni “ambientali” dell’Ente, lasciando al consuntivo ambientale una rendicontazione di maggiore dettaglio.
  • Inoltre dal 2011 e fino al 2016 i Bilanci a preventivo e consuntivo sono stati documenti “integrati” con i Piani strategici redatti dall’Ente sul tema dell’energia sostenibile per contrastare i cambiamenti climatici.
  • Nel 2017 si è scelto di rivedere il processo di relazione dei documenti per semplificare le procedure, accorpando i due documenti annuali (Conto Consuntivo Ambientale e Bilancio Ambientale di Previsione) in un unico documento, contenente in sia la rendicontazione a consuntivo dell’anno precedente sia linee di preventivo dell’anno in corso. Nel 2017 è stato, quindi, redatto il primo documento unico denominato: Bilancio Ambientale 2016 (Conto Consuntivo Ambientale 2016 e linee di previsione 2017). In occasione di tale riorganizzazione metodologica si è scelto anche di non riportare più l’integrazione con il PAES sempre al fine di semplificazione del documento e in considerazione al monitoraggio periodico redatto, consultabile dalla piattaforma del Patto dei Sindaci (www.pattodeisindaci.eu.) e dalla allegata scheda "Patto dei Sindaci".

I Bilanci ambientali del Comune di Reggio Emilia
Il Comune di Reggio Emilia ha redatto ed approvato fino ad oggi 25 Bilanci Ambientali. Tutti i documenti sono strutturati in otto principali sezioni, corrispondenti alle principali “macrocompetenze” ambientali, che rappresentano i “grandi temi” che la Contabilità Ambientale tratta e su cui si vuole rendere conto (Aree di competenza ambientale).
All’interno delle otto aree di competenza si individuano poi ulteriori argomenti specifici, definiti “Ambiti di rendicontazione". La struttura di rendicontazione inizialmente adottata dall’Ente è stata parzialmente rivista negli anni al fine di rendere più chiara e significativa le rendicontazione di alcuni ambiti e più aderente alle nuove emergenze e indirizzi a livello internazionale ed europeo.
L’insieme delle aree di competenza e degli ambiti di rendicontazione costituisce una struttura di rendicontazione alla quale vengono associati gli impegni dell’Ente (“politiche”), le azioni effettivamente realizzate, indicatori fisici e le eventuali spese ambientali, costruendo cosi un sistema parametrico di controllo per valutare le ricadute ambientali delle attività dell’Ente, i risultati raggiunti rispetto agli obiettivi inizialmente fissati e l’efficacia delle politiche–azioni.
I Bilanci Ambientali redatti ed approvati annualmente dal Comune di Reggio Emilia sono stati fino al 2016 due:
    • Il Bilancio ambientale di previsione conteneva a preventivo l’esplicitazione degli impegni dell’Ente, politici gestionali (azioni-progetti);
    • Il Conto consuntivo ambientale verificava a posteriori l’attuazione di quanto dichiarato a preventivo, gli effetti delle politiche e delle azioni (valutati da indicatori fisici), nonché l’eventuale spesa ambientale sostenuta.
Nel 2017 si è scelto di rivedere il processo di relazione dei documenti al fine di semplificare tale procedura. In particolare modo si è scelto di accorpare i due documenti annuali in un unico documento, contenente in sia la rendicontazione a consuntivo dell’anno precedente sia linee di preventivo dell’anno in corso.
D’ora in poi verranno quindi redatti Bilanci ambientali annuali che conterranno insieme:
    • la rendicontazione di dettaglio riguardante l’anno di riferimento (con la quale si verifica a consuntivo quanto preventivato nell’anno precedente e si valutano gli effetti delle politiche-azioni dell’Ente e lo stato dell’ambiente)
    • gli i indirizzi in materia ambientale dell’anno in corso definiti a preventivo.
Il documento si configura quindi come Conto consuntivo Ambientale a cui vengono aggiunte linee di previsione.
Di seguito sono riportati in ordine cronologico tutti i Bilanci Ambientali approvati dall'Ente oltre le versioni divulgative di sintesi ("Bilanci Ambientali in pillole"). Viene inoltre riportato l'ultimo allegato metodologico.
Bilanci ambientali a consuntivo Bilanci ambientali di previsione
Bilancio Ambientale 2016 - conto consuntivo ambientale 2016 e linee di previsione 2017
Conto Consuntivo Ambientale 2015Bilancio Ambientale di Previsione 2016
Conto Consuntivo Ambientale 2014Bilancio Ambientale di Previsione 2015
Conto Consuntivo Ambientale 2013Bilancio Ambientale di Previsione 2014
Conto Consuntivo Ambientale 2012Bilancio Ambientale di Previsione 2013
Conto Consuntivo Ambientale 2011 Bilancio Ambientale di Previsione 2012
Conto Consuntivo Ambientale 2009-2010Bilancio di Previsione 2011
Conto Consuntivo Ambientale 2008Bilancio Ambientale di Previsione 2009
Conto consuntivo ambientale 2007Bilancio ambientale di previsione 2008
Conto Consuntivo Ambientale 2006Bilancio ambientale di previsione 2007
Conto Consuntivo Ambientale 2005Bilancio ambientale di previsione 2006
Conto Consuntivo Ambientale 2003-2004Bilancio ambientale di previsione 2005
Conto consuntivo ambientale 2002Linee programmatiche ambientali di mandato 2004-2009
Bilanci ambientali in pillole (versioni divulgative)
Bilancio ambientale in pillole 2012
Bilancio ambientale in pillole 2010 - Energia
Versione divulgativa CCA 2005
Versione divulgativa CCA 2006