Le Reggiane per Esempio

Ultimo Aggiornamento: 04/12/2018

Il Comune di Reggio Emilia, in occasione della ricorrenza civile della donna che ricorre l’8 marzo, vuole ricordare l’impegno e il protagonismo delle donne che da sempre caratterizza il territorio attraverso il bando “ Reggiane per Esempio”, con cui invita Enti, Istituzioni o Associazioni operanti sul territorio della provincia di Reggio Emilia a presentare le candidature di donne ritenute particolarmente meritevoli. Si offre così un’occasione per dar voce e visibilità a donne reggiane che si sono particolarmente impegnate a favore della comunità o distinte per capacità professionali, intraprendenza, creatività, talento, impegno sociale, politico, sportivo, culturale, donne di “ordinaria straordinarietà”. Ogni anno vengono presentati due diversi ambiti che possono spaziare dalla carriera sportiva, a quella imprenditoriale, sino ad arrivare alle artiste, alla sezione cultura e ricerca scientifica. Gli ambiti sono stati incrementati nel tempo, in seguito alle richieste ed ai suggerimenti promossi dalle Associazioni del tavolo di TrecentosessantacinqueGiorniDonna. Nello specifico sono stati introdotti due nuovi ambiti con le finalità di promozione e diffusione della cultura dei diritti e del contrasto alle discriminazioni. Le candidature verranno valutate da una Commissione composta da Sindaco, Assessora alle Pari opportunità, rappresentanti delle associazioni femminili di Reggio Emilia e delegati di associazioni di rappresentanza che operano negli ambiit di cui alle sezioni differenti di appartenenza delle candidate, scelti anno per anno. Ognuna delle donne che ogni anno, dal 2010, viene candidata a questa iniziativa, possiede delle caratteristiche degne di merito e nota. Ognuna di esse, nella propria personale unicità è capace di ispirare e spronare tutte le orgogliose reggiane nel mondo lavorativo, del sociale, nella vita stessa e negli ideali più importanti. Il premio consiste nella consegna della bandiera Tricolore da parte del Sindaco di Reggio Emilia durante le celebrazioni pubbliche della ricorrenza dell’8 marzo , un riconoscimento simbolico al valore dell’operato femminile.