Adempimenti del Committente e del Responsabile dei lavori in edilizia privata

Ultimo Aggiornamento: 07/02/2018

A norma del D.Lgs n. 81/2008 (Testo Unico della Sicurezza sul Lavoro) vi è l’obbligo da parte del committente o del responsabile dei lavori, di rispettare gli adempimenti previsti in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tra questi di verificare i requisiti delle imprese / artigiani che eseguono i lavori edilizi.
Per i lavori privati in edilizia si intendono interventi soggetti ai seguenti titoli edilizi:

  • Permesso di Costruire (PdC);
  • Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA);
  • Comunicazione di Inizio Attività di edilizia libera (CILA);

La dichiarazione dell'avvenuta verifica dei requisiti deve essere sottoscritta al momento dell'indicazione delle imprese esecutrici dei lavori in uno dei seguenti modi:

  • nell'apposito quadro del modulo Istanza titolo edilizio 

oppure

  • nella Dichiarazione del Committente o del Responsabile dei lavori da trasmettere con la Comunicazione di Inizio Lavori del PdC, con la comunicazione di inizio lavori differito della SCIA e della CILA, con la comunicazione di Variazione/sostituzione di impresa / artigiano in caso di nuovo affidamento.

 In particolare occorre comunicare i seguenti dati: 

  • notifica preliminare di cui all’articolo 99, del Decreto legislativo 81/2008 e s.m.e i., ove prevista;
  • avvenuta verifica, come prescritto dall'art.90 del D.lgs 81/2008 e s.m.e i., dell’idoneità tecnico-professionale delle imprese affidatarie, delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare;
    Tra i requisiti è indispensabile verificare la regolarità contributiva con il DURC.
  • anagrafiche delle imprese esecutrici/lavoratori autonomi al fine dell'acquisizione d'ufficio da parte dello Sportello Unico Edilizio Comunale del DURC, come previsto dall'art.14 comma 6 bis della L.35/2012.

Si avverte che in assenza del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100 o del fascicolo di cui all'articolo 91, comma 1, lettera b), quando previsti, oppure in assenza di notifica di cui all'articolo 99, quando prevista oppure in assenza del documento unico di regolarità contributiva (DURC) delle imprese o dei lavoratori autonomi è sospesa l'efficacia del titolo abilitativo e che la violazione delle disposizioni previste comporta l’applicazione di sanzioni penali e amministrative tra cui la sospensione dei lavori.

Nota

In allegato la guida realizzata dalla Commissione Sicurezza Interordini coordinata dal Collegio Costruttori Edili di Industriali Reggio Emilia e con la collaborazione di Provincia, Comune e AUSL; la guida interattiva analizza i ruoli e le responsabilità del committente sia in caso di lavori pubblici che privati riassumendo gli obblighi e i problemi che egli si troverà ad affrontare nell’organizzazione e gestione del cantiere.

Normativa

Circolare INPS n. 126 del 26/6/2015
Circolare INAIL n. 61 del 26/6/2015
Decreto Interministeriale 30/1/2015
Legge 35/2012 articolo 14 comma 6-bis
Comunicazione della Cassa Edile n. 495 del 12/6/2012 con allegate le circolari del ministero n. 6/2012 e n. 12/2012 sul DURC
Circolare n. 59 del 28/3/2011 dell'INPS
Decreto 24 ottobre 2007 del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
Circolare n.5 del 30/1/2008 del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale
Circolare n.7 del 5/2/2008 dell'INAIL
Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n.81 aggiornato con Decreto Legislativo 106/09
Ministero del Lavoro Salute Politiche Sociali - quesiti sul DURC
Circolare n. 35/2010 del Ministero del Lavoro Circolare Ministero del Lavoro n. 37 del 16/1/2012 sulla non autocertificabilità del DURC
Circolare congiunta INPS/INAIL n. 573 del 26/1/2012 sulla non autocertificabilità del DURC nei lavori edili privati

Dove Rivolgersi:
SUE Sportello Unico Edilizia - Accettazione e ritiro
Con riferimento alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 “Corona virus”, e in attuazione del DPCM del 17 maggio 2020, per consentire modalità di lavoro sicure ed efficaci, lo Sportello Unico Edilizia è aperto esclusivamente su appuntamento, fermo restando che gli operatori del SUE, preventivamente, prenderanno contatto con il professionista intestatario dell'appuntamento, per concordare eventuale altra modalità di erogazione del servizio.
In caso di appuntamento in presenza si comunica che per ottemperare al meglio alle misure di sicurezza e protezione è obbligatorio presentarsi agli appuntamenti con mascherina e guanti.
All’appuntamento dovrà presentarsi esclusivamente la persona che ha nominalmente provveduto a prenotare lo stesso.
Qualora la persona dovesse riscontrare una temperatura superiore ai 37,5°centigradi, dovrà annullare l’appuntamento.
Se nei giorni immediatamente successivi all’avvenuto appuntamento, la persona dovesse risultare positiva a COVID-19 dovrà comunicarlo agli uffici interessati.

Nella gestione degli appuntamenti il personale avrà cura di mantenere le distanze raccomandate dai provvedimenti governativi e dai provvedimenti interni ed evidenziati dall’apposita segnaletica all’uopo collocata in attuazione del piano della logistica COVID-19.
Si invitano i professionisti a privilegiare la presentazione delle seguenti pratiche tramite la piattaforma Sieder o via PEC comune.reggioemilia@pec.municipio.re.it, oppure via posta:
- cila , scia e pdc , varianti e tutto quanto ad essi collegati ( es: inizio lavori, fine lavori, cambio o subentro titoli , integrazione documentale ecc )
- deposito e conformita’ impianti e atti collegati
- depositi strutturali e atti collegati
- istanze di autorizzazione varie ( passi carrabili, antisismica,paesaggistica ecc)
- richiesta attestati varie o pareri preventivi
- richiesta numerazione civica
- certificati di destinazione urbanistica
- esposti e atti collegati

Per la presentazione di documenti cartacei al front office dello Sportello Unico per l’Edilizia, solo qualora non sia possibile l’invio con modalità telematiche, è allestita presso l'atrio di Palazzo Fonte una cassetta per la raccolta dei documenti cartacei da depositare. Si prega di indicare sulla documentazione depositata la casella di posta email ove ricevere il numero di Protocollo assegnato.
Indirizzo: Via Emilia A San Pietro, 12 - 42121 Reggio Emilia
Orario: Esclusivamente per la consegna ed il ritiro delle pratiche l'ufficio riceve: Su appuntamento il mercoledì, giovedì e venerdì mattina. L'appuntamento può essere preso esclusivamente online. Ad accesso libero il martedì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 e 17.00.
Telefono: 0522 456380 Gli operatori sono contattabili telefonicamente dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 9.00.
Fax: 0522 456110
Sportello tecnico informazioni
Con riferimento alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 “Corona virus”, e in attuazione del DPCM dell’8 marzo 2020 per consentire modalità di lavoro sicure ed efficaci si privilegeranno modalità di informazione e gestione delle pratiche edilizie in via telematica contenendo gli appuntamenti solo qualora strettamente necessari.
Lo sportello tecnico informazioni del Servizio Rigenerazione e Qualità Urbana svolgerà le sue funzioni utilizzando i canali telefonici ai seguenti numeri telefonici 0522 456554 e 0522 456396 il mercoledi e giovedi dalle 9.00 alle 13.00, e tramite email Contattami
Indirizzo: Via Emilia A San Pietro, 12 - 42121 Reggio Emilia
Orario: Lo Sportello Tecnico Informazioni risponderà a richieste telefoniche e a mezzo mail.
I tecnici non impegnati allo Sportello, ricevono solo previo appuntamento, da concordarsi telefonicamente o via mail, secondo lo schema  di seguito riportato:
Mail e orari dei tecnici
Telefono: 0522 456554 - 0522 456396 -  i tecnici dello Sportello Informazioni sono contattabili telefonicamente il mercoledì e il giovedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00
Fax: 0522 456144