Comune di Reggio Emilia

HomeUniti contro la violenza sulle donne

Uniti contro la violenza sulle donne

Ultimo Aggiornamento: 01/15/2015

Il Comune di Reggio Emilia, il Tavolo interistituzionale contro la violenza sulle donne, gli ordini professionali e le associazioni di genere avviano un nuovo percorso di partecipazione dal titolo “Dire no alla violenza riguarda tutti”, per coinvolgere e sensibilizzare sempre più cittadini e cittadine sul tema della violenza di genere. A questo proposito prenderà il via un ciclo di incontri aperti al pubblico, con l'obiettivo anche di ascoltare le idee e le opinioni dei cittadini e delle cittadine al fine di impostare le nuove azioni da mettere in campo per il periodo 2015-2018 in ambito sociale e culturale. Questa attività si aggiunge alle altre iniziative che Comune e Tavolo interistituzionale realizzano sul territorio di Reggio Emilia per contrastare il fenomeno dei maltrattamenti.
I dettagli dell'iniziativa sono stati presentati questa mattina in Municipio dall'assessora con delega alle Pari opportunità Natalia Maramotti, dal dirigente del servizio Decentramento e partecipazione dell'Amministrazione comunale Roberto Montagnani, dal dirigente della divisione Anticrimine Reggio Emilia Guglielmo Gino Magnani e da Maria Brini dell'associazione al femminile. Erano inoltre presenti la presidente del Consiglio notarile di Reggio Emilia Maura Manghi e Morena Camurri del Collegio delle ostetriche di Reggio Emilia.

Hanno detto - “Si tratta di un'occasione innovativa per affrontare insieme il tema della violenza di genere che - come sottolinea l'assessora con delega alle Pari opportunità Natalia Maramotti - a lungo è stato considerato una questione solo delle donne. Invece riguarda i diritti umani, perciò riguarda tutti. Le relazioni affettive di una famiglia, sia essa istituzionalizzata o fondata su una convivenza, caratterizzano la qualità di una comunità”. L'assessore ha dunque invitato le cittadini e i cittadini a iscriversi al ciclo di focus group: “Reggio è una realtà matura sul piano della partecipazione e da questi incontri ci aspettiamo un contributo alle azioni dell'Amministrazione”. A questo proposito l'assessora Maramotti ha ricordato alcune delle azioni che il Comune ha intrapreso da diversi anni: “Già dal 1997, attraverso il finanziamento all'associazione Nondasola e alla Casa delle donne, ci occupiamo di contrastare la violenza di genere. Inoltre, nel 2007 è stato costituito il Tavolo interistituzionale, un luogo centrale per promuovere la partecipazione e individuare efficaci e coordinate azioni di contrasto alla violenza sulle donne”.
Del Tavolo interistituzionale fa parte anche la Questura di Reggio Emilia, il cui impegno è stato ricordato dal dirigente della divisione Anticrimine Gugliemo Gino Magnani: “L'attenzione della Polizia di Stato per prevenire e contrastare il fenomeno è massima, prevedendo anche percorsi privilegiati di accoglienza delle vittime di violenza, con uffici dedicati e personale preparato”. Magnani ha anche ricordato l'efficacia, sul piano della prevenzione, dello strumento dell'ammonimento per i casi di stalking: “Nel 2014 abbiamo ricevuto circa 58 istanze di ammonimento. Nel momento in cui vi sono gli estremi perché queste siano accolte, mediamente nel 25 per cento dei casi, riusciamo ad intervenire. Si tratta di uno strumento prezioso per interrompere in tempo un percorso di violenza. La recidiva nei casi di soggetti ammoniti è infatti molto bassa”.
Maria Brini, dell'associazione al femminile, ha sottolineato “l'importanza della partecipazione nell'elaborazione di strategie di contrasto alla violenza di genere da parte di soggetti che svolgono diverse professioni: “Oltre all'esercizio delle professioni di medico e avvocato, sono infatti svariate le occasioni in cui in ragione del proprio lavoro si può incorrere in situazioni di violenza sulle donne ed è importante sapere come riconoscerle e affrontarle”.
Infine, il dirigente del servizio Decentramento e partecipazione del Comune Roberto Montagnani ha illustrato le modalità di lavoro dei focus group tematici che si terranno al Centro internazionale Loris Malaguzzi, “finalizzati a raccogliere punti di vista diversi, per mettere in campo le azioni migliori”.

Il convegno

La prima tappa del percorso è il convegno
“Prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne: soggetti diversi, responsabilità condivisa”
che si svolgerà il 17 gennaio 2015 alle 9.30
presso la Sala Capitano del Popolo Hotel Posta, piazza del Monte 2.
Sarà l’occasione per fare un quadro conoscitivo del fenomeno della violenza di genere, condividere la rete dei servizi presenti sul territorio ed evidenziare le problematiche più attuali.
Parleranno, in particolare, i soggetti che si occupano di accogliere le donne vittime di violenza, che offriranno alcuni spunti partendo dalle loro esperienze.

Il percorso di partecipazione
Il percorso prosegue attraverso un ciclo di 5 incontri in cui ascolteremo le idee e le opinioni dei cittadini e delle cittadine per impostare le nuove azioni da mettere in campo per il periodo 2015-2018 in ambito sociale e culturale.
Queste nuove attività si andranno a sommare a tutto ciò che Comune e Tavolo Interistituzionale hanno realizzato sul territorio di Reggio Emilia per contrastare il fenomeno dei maltrattamenti.

Iscrizioni
Tutti i cittadini e le cittadine sono invitati a partecipare e possono iscriversi al ciclo di incontri mandando:
un'e-mail a partecipazione@municipio.re.it o telefonando al numero 0522 456032

Gli incontri si terranno presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi via Bligny 1, dalle 20.30 alle 23.30
28/1/2015

    Le diverse visioni della violenza di genere
    Cos'è per te la violenza di genere?
4/2/2015
    I segnali della violenza
    Da cosa riconosci la violenza?
18/2/2015
    Chi agisce violenza
    Come ti immagini chi fa violenza alle donne?
4/3/2015
    Il ruolo delle istituzioni
    Cosa possono fare le istituzioni per prevenire la violenza e per aiutare le vittime?
18/3/2015
    Il ruolo della società civile
    Io cosa posso fare per prevenire la violenza e per aiutare le vittime?