Comune di Reggio Emilia

Home Il Comune [OLD PARTECIPAZIONE] Via Toschi - Via San Carlo (2010)

[OLD PARTECIPAZIONE] Via Toschi - Via San Carlo (2010)

Ultimo Aggiornamento: 04/13/2015

Da diversi anni la zona compresa tra via Toschi e via San Carlo è divenuta uno dei maggiori punti di attrazione della città, in particolare per i giovani e nelle ore serali.
Se da un lato le attività di ristorazione e somministrazione bevande presenti in tali vie hanno contribuito a rivitalizzare tale zona del Centro Storico sottraendola ai rischi che a volte vivono le zone delle città non frequentate nelle ore serali, è altrettanto vero che la compresenza di tali attività può creare disagio ai residenti, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo.

Gli obiettivi
L’Amministrazione comunale ha quindi deciso di affrontare le segnalazioni di disagio e di problemi legati alla compresenza di molteplici interessi in quell'area, proseguendo l’attività di confronto iniziata ad ottobre 2009 con i soggetti interessati, in particolare con i residenti ed i pubblici esercenti, al fine di concertare interventi tesi a favorirne la pacifica convivenza.

Fasi del processo

Avvio del processo
Nel febbraio 2010 è stato quindi avviato un percorso di confronto con tutti i soggetti interessati, finalizzato all’approfondimento e confronto reciproco sui principali temi di dibattito:
  • le politiche di rivitalizzazione del Centro Storico;
  • le distese, gli orari, le regole;
  • la mobilità e la sosta in Centro Storico.

Il confronto è stato realizzato organizzando tre gruppi di lavoro, composti da rappresentanti di Organizzazioni di categoria, da esercenti e commercianti, dai residenti nelle zone individuate e da una rappresentanza degli studenti universitari, che sono intervenuti nella duplice veste di fruitori dei locali e di abitanti nel Centro Storico.
Successivamente sono stati organizzati altri due momenti di confronto: il primo è stato finalizzato alla presentazione da parte dell'Amministrazione dei primi risultati dell'attività svolta a seguito dei risultati del processo ed una prima proposta di Patto di Cittadinanza; il secondo momento di approfondimento e confronto si è svolto alla fine di maggio sul tema dei controlli e della sicurezza nell'area.

I risultati del processo
Giovedì 3 giugno 2010, prima dell’avvio della stagione estiva, è stato sottoscritto il Patto di Cittadinanza per via Toschi - via San Carlo. Per l'Amministrazione comunale ha firmato il Sindaco Graziano Delrio, a cui sono seguite le sottoscrizioni di: Confcommercio, Confesercenti, Cna, "Le Vie del Centro", Comitato Vivere in Centro, un gruppo di studenti universitari che hanno partecipato attivamente a tutti gli incontri del percorso e numerosi residenti ed esercenti dell'area.
Il Patto contiene una serie di impegni, da parte di tutti i soggetti coinvolti nel processo e che hanno sottoscritto il Patto, finalizzati a garantire una coesistenza di tutti gli interessi ed attività nell’area, soprattutto nell’orario serale.

Fase di attuazione: il monitoraggio e la co – progettazione
Terminata le prima fase di sperimentazione durante l’estate, nell’autunno è stato realizzato il primo incontro di monitoraggio dei risultati dell’applicazione del Patto, che ha evidenziato l’esistenza di alcune lacune, ma anche elementi positivi.
Analogamente, nella primavera 2011 è stato realizzato un ulteriore momento di confronto alla presenza del Comandante della Polizia Municipale Dr. Antonio Russo, per approfondire il tema della sicurezza in Centro Storico e per fare il punto sulle misure da adottare per l’estate 2011.

Nell'ambito del processo partecipato si è autocostituito un Gruppo di lavoro autonomo nominatosi "CITTAPERTE", che ha realizzato un proprio sito dove condividere obiettivi, progetti e iniziative da realizzare, con tutti coloro che sono interessati a costruire "Una rete del centro storico che favorisca legami sociali solidi, unifichi i cittadini nell'agire, offra occasioni di incontro in luoghi e tempi non scontati, contribuisca alla costruzione di una comunità democratica e partecipata e contrasti ogni pretesa non negoziabile."
Il Gruppo "CITTAPERTE" ha anche presentato alcuni progetti nell'ambito del bando comunale "I reggiani per esempio" per l’anno 2010-2011, vincendo una parte dei finanziamenti previsti per la realizzazione dei progetti.