Gli interventi di recupero

Ultimo Aggiornamento: 05/27/2015

L’insieme degli interventi di recupero che si stanno svolgendo sull’area San Lazzaro recepisce e dà seguito agli indirizzi definiti dallo strumento urbanistico denominato “Programma di Riqualificazione Urbana (PRU) San Lazzaro”.

Il PRU è un piano urbanistico attuativo che prefigura un nuovo assetto territoriale e urbanistico dell’area, ponendosi come finalità l’insediamento del nuovo Campus Universitario, ed è stato approvato con Decreto del Presidente della Provincia nel febbraio 2011.
Gli interventi di recupero in corso di realizzazione hanno avviato il processo di esclusione del traffico veicolare all'interno del complesso, tema portante del PRU. Secondo le sue previsioni, il sistema di accessibilità sarà infatti sostanzialmente modificato, distribuendo la circolazione veicolare sul perimetro esterno dell’area. L’accesso dei veicoli all’interno del Campus sarà riservata esclusivamente a disabili, mezzi di soccorso, e autorizzati attraverso accessi regolati da pilomat. All’interno del parco si snoderà, invece, una serie di percorsi ciclopedonali, collegati con i viali principali, in grado di raggiungere tutte le diverse attività del complesso.

via AmendolaRiqualificazione parco storico, messa in sicurezza di via Amendola e ampliamento parcheggio Funakoshi
I lavori del Lotto B del primo stralcio, che avranno la durata prevista di un anno, consistono nella riqualificazione di vaste aree del parco storico, comprese quelle dei padiglioni universitari, nella messa in sicurezza di via Amendola, nell’ampliamento del parcheggio “Funakoshi”.
Nella prima fase, la cui conclusione è prevista per l'autunno 2014, sarà ampliato fino a 260 posti auto il parcheggio scambiatore Funakoshi e riposizionata la fermata del minibù, installata una stazione di bike-sharing, piantumate nuove alberature e modificata in parte la viabilità di via Mattei. Saranno inoltre riqualificate le aree dei sei padiglioni in uso all’Università, con relativa illuminazione, recinzioni e dotazioni di arredo urbano.
La seconda fase, che avrà invece inizio nel corso dell'estate per terminare anch'essa entro l'autunno, riguarderà la riqualificazione e la messa in sicurezza del tratto della via Emilia prospiciente il San Lazzaro, con la risagomatura della sede stradale, la realizzazione di un nuovo marciapiede e di attraversamenti pedonali protetti e il potenziamento dell’illuminazione.
Con la terza ed ultima fase dei lavori, dall'inverno 2014 alla primavera 2015, sono infine previste la riqualificazione dei principali percorsi ciclopedonali interni al San Lazzaro con, tra l'altro, la posa di nuove alberature, e la dotazione di un sistema di controllo degli accessi, per regolamentare la viabilità all’interno del parco.
Il primo stralcio (lotti A e B) comporta una spesa di 3.133.000 euro (1.200.000 euro per il lotto A, 1.933.000 per il lotto B), finanziata da Comune e Università.

Ingresso San LazzaroIngresso storico Area San Lazzaro
Nei prossimi mesi, Comune di Reggio e Asl avvieranno anche il cantiere relativo al secondo stralcio del Pru San Lazzaro, un intervento con il quale sarà migliorato e reso più sicuro l’ingresso storico al San Lazzaro e il viale corrispondente, con la sua trasformazione in accesso esclusivamente ciclopedonale. Sarà inoltre reso più razionale e messo in sicurezza lo spazio antistante su via Amendola, con la creazione di una piazzola per l’attesa degli autobus e un attraversamento stradale protetto.
L’intervento comporterà una spesa di 180.000 euro, finanziati da Comune e Asl.
Il Comune di Reggio Emilia, inoltre, affiderà a sponsor privati la realizzazione e la manutenzione, per un periodo tra i due e i dieci anni, delle aree verdi all’interno dell’aiuola prospiciente l’ingresso e delle alberature che fiancheggeranno il nuovo viale ciclo-pedonale.
Le aree verdi oggetto del bando saranno realizzate in corrispondenza dell’ingresso storico all’area San Lazzaro, contemporaneamente ai previsti lavori di riqualificazione.
Quest'area rappresenterà il principale punto di accesso alle strutture dell’Ausl, che contano una passaggio annuo, fra dipendenti e utenti, di oltre 300.000 persone, alle quali si aggiunge l’utenza diretta quotidianamente ai padiglioni dell’Università di Modena e Reggio, che conta 1.600 iscritti alle facoltà presenti nell'area.

MetropolitanaLa fermata 'San Lazzaro' della metropolitana di superficie
Nella primavera 2011 è stata inaugurata la fermata “San Lazzaro” della nuova metropolitana di superficie che collega il Campus alla Stazione Centrale ed al centro d'interscambio della mobilità di Piazzale Europa. La fermata è collegata direttamente al campus attraverso un sottopasso ciclopedonale.

 

parcheggiI parcheggi pubblici
Nell’autunno 2012 è stata ultimata la realizzazione dei parcheggi pubblici dedicati al complesso, con una dotazione complessiva di 469 nuovi posti auto. I nuovi parcheggi, distribuiti lungo la ferrovia, sono accessibili dagli automobilisti direttamente da via Doberdò, quindi sono collegati all’area interna del campus tramite una serie di vialetti ciclo-pedonali di nuova realizzazione.
Di fronte all’accesso storico al complesso è previsto l’ampliamento del parcheggio scambiatore Funakoshi, collegato al centro storico con una nuova linea di trasporto pubblico. 

riqualificazione del parcoLa riqualificazione del parco
L’intervento di riqualificazione del parco, di prossimo avvio, prevede la sistemazione delle aree di pertinenza dei sei padiglioni universitari in funzione con il rifacimento delle pavimentazioni, il recupero delle cancellate originali e la dotazione di nuovi sistemi di illuminazione e di arredo urbano, nel rispetto della struttura originaria degli spazi storici. 

 

viali interniI viali interni
Il progetto di recupero intende valorizzare anche l’aspetto emozionale legato a questo luogo. La riqualificazione dei viali interni di collegamento avverrà attraverso l’implementazione del patrimonio verde, il rifacimento di parte delle pavimentazioni, l’inserimento di nuovi elementi di arredo urbano e di corpi illuminanti differenziati a seconda dell’ambito in specifico in cui verranno collocati. Per le aree comuni, originariamente prive di qualsiasi tipo di illuminazione, si opterà per un elemento che non rispecchi un approccio progettuale strettamente conservativo, ma piuttosto “emozionale”.

via EmiliaLa via Emilia
La riqualificazione si estenderà anche al tratto di Via Emilia prospiciente il parco, comprendendo la realizzazione di attraversamenti pedonali, tratti di marciapiede e fermate autobus potenziate sia dal punto di vista della sicurezza degli utenti che da quello della qualità formale.

 

altri interventiAltri interventi
Alla luce della richiesta dell’ateneo di inserire all’interno del campus i nuovi laboratori delle facoltà di Agraria e di Ingegneria, si sta procedendo con gli approfondimenti progettuali finalizzati al loro inserimento all’interno del complesso del San Lazzaro.
I nuovi laboratori della facoltà di Agraria e le serre potranno essere collocati nella ex Colonia Agricola. Sulle basi di questo antico edificio, si prevede di realizzarne uno nuovo, utilizzando materiali di recupero e materiali nuovi. 
I nuovi laboratori della facoltà di Ingegneria potranno essere collocati nella ex Porcilaia.