Comune di Reggio Emilia

Home Il Comune [OLD PARTECIPAZIONE] Zona Stazione (2007)

[OLD PARTECIPAZIONE] Zona Stazione (2007)

Ultimo Aggiornamento: 01/19/2015

Il quartiere intorno alla stazione ferroviaria di Reggio Emilia è stato attraversato da rilevanti fenomeni di trasformazione sociale che hanno portato nuove problematicità sociali e di impatto con il tessuto civile preesistente.
L’Amministrazione comunale nel 2007 ha quindi messo a punto un progetto strategico per la Zona Stazione, che si è articolato in varie direttrici d’intervento, dalla riqualificazione urbana ad un più presente presidio della Polizia municipale, dai temi della prevenzione a quelli dell’educazione alla convivenza, dalla qualificazione della rete dei servizi all’individuazione di una serie di strumenti di monitoraggio e controllo della zona. Tale progetto si è realizzato attraverso un percorso di partecipazione, che ha coinvolto tutti i possibili portatori di interesse presenti sul territorio al fine di definire alcuni obiettivi di migliore qualità del vivere, su cui impegnarsi insieme.

Gli obiettivi
Il processo è stato un percorso di progettazione partecipata che, dall’analisi dei problemi della zona, intendeva giungere, passando per l'individuazione degli obiettivi, alla proposta di soluzioni praticabili, attraverso un’azione inclusiva della popolazione che vive nell’area e degli interessi di tutti gli attori in campo. Al termine del percorso, l’Amministrazione comunale ha siglato con i residenti del quartiere un “Patto per la convivenza, le regole e la responsabilità” di ognuno.

Fasi del processo
Il processo si è svolto utilizzando strumenti di consultazione ed in particolare il metodo del "Quadro Logico". Il Quadro Logico è una metodologia per la progettazione partecipata elaborata alla fine degli anni ’60 negli USA, che consiste in un processo analitico ed in un modo di presentare i risultati di questo processo, che rende possibile progettare garantendo la rilevanza per i beneficiari delle azioni, ed in cui rischi sono presi realmente in considerazione.
Il percorso ha seguito varie fasi:
  • individuazione e contatto dei portatori di interesse
  • colloqui individuali o a piccoli gruppi con i portatori di interesse individuati per raccogliere i problemi
  • organizzazione di 4 seminari per l’analisi dei problemi e la proposta di soluzioni.
Al processo hanno partecipato cittadini residenti e commercianti dell’area e rappresentanti di Istituzioni, associazioni e organizzazioni interessate alla zona. Complessivamente sono state coinvolte circa 180 persone, contattate e consultate attraverso interviste e colloqui; di queste, 60 hanno partecipato ai seminari di progettazione con il Quadro Logico.

Risultati del processo
Al termine di questo percorso di partecipazione, l’Amministrazione comunale ha stipulato con i residenti un “Patto per la convivenza, le regole, la responsabilità in Zona Stazione”, cioè un documento contenente obiettivi, tempi e disponibilità, sottoscrivendo il quale ognuno si impegna direttamente a operare per il raggiungimento degli obiettivi e delle scelte insieme definite. Il documento, sottoscritto da tutti, è stato assunto quale documento strategico di riferimento per le nuove politiche del Comune che ha stanziato in bilancio somme dedicate alla realizzazione di quanto siglato con il patto.