Perdita assegnazione alloggio di edilizia residenziale pubblica

Ultimo Aggiornamento: 06/13/2019

La decadenza dall'assegnazione è dichiarata dal Comune e può essere disposta su segnalazione dell' Ente gestore o d’ufficio.

Condizioni
La decadenza può essere dichiarata per:
A . abbandono dell’alloggio senza gravi motivi per un periodo superiore a 3 mesi o per sublocazione o cambiamento di destinazione d’uso di tutto o di parte dell’alloggio
B. alloggio adibito a scopi illeciti o immorali o contravvenzione al regolamento d’uso degli alloggi
C. gravi danni causati all’alloggio o alle parti comuni del fabbricato
D. morosità per un periodo superiore a 3 mesi
E. perdita dei requisiti per l’accesso di cittadinanza, residenza, titolarità di diritti di proprietà su altri immobili e assenza di precedenti assegnazioni o contributi
F. superamento del limite di reddito per la permanenza fissato dalla Regione con propria direttiva
G. inadempienza rispetto alla periodica richiesta di informazioni e documentazione per l’accertamento del reddito del nucleo famigliare e dei requisiti per la permanenza
H. esecuzione di opere sulle parti comuni del fabbricato senza l’apposito titolo abilitativo.
H-BIS. non abbia consentito l'accesso all'alloggio agli agenti accertatori di cui all'art. 34 bis e agli agenti della Polizia Locale per periodiche verifiche e ispezioni sulla conduzione dell'alloggio;
H-TER. non abbia consentito l'esecuzione di opere di manutenzione determinando gravi danni all'alloggio;
H-QUATER. abbia opposto il secondo rifiuto alla mobilità d'ufficio ai sensi dell'art. 28 comma 3.

La decadenza comporta
Nei casi A, B, C, D, H-bis e H-ter la risoluzione di diritto del contratto, il rilascio immediato dell’immobile nonchè l'inibizione della presentazione della domanda per un periodo di due anni dalla pronuncia di decadenza e comunque, nei casi di inadempienza nel pagamento del canone, fino a quando tale condizione permanga. Nei casi E, F, G e H la disdetta del contratto di locazione e il rilascio dell’alloggio con decorrenza da un anno dopo la dichiarazione di decadenza.

Il provvedimento ha natura definitiva e costituisce titolo esecutivo nei confronti dell’assegnatario e di chiunque occupi l’alloggio; non è inoltre soggetto a proroghe.

Dal momento della dichiarazione di decadenza e fino all’effettivo rilascio dell’alloggio è dovuto un canone di locazione maggiorato. La maggiorazione è calcolata nei modi stabiliti dalla Legge.

 L’occupazione senza titoloL'occupazione senza titolo dell’alloggio comporta il rilascio dello stesso entro 30 giorni dalla data della diffida.

L’occupazione abusiva L'occupazione abusiva dell’alloggio comporta il rilascio dello stesso entro 15 giorni dalla data della diffida.
Il Comune persegue inoltre gli occupanti abusivi ai sensi dell’articolo 633 del Codice Penale.

Ai sensi di quanto previsto dalla LR 24/2001 e successive modificazioni all'art. 33, ACER ha predisposto un piano di controlli tuttora in corso, nell'ambito del quale vengono verificati i requisiti per la permanenza con particolare riferimento al reddito.
Nel caso vengano rilevate irregolarità sull'ISE consegnata ad ACER per il calcolo del canone, lo stesso potrà richiedere la riscossione degli arretrati ricalcolati sulla base del valore ISE ridefinito correttamente. Qualora si verifichi l'insussistenza dei requisiti per la permanenza il Comune procederà con la pronuncia della decadenza dall'assegnazione.

Normativa
Legge Regionale del 08/08/2001 n. 24 e successive modificazioni.

Dove Rivolgersi:
Ufficio Casa
Orario estivo
Dal 24 giugno al 30 settembre: chiuso il pomeriggio
Indirizzo: Viale Monte Grappa, 13/D - 42121 Reggio Emilia
Orario: Mattino: lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10.30 alle 12.30 pomeriggio: martedì dalle 14.45 alle 16.45. Giovedì: Chiuso. L'orario di risposta telefonica è: tutti i giorni escluso il sabato dalle ore 8.30 alle ore 10.30.
Telefono: 0522 585612
Fax: 0522 455709