Percorso partecipativo - Reggia di Rivalta (2006)

Ultimo Aggiornamento: 01/19/2015
Percorso partecipativo Reggio di Rivalta

Nel 2004, in seguito all’acquisizione da parte del Comune di Reggio Emilia della Reggia di Rivalta e del suo parco, l’Amministrazione ha deciso di avviare, per il recupero di questo importante patrimonio storico ed architettonico, un percorso di partecipazione finalizzato a coinvolgere i cittadini di Rivalta nell’individuazione di un’idea condivisa per il recupero e la valorizzazione della struttura e dei suoi spazi verdi.

Obiettivi del progetto

L’approccio partecipativo, scelto dall’Amministrazione, è stato finalizzato alla definizione progettuale degli interventi (fisici, sociali, culturali, ecc.), garantendo la comunicazione, la collaborazione ed l’eventuale negoziazione fra gli abitanti e i diversi soggetti interessati alla definizione del programma. L’obiettivo principale della costruzione di uno percorso partecipato progettuale è stato quello di facilitare il dialogo fra le varie parti — settore pubblico, settore privato, cittadinanza locale — per consentire l’individuazione di soluzioni consensuali, connotate da un elevato grado di identificazione e appropriazione da parte dei destinatari degli interventi.

Fasi del processo

Fase di indagine

Il processo di riqualificazione è stato avviato nel febbraio 2006 con una prima fase di indagine, tramite interviste dirette, finalizzata a far emergere le idee dei cittadini sui possibili utilizzi della Reggia e del suo parco, e sulle possibili connessioni tra il progetto di riqualificazione ed altri progetti previsti sul territorio. L’indagine ha coinvolto direttamente i cittadini, le associazioni ed i rappresentanti di enti ed organizzazioni pubbliche.

Fase della progettazione partecipata

Per verificare ed approfondire con l’intera comunità reggiana le informazioni e le osservazioni raccolte durante la prima fase di studio, l’Amministrazione ha deciso di organizzare uno specifico evento di progettazione partecipata, l’Open Space Technology (OST), per individuare i possibili progetti di recupero e riqualificazione della Reggia di Rivalta. L’OST è una specifica tecnica di partecipazione adatta a coinvolgere ampi gruppi di persone in eventi pubblici, che abbiano come obiettivo non solo l’ascolto degli stakeholders, ma anche la costruzione di risultati ampiamente condivisi (proposte concrete o anche semplicemente di indicazioni sulle azioni da fare o da programmare). Si tratta di un vero e proprio momento di ascolto/creazione collettivo (una sorta di gigantesco brainstorming), che permette di ampliare il quadro delle possibili soluzioni in merito ad un problema. All’evento di partecipazione, che si è svolto sabato 2 dicembre 2006, presso la "Fonderia" (ex Fonderia Lombardini), hanno partecipato oltre 120 cittadini reggiani. Nell’arco di una giornata di lavoro i partecipanti, aiutati da facilitatori professionisti, partendo dalla domanda “Cosa possiamo fare per ridare vita alla Reggia di Rivalta e al suo parco?” sono arrivati a definire i temi su cui concentrare l’attenzione, si sono suddivisi in gruppi di lavoro, hanno tirato le fila delle discussioni ed hanno scritto un sintetico rapporto dei risultati (redatto, impaginato e stampato in tempo reale dai suoi stessi protagonisti), reso disponibile dallo staff, alla fine della sessione di lavoro, per tutti i partecipanti all’evento.

Fase dei laboratori progettuali

La terza fase del processo è la fase di simulazione progettuale finalizzata alla verifica e all'approfondimento delle proposte e dei suggerimenti avanzati dai cittadini. Sono stati organizzati alcuni laboratori progettuali, che hanno visto il coinvolgimento, oltre ad esperti e tecnici di settore, di rappresentanti di associazioni o enti che hanno partecipato al processo.

I risultati del processo

Quanto emerso dal lavoro con i cittadini e dai successivi laboratori progettuali - linee guida per l’attuazione e mappe delle progettualità - e l’orientamento dell’Amministrazione sono stati illustrati il 22 giugno 2007 al pubblico e agli stessi partecipanti al percorso partecipato dal Sindaco di Reggio, Graziano Delrio, dall’Assessore ai Lavori pubblici Carla Colzi e da Andrea Pillon, consulente di Avventura Urbana. L’orientamento dell’Amministrazione comunale per la riqualificazione e il riuso del Parco e della Reggia di Rivalta è, secondo le indicazioni emerse dal percorso di progettazione partecipata, di creare un parco del Benessere, dedicato al ben vivere e alla lentezza, all’otium latino, al relax, di distacco dalla frenesia. Per completare l’iter di partecipazione e per verificare l’interesse di operatori qualificati, nel mese di maggio del 2008, è stato indetto un avviso pubblico finalizzato all’acquisizione di manifestazioni di interesse, pareri e/o proposte utili per la valutazione delle idee presentate in merito alla realizzazione del progetto di riqualificazione e gestione della Reggia di Rivalta e la loro sostenibilità tecnica ed economica. Purtroppo a causa della crisi economica nessun operatore ha manifestato interesse al progetto, ma in questi anni la comunità di Rivalta in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia, hanno portato avanti interventi di recupero e sono state organizzate numerose iniziative e manifestazioni culturali che stanno mantenendo attivo l'interesse verso questo importante patrimonio storico. Sono anche stati realizzati nuovi parcheggi e la sistemazione della via d'accesso alla Reggia.