Attestato di qualificazione energetica (AQE)

Ultimo Aggiornamento: 02/07/2018

Dal 1° ottobre 2015 è in vigore la Delibera di Giunta Regionale n. 967 del 20 luglio 2015 che definisce nuove disposizioni in materia di presentazione energetica degli edifici, tra cui anche quelle relative all’AQE. Tali disposizioni si applicano agli interventi con richiesta/presentazione di titolo abilitativo o comunicazione inizio lavori successiva al 1° ottobre 2015, mentre per le varianti in corso d’opera e per le variazioni essenziali relative a titoli edilizi in corso di validità al 1° ottobre 2015 continuano a trovare applicazione le disposizioni di cui alla DAL n. 156 del 4 marzo 2008 e s.m.i., ed in particolare quelle riportate ai punti 1, 3 e 4 nonché negli Allegati 1,2,3,4,5,13 e15, come indicato all’art. 3 della DGR 967/2015.

A. Disposizioni per interventi comunicati prima del 1°ottobre 2015

Ai sensi di quanto enunciato al punto 4 della Delibera di Assemblea Legislativa 156/2008 e successive modifiche, per tutti gli interventi ricadenti nell’ambito di applicazione della delibera stessa (definiti al punto 3.1), in particolare:

  • nuova costruzione o demolizione e ricostruzione [punto 3.1 lettera a) della stessa delibera]
  • interventi su edifici o impianti esistenti che prevedano la modifica della loro prestazione energetica [punto 3.1 lettere b) e c) della stessa delibera]

al termine dei lavori è obbligatoria la redazione e consegna al Comune dell’Attestato di Qualificazione Energetica (AQE).

L’AQE dell’edificio (o di una sua parte), redatto da uno o più tecnici qualificati, in riferimento ai propri ambiti di competenza, è asseverato dal direttore dei lavori e:

  1. attesta la conformità delle opere realizzate al progetto, nel rispetto dei valori limite fissati dalle norme vigenti
  2. attesta la prestazione energetica complessiva o parziale del sistema edificio/impianto
  3. indica i possibili interventi migliorativi in un bilancio costi/benefici.

l’AQE e la dichiarazione di conformità delle opere realizzate rispetto al progetto sono necessari per il collaudo delle opere e per il rilascio del certificato di conformità edilizia ed agibilità e non possono costituire un onere aggiuntivo per il committente. Il Comune dichiara irricevibile la dichiarazione di fine lavori se la stessa non è accompagnata dalla predetta documentazione.
Al punto 4.7 della D.A.L. 156/2008 sono specificate le modalità di redazione dell’AQE, mentre per quanto riguarda i suoi contenuti obbligatori, è necessario fare riferimento a quanto indicato in Allegato 5 della stessa delibera, come modificato dalla D.G.R. 1366/2011.

B. Disposizioni per interventi comunicati dal 1° ottobre 2015

Ai sensi di quanto enunciato all’art. 8, c. 9 della DGR 967/2015, al termine di:

  • lavori di nuova costruzione di cui all’art. 3 comma 2 lett. a)
  • lavori su edifici esistenti soggetti a ristrutturazioni importanti di primo livello di cui all’art. 3 comma 2 lett. b) punto i
  • lavori di ampliamento di cui all’art. 3 comma 3 punto i

deve essere predisposto e asseverato da un professionista abilitato, non necessariamente estraneo alla proprietà, alla progettazione o alla realizzazione dell'edificio, l’Attestato di Qualificazione Energetica, senza alcun onere aggiuntivo per il committente. Tale attestato deve poi essere consegnato al Comune.
L’Attestato di Qualificazione Energetica, redatto in conformità allo schema di cui all’Allegato 5, attesta il rispetto dei requisiti minimi di prestazione energetica previsti e riporta i fabbisogni di energia primaria di calcolo, la classe di appartenenza dell'edificio, o dell'unità immobiliare, in relazione al sistema di certificazione energetica in vigore, ed i corrispondenti valori massimi ammissibili fissati dalla normativa in vigore per il caso specifico o, ove non siano fissati tali limiti, per un identico edificio di nuova costruzione.
Nel caso di interventi di riqualificazione energetica di cui all’art. 3 c. 2 lett. c), nel caso in cui l’intervento preveda la mera sostituzione di elementi edilizi o di sistemi tecnici per l’edilizia funzionalmente autonomi e dotati di caratteristiche prestazionali certificate, la conformità delle opere realizzate rispetto al progetto è attestata dall’impresa esecutrice.

L’AQE e, quando prevista, l’attestazione delle opere da parte dell’impresa esecutrice, sono allegati alla richiesta di certificato di conformità edilizia e agibilità ovvero alla comunicazione di fine dei lavori per le opere soggette a CIL. Nel caso di interventi di attività edilizia libera non soggetto a CIL la stessa documentazione è conservata dal proprietario o da chi ne ha titolo.

C. Disposizioni comuni a tutti gli interventi

L'attestato di qualificazione energetica deve essere consegnato presso lo Sportello Unico per l’Edilizia (SUE) in duplice copia originale.
In caso di mancata consegna dell’AQE sono previste sanzioni e conseguente segnalazione all’ordine o collegio professionale competente a carico del Direttore Lavori (art. 15, comma 4 del D. Lgs 192/2005 e successive modifiche).

Normativa

D.A.L. 156/2008 e successive modifiche e integrazioni
D.G.R. 967/2015

Dove Rivolgersi:
SUE Sportello Unico Edilizia - Accettazione e ritiro
Con riferimento alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 “Corona virus”, e in attuazione del DPCM del 17 maggio 2020, per consentire modalità di lavoro sicure ed efficaci, lo Sportello Unico Edilizia è aperto esclusivamente su appuntamento, fermo restando che gli operatori del SUE, preventivamente, prenderanno contatto con il professionista intestatario dell'appuntamento, per concordare eventuale altra modalità di erogazione del servizio.
In caso di appuntamento in presenza si comunica che per ottemperare al meglio alle misure di sicurezza e protezione è obbligatorio presentarsi agli appuntamenti con mascherina e guanti.
All’appuntamento dovrà presentarsi esclusivamente la persona che ha nominalmente provveduto a prenotare lo stesso.
Qualora la persona dovesse riscontrare una temperatura superiore ai 37,5°centigradi, dovrà annullare l’appuntamento.
Se nei giorni immediatamente successivi all’avvenuto appuntamento, la persona dovesse risultare positiva a COVID-19 dovrà comunicarlo agli uffici interessati.

Nella gestione degli appuntamenti il personale avrà cura di mantenere le distanze raccomandate dai provvedimenti governativi e dai provvedimenti interni ed evidenziati dall’apposita segnaletica all’uopo collocata in attuazione del piano della logistica COVID-19.
Si invitano i professionisti a privilegiare la presentazione delle seguenti pratiche tramite la piattaforma Sieder o via PEC comune.reggioemilia@pec.municipio.re.it, oppure via posta:
- cila , scia e pdc , varianti e tutto quanto ad essi collegati ( es: inizio lavori, fine lavori, cambio o subentro titoli , integrazione documentale ecc )
- deposito e conformita’ impianti e atti collegati
- depositi strutturali e atti collegati
- istanze di autorizzazione varie ( passi carrabili, antisismica,paesaggistica ecc)
- richiesta attestati varie o pareri preventivi
- richiesta numerazione civica
- certificati di destinazione urbanistica
- esposti e atti collegati

Per la presentazione di documenti cartacei al front office dello Sportello Unico per l’Edilizia, solo qualora non sia possibile l’invio con modalità telematiche, è allestita presso l'atrio di Palazzo Fonte una cassetta per la raccolta dei documenti cartacei da depositare. Si prega di indicare sulla documentazione depositata la casella di posta email ove ricevere il numero di Protocollo assegnato.
Indirizzo: Via Emilia A San Pietro, 12 - 42121 Reggio Emilia
Orario: Lo Sportello Unico Edilizia è aperto esclusivamente su appuntamento da prendersi tramite agenda elettronica. Restano ferme le misure di sicurezza e protezione anti Covid.
Telefono: 0522 456380 Gli operatori sono contattabili telefonicamente dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 9.00.
Fax: 0522 456110
Sportello tecnico informazioni
Con riferimento alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 “Corona virus”, e in attuazione del DPCM dell’8 marzo 2020 per consentire modalità di lavoro sicure ed efficaci si privilegeranno modalità di informazione e gestione delle pratiche edilizie in via telematica contenendo gli appuntamenti solo qualora strettamente necessari.
Lo sportello tecnico informazioni del Servizio Rigenerazione e Qualità Urbana svolgerà le sue funzioni utilizzando i canali telefonici ai seguenti numeri telefonici 0522 456554 e 0522 456396 il mercoledi e giovedi dalle 9.00 alle 13.00, e tramite email Contattami
Indirizzo: Via Emilia A San Pietro, 12 - 42121 Reggio Emilia
Orario: Lo Sportello Tecnico Informazioni risponderà a richieste telefoniche e a mezzo mail.
I tecnici non impegnati allo Sportello, ricevono solo previo appuntamento, da concordarsi telefonicamente o via mail, secondo lo schema  di seguito riportato:
Mail e orari dei tecnici
Telefono: 0522 456554 - 0522 456396 -  i tecnici dello Sportello Informazioni sono contattabili telefonicamente il mercoledì e il giovedì dalle ore 9.00 alle ore 13.00
Fax: 0522 456144