Contestazioni e ricorsi a verbali od atti d'accertamento - Codice della strada

Ultimo Aggiornamento: 09/22/2017

Il Comando Polizia Municipale di Reggio Emilia, nel rispetto delle norme dettate dalla Legge n. 689 del 1981 e dal Codice della Strada non può procedere all'archiviazione o all'annullamento delle sanzioni contestate direttamente su strada o comunque notificate ai proprietari dei veicoli oppure agli altri obbligati in solido.

Presentare ricorso contro verbali di contestazione o atti di accertamento 

In base a quanto previsto dall’articolo 204-bis del Codice della Strada, contro i verbali di contestazione può essere proposto ricorso giurisdizionale al Giudice di Pace di Reggio Emilia, entro trenta giorni dalla contestazione o notificazione del verbale.
In alternativa, in base all’articolo 203 del Codice della Strada, è possibile presentare ricorso al Prefetto di Reggio Emilia, entro sessanta giorni dalla contestazione o notificazione del verbale.

Il ricorso al Prefetto può:

  • essere presentato direttamente al Comando Polizia Municipale di Reggio Emilia se l’agente che ha effettuato l’accertamento appartiene a tale Ufficio;
  • essere trasmesso, con raccomandata con ricevuta di ritorno, al Prefetto di Reggio Emilia o al Comando Polizia Municipale di Reggio Emilia, sempre se l’agente che ha effettuato l’accertamento appartiene a tale Ufficio.

La scelta di una tipologia di ricorso, giurisdizionale od amministrativo, esclude la possibilità di presentare contemporaneamente anche l’altro.
E’ invece possibile presentare ricorso al Prefetto di Reggio Emilia e successivamente, nel caso in cui il Prefetto confermi il verbale contestato, presentare ricorso contro quest’ultimo provvedimento dinanzi al Giudice di Pace di Reggio Emilia.

Le modalità di presentazione e tutte le informazioni specifiche relative a questi ricorsi sono consultabili nei link riportati a fianco.

Presentare ricorso contro preavvisi di accertamento

Per i cosiddetti "preavvisi di accertamento", ovvero gli atti preliminari all’accertamento di violazioni relative alla sosta vietata lasciati in genere sul parabrezza dei veicoli, o per violazioni relative alla sosta  per cui non è stato effettuato il pagamento della tariffa, è necessario attendere la notifica del verbale vero e proprio prima di presentare ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto di Reggio Emilia.

Istanza di riesame

Il conducente, nei casi di verbali contestati direttamente su strada, oppure il proprietario del veicolo o gli altri obbligati in solido, possono comunque presentare istanza di riesame degli atti emanati dal Comando, compilando il relativo modulo ed inviandolo assieme ad una copia di un documento di riconoscimento.

La richiesta di riesame non costituisce ricorso amministrativo o giudiziario e non interrompe i termini indicati nel verbale per la presentazione degli stessi.

La richiesta di riesame determinerà comunque e sempre una risposta scritta dal Comando entro trenta giorni dalla presentazione della stessa: 

  • Nel caso in cui sia riscontrato un palese errore nella redazione dei verbali notificati al proprietario (come l'errata lettura della targa del veicolo sanzionato) il Comando richiederà al Prefetto di Reggio Emilia l'annullamento dello stesso verbale e ne informerà la persona che ha presentato la richiesta di riesame.
  • Nei casi in cui non si riscontrino errori nell'operato del Personale del Comando, l'interessato riceverà comunque una formale risposta, con comunicazione di impossibilità di annullamento del verbale.
  • Per i preavvisi di accertamento, nel caso in cui venga riscontrato un errore nella redazione del modulo oppure altro oggettivo motivo che escluda la sussistenza dell’illecito (come l'errata lettura della targa del veicolo o l’avvenuto pagamento della sosta) il Comando informerà l'interessato che non si procederà nella notificazione del verbale.
  • Nel caso in cui non vengono riscontrati errori nella redazione del preavviso d'accertamento, l'interessato riceverà comunque una formale risposta di mancata accettazione dell'istanza di riesame.

Cartelle esattoriali o ingiunzioni di pagamento

Gli interessati potranno presentare ricorso al Giudice di Pace di Reggio Emilia, secondo i termini specificati nei singoli atti ingiuntivi, contro le cartelle esattoriali o le ingiunzioni di pagamento del Comando Polizia Municipale di Reggio Emilia.

Anche in questo caso gli interessati possono presentare istanza di riesame al Comando Polizia Municipale.
Qualora sia riscontrato un errore nella procedura, il Comando procederà al discarico della cartella esattoriale.  In caso contrario, l'interessato riceverà una formale comunicazione sul rigetto dell'istanza di riesame.

La richiesta di riesame non costituisce ricorso amministrativo o giudiziario e non interrompe i termini indicati nel verbale per la presentazione degli stessi.

Dove Rivolgersi:
Polizia Municipale - Uffici Verbali
Indirizzo: Via Brigata Reggio, 28 - 42124 Reggio Emilia
Orario: Dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.00. Il sabato e le giornate prefestive dalle 8.30 alle 12.00. Al pomeriggio ad eccezione del sabato e dei prefestivi rivolgersi al Front Office
Telefono: Al mattino: 0522 456935 - 0522 456936 Al pomeriggio ad eccezione del sabato e dei prefestivi: Front Office 0522 456902
Fax: 0522 456927