Contestazioni e ricorsi a verbali o a atti d'accertamento - Violazioni amministrative

Ultimo Aggiornamento: 09/22/2017

Il Comando di Polizia Municipale di Reggio Emilia, nel rispetto delle norme dettate dalla Legge n. 689 del 1981, non può procedere all’annullamento di qualsivoglia verbale d’accertamento d’illecito amministrativo.

Contro i verbali d’accertamento di violazioni amministrative diverse da quelle previste dal Codice della Strada, gli interessati (ovvero il trasgressore e/o l’obbligato in solido) possono presentare scritti difesivi, in carta semplice, all’Autorità competente indicata sullo stesso verbale.
Gli scritti difensivi devono essere presentati entro il termine di trenta giorni dalla data di contestazione o dalla notifica del verbale, come previsto dall’articolo 18 della Legge 24 novembre 1981 n. 689.
Gli interessati possono inoltre chiedere di essere sentiti dall’Autorità competente ed allegare agli scritti difensivi eventuali altri documenti.

L'Autorità, una volta sentiti i ricorrenti ed esaminati gli scritti difensivi e i documenti eventualmente prodotti:

  • può emettere entro cinque anni l'ordinanza di ingiunzione di pagamento, comprensiva delle spese, se ritiene fondato l'accertamento;
  • può emettere l'ordinanza, motivata, di archiviazione del verbale se non ritiene fondato l'accertamento.
Dove Rivolgersi:
Polizia Municipale - Uffici Commercio Edilizia
Indirizzo: Via Brigata Reggio, 28 - 42124 Reggio Emilia
Orario: Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13.00. Il sabato e le giornate prefestive dalle 8.00 alle 12.00. Al pomeriggio ad eccezione del sabato e dei prefestivi rivolgersi al Front Office
Telefono: Al mattino: 0522 456904 0522 456940 Al pomeriggio ad eccezione del sabato e dei prefestivi : Front Office - 0522 456902
Fax: 0522 456927