Comune di Reggio Emilia

HomeUna rotonda dedicata al BiciBus

Una rotonda dedicata al BiciBus

Ultimo Aggiornamento: 09/23/2015

Documento Archiviato - Fine validità 01/31/2016
E' stata dedicata alle attività del Bicibus, il progetto di volontariato attivo a Reggio Emilia dal 2003 e promosso dal Comune per la diffusione di pratiche di mobilità sostenibile tra i più giovani, la rotatoria fra via Gorizia e via Chopin.

All'iniziativa, svoltasi il 21 settembre 2015, organizzata dall'associazione Tuttinbici Fiab di Reggio Emilia in collaborazione con il Centro sociale Orologio e con la partecipazione delle scuole del quartiere, è intervenuto l'assessore a Infrastrutture del Territorio e Beni comuni del Comune di Reggio Emilia Mirko Tutino.
“In questi 12 anni di Bicibus e Pedibus – ha detto l'assessore Tutino - migliaia di giovanissimi reggiani hanno scelto un modo diverso dall'auto di raggiungere la propria scuola. In ogni famiglia, come nella nostra città, coesiste l'uso dell'auto e la ricerca di modalità più sane e sostenibili di muoversi. A Reggio, ogni giorno abbiamo 7.000 ingressi di biciclette in centro storico e circa 200 chilometri di piste ciclabili a disposizione di chi sceglie le due ruote al posto dell'auto: allo stesso tempo, tuttavia, resiste ancora il dato di 7 auto ogni 10 abitanti. Il percorso da fare è ancora lungo, e potremo percorrerlo solo portando avanti progetti come il Bicibus, che cambiano le abitudini partendo dalle scuole e dai più giovani”.
Il Bicibus ha coinvolto negli anni migliaia di bambini e accompagnatori. Nel 2014 ha interessato 9 scuole e 237 bambine e bambini, e del Pedibus, che ne ha coinvolti 228 in tre scuole.
L'inaugurazione chiude la serie di iniziative legate alla Settimana europea della Mobilità, promossa dalla Commissione Europea per diffondere la cultura della mobilità sostenibile e sicura. Tema della campagna di quest'anno è stato “Choose. Change. Combine” (Scegli. Cambia. Associa): l'obiettivo principale è incoraggiare i cittadini europei a ripensare le modalità di trasporto quotidiane, valutando tutta quelle soluzioni alternative all'automobile in grado di comportare risparmi di tempo e di denaro e, soprattutto, ridurre le emissioni inquinanti nell'ambiente.