Comune di Reggio Emilia

HomeAlla Panizzi la nuova Sezione ragazzi

Alla Panizzi la nuova Sezione ragazzi

Ultimo Aggiornamento: 10/26/2015

Sabato 24 ottobre, alle ore 11 ha aperto al pubblico la nuova Sezione ragazzi della Biblioteca Panizzi, oggetto di un importante restyling iniziato lo scorso giugno, che ha portato ad un rinnovo completo degli spazi, sia negli arredi che nella funzionalità.

L'obiettivo del progetto, approvato nel 2014 e reso possibile grazie allo sforzo congiunto del Comune di Reggio Emilia e della Fondazione Pietro Manodori che ha supportato il nuovo allestimento il cui costo ammonta complessivamente a circa 80mila euro, è di rendere quest'area della biblioteca, così vissuta ed amata, più accogliente, funzionale e inclusiva rispetto al passato.
La nuova Sezione ragazzi è caratterizzata da nuovi spazi e funzionalità: spazio per l’accoglienza di gruppi e scolaresche, punto informativo presidiato dal personale, spazio espositivo per materiali preziosi e delicati, spazio per lo svolgimento di attività di narrazione e ascolto per i più piccoli e spazio polifunzionale dotato della necessaria flessibilità organizzativa e di utilizzo per essere sia sala-studio che spazio per letture e svolgimento di attività di gruppo. Senza dimenticare un nuovo settore Leggochiaro, potenziato nell’ambito del progetto “Reggio Emilia senza barriere”, dedicato ai libri inclusivi. Sono inoltre state rafforzate e rese più attrattive le altre funzioni già presenti, come lo spazio dedicato ai più piccoli (0-3 anni), gli spazi di servizio, le sale per i lettori più grandi (10-14 anni).

Hanno detto
La nuova Sezione ragazzi della Biblioteca Panizzi è stata presentata alla stampa venerdì 23 ottobre 2015, a cui sono intervenuti il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, il direttore della Biblioteca Panizzi Giordano Gasparini e il presidente della Fondazione Pietro Manodori Gianni Borghi.

“Per il compimento della nuova Biblioteca ragazzi – ha detto il sindaco Vecchi – desidero ringraziare oltre al direttore della Panizzi Giordano Gasparini, la Fondazione Manodori che nel passato come nel futuro è presente al nostro fianco.
La realizzazione della nuova Biblioteca ragazzi della Panizzi rappresenta un passo in avanti nella qualità delle nostre biblioteche che hanno numeri importanti, direi mondiali, come prestiti, partecipazione e radicamento nella città. Realizzazioni come queste aggiungono qualcosa alla storia di Reggio Emilia, e nascono proprio all'interno dei luoghi della cultura, ricchi di sapere e di storia. Sono il frutto di risorse economiche, ma anche della presenza di risorse umane interne che non vanno dimenticate.
La nuova sezione della biblioteca è bella, funzionale, attribuisce un ulteriore valore culturale e di crescita civile alla Panizzi, aumentandone il suo radicamento in città. La bellezza della nuova biblioteca è un aspetto da sottolineare perché la bellezza del luogo ha una parte importante nella produzione e attività in ambito culturale ed educativo”.
“Il progetto - ha sottolineato Vecchi - si inserisce nella strategia generale che l'Amministrazione sta portando avanti; un disegno complessivo di investimenti sul nostro sistema culturale. Abbiamo diversi progetti di rinnovamento in corso: dal cantiere per la ristrutturazione del teatro Ariosto alla rivalutazione della biblioteca decentrata Ospizio che tornerà nella sede originaria, ai nuovi interventi nel palazzo dei Musei fino ad arrivare alla valorizzazione dei Chiostri di San Pietro”.
“Nel momento in cui progettiamo la realizzazione di questi interventi strutturali – ha aggiunto Vecchi - investiamo su un valore e su un principio di uguaglianza delle opportunità. È facile dimenticarlo, ma fino ad alcuni anni fa la biblioteca era l'unico luogo di accesso alla cultura per una grossa fetta dei cittadini di Reggio. La realizzazione di questi progetti, frutto della cooperazione tra realtà territoriali diverse, costituisce un'opportunità di crescita culturale, che porta beneficio alla città e a tutti gli individui”.

“La nostra vicinanza alla Panizzi, che si colloca tra le eccellenze a livello europeo - ha sottolineato il presidente della fondazione Manodori Borghi - non è di oggi.
La nuova sezione ragazzi della Panizzi, che è oggi un altro mondo rispetto a prima, è il risultato di un investimento in linea con la strategia e la filosofia della Manodori, di cui andiamo molto fieri. Se negli ultimi anni ci si è concentrati sul sociale, non si è però mai dimenticata la cultura. In passato ad esempio abbiamo investito per ampliare i servizi della Panizzi e abbiamo supportato la mostra di Luigi Ghirri. Quest’anno inoltre contribuiremo alla realizzazione dell’ultimo volume della collezione di stampe Davoli che conta ben 40mila opere”.

“Con questa nuova biblioteca, il cui progetto è stato realizzato interamente dalle forze interne alla Biblioteca e del Comune – ha detto il direttore della Panizzi Gasparini – vogliamo sostanzialmente comunicare il nostro modo di lavorare, di intendere la biblioteca per ragazzi, e di avvicinarci alle famiglie. Abbiamo realizzato una nuova biblioteca ragazzi perché su questa fascia di età stiamo investendo moltissimo. Basta vedere i dati del 2014. Da qui e dalle decentrate sono passati 26.250 bambini.
Oggi la Sezione ragazzi è una biblioteca completamente nuova e ampliata fino ad arrivare a ben 250 mq. Abbiamo creato un nuovo mondo; una biblioteca attenta ai particolari, rinnovata e soprattutto flessibile. Ogni oggetto dell'arredamento della nuova sezione si può spostare, modificare, cambiare. Se nella mission della biblioteca che c’è prioritariamente il prestito dei libri, noi vogliamo che la biblioteca sia un luogo da abitare e da vivere”.
“La realizzazione della nuova biblioteca ragazzi - ha precisato Gasparini - è stata possibile grazie al Comune e alla fondazione Manodori, per un investimento totale di meno di 80mila euro, per metà a carico dall'Amministrazione comunale e per metà a carico della Manodori”.
Gasparini è infine intervenuto sulla specificità dell’area Leggochiaro che presenta libri “facili da leggere” per ragazzi con diversa abilità di lettura e si inserisce nel progetto “Reggio Emilia senza barriere”, ideato dall'Amministrazione comunale di Reggio Emilia, e da settembre 2015 gestito da Farmacie comunali riunite.


La sezione ragazzi oggi - i numeri
La Sezione ragazzi della Biblioteca Panizzi, aperta negli anni settanta, offre oggi a bambini e ragazzi fino a 14 anni un patrimonio di oltre 25.000 opere direttamente disponibili a scaffali aperti e suddivisi tra narrativa, saggistica, prime letture, film per ragazzi, libri in lingua originale e libri a caratteri speciali, a lettura facilitata CAA, libri a grandi caratteri. Nel 2014 sono state prestati più di 65.000 libri e film per ragazzi per un totale di oltre 35.000 prestiti effettuati.
La Sezione promuove, da sempre, attività di animazione del libro e giochi di lettura e propone bibliografie e mostre bibliografiche su temi specifici dedicate al mondo della scuola. Offre inoltre la possibilità di prenotare, nelle mattine dal martedì al venerdì, visite guidate per le classi delle scuole elementari, medie e superiori, dedicate alle esigenze e alle caratteristiche delle singole classi. Nel 2014, la Biblioteca Panizzi ha accolto più di 180 classi, mentre le attività realizzate per il tempo libero sono state 194.
Con il progetto “Junior”, la Sezione ragazzi si propone inoltre di pianificare e coordinare le attività di promozione della lettura per i bambini e i loro genitori, dalla nascita all’adolescenza, in rete con le altre biblioteche comunali, offrendo luoghi nei quali sia piacevole leggere, sostare e incontrarsi per intrecciare relazioni, occasioni di incontro con autori, mettendo a disposizione un ricco patrimonio di libri e materiali multimediali con l’obiettivo di fare dei cittadini i protagonisti delle proprie conoscenze formandoli fin dalla primissima infanzia alla lettura come diritto civile all’informazione e alla crescita personale. Nel 2014 le attività di promozione della lettura di tutto il sistema sono state 1.450 per un totale di 26.250 bambini coinvolti.
Il programma delle iniziative dedicate ai più piccoli, organizzate dalla Biblioteca Panizzi e dalle biblioteche decentrate è consultabile sul sito www.bibliotecapanizzi.it.


Il progetto di rinnovamento degli spazi
Il progetto di rinnovo della Sezione ragazzi è nato per far fronte alle esigenze che si sono via via evidenziate nel tempo al fine di realizzare attività culturali e formative correlate alle funzioni di diffusione della lettura e dell'informazione proprie della biblioteca, di favorire l’accesso e la fruizione al suo patrimonio documentario, di promuovere la conoscenza dei propri servizi e la partecipazione attiva degli utenti anche più piccoli.
Il nuovo percorso è costituito da sei sale collegate tra loro per un totale di circa 250 mq ed è caratterizzato da una nuova dotazione di arredi, da una rinnovata segnaletica e da una più semplice abitabilità degli spazi. Ad ogni ambiente è stato attribuito un nome, a volte fortemente legato alle funzioni e ai materiali, altre semplicemente carico di suggestioni. Il primo grande ambiente del percorso è suddiviso, tramite elementi di arredo, in due aree distinte destinate ai più piccoli: Zerotre, dedicato ai bambini 0-3 anni e Incantalibri, dedicato alla fascia 3-6 anni. Il primo spazio si caratterizza per la presenza di arredi morbidi e per un divertente intervento grafico a parete a cura della casa editrice Minibombo. Lo spazio dedicato invece alla fascia d'età 3-6 anni raccoglie i libri per le prime letture e gli albi illustrati.
Il percorso prosegue con un'altra novità di questo restyling, lo spazio Senzaconfini: un ambiente informale e versatile in cui le sedute morbide a forma di fiore accolgono le narrazioni ad alta voce. Il nome attribuito a questa area discende da alcune riflessioni fatte in merito al materiale che qui trova spazio. Trovano qui posto il settore Mondolibri (libri in lingua originale), accanto a riviste, fumetti e audiolibri e il settore Leggochiaro (libri a caratteri speciali, a lettura facilitata CAA, libri a grandi caratteri). I romanzi e i racconti per ragazzi dai 7 ai 14 anni si trovano nella sala Storie&storie, collocati in ordine alfabetico per autore e un’etichetta colorata ne indica il genere: romanzi, gialli, fiabe, libri d’avventura, di fantascienza, horror, romanzi storici...
Nell’ultimo spazio, chiamato Studioincontro, è stato ricavato un ambiente dedicato all’accoglienza di grandi gruppi e allo svolgimento di attività laboratoriali. La sala è arredata con numerosi tavoli per lo studio, un ampio guardaroba e un impianto per la videoproiezione. Qui si possono trovare libri utili per le ricerche: astronomia, animali, piante, arte, sport, cinema, viaggi, storia, geografia, invenzioni.
In posizione centrale rispetto al percorso è situata l’area Incipit, facilmente individuabile grazie all’insegna posta al suo ingresso e che costituisce l'accesso strategico alla sezione. È qui collocata una postazione di accoglienza, da cui il personale della biblioteca può presidiare l’intera sezione e dare informazioni al pubblico, oltre che consultare il catalogo online con una postazione dedicata. E' presente in questa sala la raccolta di film e cartoni animati oltre ad una vetrina per l’esposizione di libri e materiali particolarmente delicati.


Lo spazio Senzaconfini. Per ascolare e leggere "senza confini"
Nella nuova Sezione ragazzi della Biblioteca Panizzi uno degli spazi più importanti è Senzaconfini, un ambiente informale e versatile che si caratterizza per la flessibilità d'uso. Qui si possono realizzare attività di lettura ad alta voce per il pubblico dei più piccini, quali ad esempio le narrazioni dei lettori volontari NatiperLeggere e NatiperlaMusica, o per gruppi poco numerosi. Il nome attribuito a questa area discende da alcune riflessioni fatte in merito al materiale che qui trova spazio. Si tratta di libri, ma non solo, differenti per tipologia e per destinazione. Infatti, oltre a riviste e fumetti periodici che possono essere presi a prestito (Topolino, Spider-Man, ecc), si è scelto di utilizzare questa sala per il settore Mondolibri e il settore Leggochiaro.
Mondolibri comprende libri per ragazzi in lingua originale: romanzi, racconti e volumi di saggistica in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, arabo, cinese, albanese e altre ancora.
Leggochiaro rappresenta una delle azioni del progetto “Reggio Emilia senza barriere”, ideato dall'Amministrazione comunale di Reggio Emilia, e da settembre 2015 gestito da Farmacie comunali riunite, in qualità di ente di coordinamento e organizzazione, con lo scopo di ripensare la città attraverso azioni e attività finalizzate al superamento delle barriere fisiche (architettoniche) e culturali (mentali) delle persone con disabilità e delle categorie più fragili della comunità. Questo settore comprende libri “facili da leggere” per ragazzi con diversa abilità di lettura. Il settore che si è deciso di incrementare e valorizzare era già presente in sezione, a dimostrazione dell'attenzione da sempre rivolta alle diverse necessità. Sono qui collocati libri a caratteri speciali, a lettura facilitata CAA (Comunicazione Aumentativa e Alternativa) per bambini con difficoltà di comunicazione, libri a grandi caratteri di stampa per chi soffre di disabilità visiva, collane di narrativa dedicate a bambini e ragazzi dislessici, con strutture sintattiche semplici e un font creato appositamente per evitare confusione. In prossimità di questi libri sono stati collocati gli audiolibri, in formato CD audio o MP3, con cui è possibile ascoltare le versioni narrate di romanzi e racconti sia in italiano che in lingua originale.
Leggochiaro nasce con l'intento di dare a tutti i bambini e ragazzi l'opportunità di provare il piacere della lettura, ma l'esperienza insegna che spesso questi materiali vengono utilizzati non solo da bambini con disabilità, ma anche dai loro coetanei diventando così un importante strumento di crescita comune e di inclusione. Libri importanti che aprono la strada alla comprensione e alla tolleranza, all'accettazione e all'integrazione.


La sala Spazioincontro
Un nuovo spazio va ad arricchire la Sezione Ragazzi per rispondere alle differenti esigenze dei giovani utenti della Biblioteca Panizzi, la sala SpazioIncontro che si presenta come un luogo in cui i ragazzi avranno a disposizione gli strumenti per leggere, studiare, ma anche confrontarsi con la loro creatività. I libri faranno da cornice ad iniziative volte a promuovere la lettura e la sperimentazione, cosi, accanto agli incontri tradizionali di promozione alla lettura, per la prima volta si attiveranno percorsi laboratoriali per bambini e ragazzi ispirati ai materiali e alle collezioni conservati nelle sale della Biblioteca Panizzi. Primo esempio di questa nuova e stimolante avventura sarà l'incontro del 15 novembre dal titolo “Il Puntino senza forma...”, proposto ai bambini tra i 4 e gli 8 anni accompagnati dai genitori, per avvicinarsi in modo curioso e coinvolgente ai materiali, strumenti e gesti degli artisti esposti nella mostra “Zona Franca. Opere dal fondo Menozzi di Arte Irregolare”.
I laboratori, come anche gli incontri promossi dal progetto Nati Per Leggere, saranno proposti sia al pubblico libero sia alle scuole, presenze quotidiane all'interno degli spazi della Biblioteca. Anche per loro la nuova sala rappresenta una svolta importante che permetterà di ospitare contemporaneamente più classi e attivare percorsi di laboratorio e progetti dedicati ad ogni fascia di età.
Accanto alle iniziative realizzate dal personale della Biblioteca, lo Spazioincontro sarà anche un luogo ospitante, come nel caso dell'incontro che si svolgerà il 13 dicembre dal titolo “...sul quale era scritto con lettere di crema Mangiami” e ti colorerò di suoni
un laboratorio di quasi cucina e un po' pittura, per tutti i bambini e i loro adulti importanti accompagnato dai suoni e dalle voci dei Cori dell’Indaco Atelier di Ricerca Musicale ed Espressiva Onlus.