Mobilità sostenibile e scoperta del territorio: le greenway

I progetti di mobilità sostenibile si basano sulla valorizzazione delle risorse della comunità, tanto nell’ascolto dei bisogni come approccio per progettare l’intervento, quanto nella soluzione individuata, ovvero nella realizzazione concreta.
Le piste rurali o greenway sono nate, in particolare, dall’attività di ascolto delle esigenze di mobilità dolce nelle frazioni rurali (perché non sempre realizzate, nonostante interventi di urbanizzazione) e individuano nei terreni privati (concessi in disponibilità pubblica per il passaggio) la soluzione più efficace ed efficiente, pur essendo fuori dagli standard normalmente percorsi per questo tipo di soluzioni. Le piste rurali sfruttano così argini, carraie di aziende agricole, terreni di privati per connettere i residenti con i luoghi della socialità dove si svolgono le principali attività della frazione, attività educative, sportive e ricreative, ecc.
Oltre alla soluzione al problema specifico, le green way sono occasioni per progetti anche a vocazione sociale: diventano infrastrutture per percorsi di riscoperta del paesaggio e della sua storia, per progetti d’identità collettiva e per iniziative di educazione alla sostenibilità.
Le greenway hanno reso possibili, inoltre, rapporti istituzionali con organizzazioni a scala urbana interessati a condividere con il Comune nuove soluzioni e modelli d’intervento in tema di mobilità dolce: il CAI, prima di tutto, con il quale è in corso una collaborazione per la realizzazione di anelli ciclopedonali a vocazione escursionistica che uniranno frazioni lontane dal cuore della città; la Bonifica, ente di tutela delle acque e dei canali di irrigazione, che ha messo a disposizione la propria rete di canali per realizzare, utilizzando gli argini, nuove greenway.
  • Masone-percorso partecipato piste rurali

    Percorso partecipato per l’individuazione di percorsi ciclo-pedonali rurali tra le frazionI ed organizzare eventi di conoscenza e animazione dei percorsi stessi aperti a tutta la città, mettendo in rete i luoghi di socialità presenti sul territorio.

  • Percorsi di storia nel paesaggio

    Il progetto intende costruire percorsi nel paesaggio, utilizzando le connessioni rurali e ciclopedonali, per scoprire luoghi legati alla storia locale, collegando tra loro i centri di socialità della frazione.
    Progetto in corso

  • Progetto_3: Raccolta dati esigenze di mobilità - Trasporto di comunità

    Il progetto si propone di razionalizzare il trasporto pubblico locale organizzando un tavolo di confronto tra cittadini, Comune e Agenzia della mobilità per sviluppare un'offerta più aderente alle necessità degli utenti locali.
    Progetto in corso

  • Greenway Rio della Vasca

    Il progetto crea nuove opportunità di fruizione di percorsi di valore paesaggistico e naturale, valorizzando il Rio della Vasca, come greenway, che connette la Vasca di Corbelli al Parco delle Ginestre, il centro sociale alla Casa della partecipazione passando per la bookcrossing zone.
    Progetto in corso

  • Esplorando il paesaggio

    Un progetto per la riscoperta e valorizzazione del paesaggio attraverso un itinerario che individui i punti di interesse storico e geografico.
    Progetto in corso

  • Progetto_4: La strada della biodiversità (sentieri/percorsi/parco)

    Il progetto vuole realizzare la strada della biodiversità nel parco Modolena-Quaresimo (da inserire nel sistema dei parchi di Reggio Emilia, unendola alle realtà di Rivalta e Quattro castella) finalizzata allo sviluppo del vivere sano in un ambiente storico-naturale percorribile attraverso ciclabili e greenway, con punti di assistenza lungo il percorso (Cai), messi a disposizione dalle aziende.
    Progetto in corso

  • Effetto Polvere - il paesaggio come laboratorio creativo e performativo

    “Effetto Polvere” è un progetto di promozione e produzione artistica che intende coinvolgere gli abitanti dei quartieri Mirabello e Ospizio e la cittadinanza di Reggio Emilia nella rigenerazione temporanea del paesaggio urbano che si affaccia al Sentiero Spallanzani tramite semplici azioni estetiche: camminare, osservare, ascoltare, toccare.

  • Riqualificazione con autosufficienza energetica e moblità elettrica

    Il Comune supporta il Centro sociale Coviolo in festa nello sviluppo del proprio sistema di autosufficienza energetica, della sua relazione con il contesto attraverso una rete di mobilità elettrica, e nell'ipotesi di collaborare alle attività di rigenerazione dell'area ex-total di Via F.lli Rosselli, nel caso sussistano le condizioni.
    Progetto in corso