Lavoro. Vita. Benessere.

Data di pubblicazione: 16/06/2021

Giovedì 17 giugno, al Laboratorio Aperto dei Chiostri di San Pietro, dalle 15 alle 17.30, è in programma l’evento finale del progetto ‘Lavoro. Vita. Benessere. Work life balance e parità di genere: un’opportunità per tutte e tutti’, promosso dal Comune di Reggio Emilia insieme a Legacoop Emilia Ovest e Cgil Reggio Emilia, in collaborazione con l’associazione Nondasola e il finanziamento della regione Emilia-Romagna. L’appuntamento di giovedì arriva in chiusura della serie di incontri di approfondimento sugli strumenti organizzativi e legislativi della conciliazione vita-lavoro: il percorso, ideato nell’estate 2019 a seguito di una manifestazione d’interesse del Comune di Reggio Emilia, si è svolto in remoto e si è rivelato quanto mai attuale. Il periodo pandemico ha costretto molti settori a convertirsi in modalità smart e ad adottare il lavoro a distanza, mettendo in evidenza potenzialità e criticità di una nuova ma sempre più necessaria diversa modalità organizzativa del mondo del lavoro. Ecco quindi che l’obiettivo del progetto è stato ripensare il mondo del lavoro dotandolo di maggiore flessibilità rispetto alle esigenze di vita delle persone, con un occhio particolare all’occupazione femminile.

Oltre 70 i dipendenti coinvolti fra gli enti promotori, che hanno seguito in modalità online seminari e momenti formativi oltre a sessioni di coaching individuale, che hanno spaziato dai temi della smart leadership al design thinking, fino ad arrivare all’empowerment e alla negoziazione, con grandissimo apprezzamento e soddisfazione da parte dei lavoratori e delle lavoratrici.

"Lavoro Vita Benessere è stato un bel percorso che apre diversi scenari sul futuro del lavoro e degli strumenti conciliativi – dice l’assessore Lanfranco de Franco - Avevamo pensato questo progetto pre-covid e la pandemia ha radicalmente cambiato il nostro approccio ai temi conciliativi, all'organizzazione del lavoro da remoto, dando ulteriori stimoli che sono stati affrontati nelle molte ore di corsi e seminari. Pensiamo di aver dato alcune informazioni utili ai lavoratori e ai vertici aziendali per immaginare un futuro post-pandemico in cui fare tesoro delle buone pratiche e superare le forzature e gli errori della fase emergenziale. Con un'attenzione particolare alla conciliazione femminile, che va ripensata anche con una maggiore valorizzazione delle qualità che le donne acquisiscono in varie esperienze di vita come la maternità. Un grazie alla Regione per aver sostenuto il nostro percorso, ai docenti, a chi ha partecipato, ai partner Legacoop e Cgil e a Nondasola per l'ottimo clima che si è instaurato nel progetto”.

“L’ampia partecipazione al progetto e il riscontro molto positivo da parte delle cooperative rappresenta per noi motivo di soddisfazione e di stimolo – dice Edwin Ferrari, presidente Legacoop Emilia Ovest - Il lungo periodo dell’emergenza pandemica ha accelerato processi riorganizzativi da cui occorre trarre gli aspetti più positivi e favorevoli alla gestione del tempo vita-lavoro, con una particolare attenzione alla parità di genere. Anche attraverso percorsi formativi come questo, ci impegniamo a diffondere e incentivare una cultura condivisa, finalizzata ad affrontare la complessità trovando soluzioni collaborative efficaci”.

“Quello che sta per concludersi è molto più di un progetto di formazione – aggiunge Elena Strozzi, segreteria della Cgil - Come soggetti promotori infatti abbiamo sperimentato un modello partecipativo e collaborativo tra più enti attivi sul territorio di grande rilevanza, sia per il valore dei contenuti proposti sia per il metodo di lavoro applicato. Come Cgil da sempre sosteniamo il valore del coinvolgimento di tutte le parti sociali e il percorso che si conclude è la dimostrazione di come sia possibile lavorare insieme sulle sfide del presente, anche quando si determina un contesto nuovo come quello che l’emergenza pandemica ci ha consegnato, affrontandole in modo propositivo e costruttivo”.

L’evento di giovedì sarà introdotto e moderato dall’assessore con delega alla Conciliazione dei tempi di vita e lavoro Lanfranco de Franco: in apertura sono previsti i saluti dell’assessora alle Pari Opportunità della Regione Emilia-Romagna Barbara Lori e della consigliera di Parità Francesca Bonomo, di Federica Bordone di Legacoop, di Elena Strozzi della Cgil Re e di Alessandra Campani di Associazione Nondasola.

Seguiranno i tre interventi di Daniela Freddi (ricercatrice IRES Emilia Romagna), Matteo Rinaldini (docente Unimore e consulente Ministero del Lavoro) e Samantha Gamberini (docente di alcuni seminari e corsi del progetto).

È possibile partecipare in presenza all’evento, limitatamente ai posti disponibili, scrivendo una mail all’indirizzo segreteria.assessoredefranco@comune.re.it entro le ore 13 di giovedì 17 giugno. Sarà possibile seguire l’evento anche in streaming sul canale youtube del Comune di Reggio Emilia.