Circuito Off - Fotografia europea 2018

Data di pubblicazione: 13/04/2018
Circuito Off - Fotografia europea 2018

Persone in contatto con la città. Esteso, condiviso, interattivo e libero.


Il Circuito OFF è un insieme unico di elementi correlati che genera energia vitale per una cittadinanza attiva e partecipativa. E’ il progetto, nato dal basso, autogestito e libero che arricchisce il festival di Fotografia Europea -organizzato dalla Fondazione Palazzo Magnani e dal Comune di Reggio Emilia- grazie ad una call in grado di chiamare a rapporto più di 400 interessati.

Uno stimolo artistico, quello del Circuito Off insieme a Fotografia Europea, che trasforma la città in un grande palcoscenico in cui ogni individuo, che sia un professionista dell’immagine o un semplice appassionato può diventare protagonista, vedere le proprie opere in mostra, scoprire le reazioni che esse provocano in chi le guarda, sentirsi parte di un progetto culturale unico e coinvolgente.

Nessun ruolo minore, ma un intenso senso di appartenenza che si lega a Reggio Emilia per valorizzare al meglio le differenti realtà culturali che ne fanno parte: associazioni, circoli, gruppi e singoli individui allestiscono spazi insoliti trasformandoli in gallerie d’arte come negozi, alberghi, bar, ristoranti, circoli, ospedali, scuole, teatri, case private, ogni spazio, anche il più anonimo diventa campo d’azione per la creatività.

Per il visitatore, il desiderio di scoprire qualcosa di nuovo diventa una necessità per avventurarsi nella città e così la fotografia, l’arte, l’immagine diventano elementi della contemporaneità che ben si sposano con il fascino che alcuni luoghi del centro storico conservano da sempre.

I fotografi, inoltre, per mostrare le proprie idee artistiche avranno a disposizione non solo i luoghi “fisici” della città, ma grazie alla ricchissima sezione del Portfolio online presente su www.fotografiaeuropea.it si darà visibilità anche a progetti fotografici provenienti da tutta Italia e dall’Estero.

E per chiudere in bellezza, i tre migliori progetti del circuito OFF, selezionati dal comitato scientifico della Fondazione Palazzo Magnani – composto da Marzia Faietti, Marco Belpoliti, Vanni Codeluppi, Walter Guadagnini, Gerhard Wolf- saranno premiati con un evento dedicato il 5 maggio.

Al vincitore verrà permesso di partecipare da protagonista l’anno successivo in una delle sedi del circuito istituzionale del Festival, ottenendo anche il premio di mille euro - grazie al prezioso contributo di Emilbanca - utile per produrre e allestire la propria mostra nella Project Room di Palazzo Magnani.

A partire dal 2018, l’organizzazione ha deciso di dedicare il premio del contest del circuito Off a Max Sperafico, storico collaboratore del Festival, che ci ha lasciato poco prima di iniziare i lavori di questa edizione.