RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Condannato a morte per mancanza di indizi - Star Chamber

Regia:Peter Hyams
Vietato:No
Video:20th Century Fox Home Entertainment
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Diritti umani - Pena di morte
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Roderick Taylor
Sceneggiatura:Peter Hyams, Roderick Taylor
Fotografia:Richard Hannah
Musiche:Michael Small
Montaggio:Jame Mitchell
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:John di Santi, Michael Douglas, Sharon Gless, Hal Holbrook
Produzione:Frank Yablans Presentation Inc
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Usa
Anno:1983
Durata:

109'

Trama:

Steven Hardin, onesto magistrato sui quaranta di Los Angeles, è in crisi di coscienza, perché ripetutamene costretto - in seguito a cavilli giuridici sollevati da legali senza scrupoli - a mandare prosciolti imputati rei dei più ghiaccianti crimini. Hardin comunica il proprio turbamento a un vecchio maestro di diritto, Benjamin Caufeld, il quale lo esorta con sibillina noncuranza ad "agire, anziché lamentarsi", lasciandolo sconcertato. Finché un giorno il mistero di questo inesplicabile "agire non gli viene svelato: entri anche lui a far parte di una specie di tribunale speciale segreto, tipo loggia massonica, che si ispira a una - reale o ipotetica - "Star Chamber" del tardo settecento britannico, autorizzata da Enrico VIII a giustiziare i criminali più efferati, riusciti a scampare di tra le maglie della legge ufficiale. Pur ripugnandogli questo tipo di sentenza inappellabile - alla cui esecuzione provvedono silenziosi killer professionisti, assoldati - Mardin, esasperato per un crimine di particolare atrocità, che lo ha scosso emotivamente e la cui condanna gli è sfuggita di mano per un banale vizio di procedura oppostogli dal legale corrotto di turno, si associa al tribunale segreto. Ma subito dopo il pronunciamento degli implacabili "nove" di cui fa parte, viene a scoprire che a commettere l'orrendo crimine non sono stati i due pregiudicati che le prove - in apparenza irrefutabili - gli hanno fatto ritenere responsabili, e si precipita sconvolto e fuori di sé verso il covo dei due malcapitati delinquenti, rischiando la nel tentativo disperato di fermare il tragico meccanismo messo in moto col suo concorso dalla "Star Chamber". Denuncerà gli otto colleghi - giustizieri? Accetterà i rischi di un sistema giudiziario "democratico", inceppato con sconvolgente ricorrenza dalla sottili esigenze della legge e dai cavilli degli avvocati? È l'interrogativo a cui il film dà risposta con la decisione del giovane magistrato di rifiutare la giustizia privata.

Critica 1:Un buon poliziesco fatto di ritmo, spettacolo e riflessione: una risposta molto democratica a troppi giustizieri privati. Di rilievo l'interpretazione di Douglas.
Autore critica:Francesco Mininni
Fonte criticaMagazine italiano tv
Data critica:



Critica 2:Onesto magistrato di Los Angeles si scontra con giudici corrotti e decide di non sottostare a ricatti. Scritto dal regista e da Roderick Taylor, il film è ben diretto e ben recitato, forse un po' troppo enfatico, predicatorio ma il ritmo è ottimo e il finale spettacolare. M. Douglas è anche il produttore.
Autore critica:
Fonte critica:Il Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 04/21/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale