RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Andy Warhol’s Frankenstein - Il mostro è in tavola... Barone Frankenstein - Flesh For Frankenstein

Regia:Paul Morrissey; Antonio Margheriti
Vietato:14
Video:Biblioteca Rosta Nuova, visionabile solo in sede - Azzurra Home Video
DVD:
Genere:Commedia - Horror
Tipologia:Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Paul Morrissey, basato sul testo di Mary Shelley
Sceneggiatura:Tonino Guerra
Fotografia:Luigi Kuveiller
Musiche:Claudio Gizzi
Montaggio:Franca Silvi
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Joe Dallesandro, Dalila Di Lazzaro, Nicoletta Elmii, Arno Jverging, Udo Kier, Aleksic Miomir, Monique Van Vooren
Produzione:Champion International Recording Studio
Distribuzione:Cineteca Griffith
Origine:Italia
Anno:1974
Durata:

90’

Trama:

Cacciato "disonoris causa" dall'Università di Tibinga per avere esaltate le tesi sanguinarie del prof. Adolf Hitler, il barone Frankenstein vive in un castello, insieme alla moglie Caterina e ai fìglioletti Sistole e Diastola. Assistito dall'aiutante Otto, il barone ha creato una donna con membra racimolate da diverse vittime; ed ora sta per completare un uomo che, accoppiandosi con l'altra mostruosa creatura, dovrebbe dare origine ad una razza ideale. Tuttavia, per un equivoco, anziché impadronirsi del donnaiolo giardiniere Nicolas, Otto e il barone decapitano un giovanotto dalle aspirazioni monacali. Operato felicemente il trapiantato, il gigantesco uomo non si accoppia ma provoca una strage a catena nella quale tutti scompaiono eccettuati i due fanciulli e Nicolas. Comunque, degni di tanto padre, Sistole e Diastola si dirigono verso il servo con il bisturi in mano.

Critica 1:Oltre a una moglie imbecille e lussuriosa che lo cornifica a carte scoperte e a due bimbetti guardoni e sadici, il barone Frankenstein ha il progetto di fabbricare chirurgicamente una coppia di Adamo ed Eva che dovrebbero essere i capostipiti di una nuova razza umana. Carneficina conclusiva. Esercizio di bassa macelleria grandguignolesca, (...) col sale di una furfantesca parodia cui l'umorismo ammiccante dei dialoghi, firmati da Tonino Guerra, dà un contributo apprezzabile. Interpreti meschinelli tra cui il più bravo è U. Kier, il barone. Prodotto da Carlo Ponti, girato in 3D (e all'inizio proiettato come tale) con fotografia di Luigi Kuweiller e i trucchi di Anthony M. Dawson (Antonio Margheriti) che firma anche la regia dell'edizione italiana.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini – Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:La sceneggiatura di Tonino Guerra trova mille maniere di arricchire l'arcinota vicenda del barone Frankenstein con brillanti riferimenti all'attualita' e alla politica ("Domani il barone Frankenstein fara' impallidire i baroni della medicina!").
Il cast e' all'altezza, a cominciare dal pallido e stilizzato Udo Kier perfettamente in sintonia col personaggio dello stralunato barone perso nei deliri di grandezza della sua scienza e della "razza serba superiore" (!!!).
Joe Dallesandro, attore feticcio di Warhol, ce la mette tutta ad abbozzare a suon di muscoli mimici la figura dello stalliere/stallone, mentre la piccola Nicoletta Elmi (nipotina di Maria Giovanna), gia' vista in Profondo Rosso e in seguito in Demoni, gioca agli Addams nella parte di Diastola, figlioletta del barone.
C'è infine la sorpresa di una giovanissima Dalila di Lazzaro a portare sullo schermo la "creatura" piu' sexy mai vista in tutta la filmografia di Frankenstein.
La pellicola fu originariamente realizzata in 3D (sistema Polalite) ma il "gimmick" e' stato dismesso nelle successive riedizioni per la scadente resa di quel primo tentativo tridimensionale in luce polarizzata.
Autore critica:
Fonte critica:capitantrash.com
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 08/30/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale