RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Rugiada di San Giovanni (Laa) -

Regia:Christian Spaggiari
Vietato:No
Video:
DVD:Victoria Filmnova
Genere:Drammatico
Tipologia:La memoria del XX secolo
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Christian Spaggiari, Samanta Melioli
Sceneggiatura:Samanta Melioli
Fotografia:Nicola Xella
Musiche:Beppe Carletti
Montaggio:Christian Spaggiari
Scenografia:Christian Spaggiari, Samanta Melioli, Paolo Spaggiari
Costumi:Paolo Spaggiari
Effetti:Samanta Melioli
Interpreti:Ilaria Gelmi (Clara Predieri), Giuseppe Sepe (Remo Predieri), Nicole Ferrari (Serena Predieri), Cristiana Raggi (Rosa), Ivana Monti (Felicita Prandi), Paola Lavini (Marianna Prati), Auro Franzoni (Ligorio Prati), Camilla Venturi (Liliana Del Monte), Giovanni Marino (Romeo Beneventi), Giulia Lorenzelli (Lea Beneventi), Matilde Spaggiari (Adua Beneventi), Filip Portman (capitano tedesco), Giovanni Funiati (sergente tedesco), Tancredi Rinaldi (Lupo), Valerio Angelucci (Piero Spadacini), Giuliano Giovannangelo (Vittorio Spadacini), Matteo Spaggiari (Ubaldo Spadacini)
Produzione:Victoria Filmnova
Distribuzione:Victoria Filmnova
Origine:Italia
Anno:2016
Durata:

75

Trama:

Il film è ispirato a una storia vera e racconta gli avvenimenti occorsi a La Bettola, piccola frazione di Vezzano sul Crostolo (RE) dove, la notte di San Giovanni del 1944, a causa di una rappresaglia nazista, trovarono la morte 32 civili.

Critica 1:La Bettola è una piccola frazione composta da una locanda, un'abitazione e un ponte sotto cui scorrono tranquille le acque del torrente Crostolo. La notte del 22 giugno 1944 un gruppo di partigiani scende dal bosco e si dirige verso il ponte: l'ordine che hanno ricevuto è quello di farlo saltare, ma qualcosa va storto e la missione non riesce. Il mattino successivo la vita degli abitanti della zona riprende normalmente, nonostante la paura per quello che è successo la notte precedente. Tra di loro vi sono i Predieri, una famiglia di sfollati, e Rosa, una donna il cui marito è disperso in guerra. Essi vivono all'interno della locanda, insieme a molte altre persone. Nella casa di fronte, invece, vivono la famiglia Prati e la famiglia Spadacini. Tutto sembra andare bene, o almeno così tutti credono. La sera stessa, infatti, i partigiani tornano a La Bettola per cercare di portare a termine la loro azione, ma questa volta scoppia uno scontro a fuoco con una pattuglia di soldati tedeschi. Poche ore dopo un gruppo di nazisti partiti da Casina, arriva presso la piccola frazione e ciò che seguirà sarà un eccidio efferato, in cui perderanno barbaramente la vita 32 civili. Il 24 giugno 1944 il sole sorge su ciò che resta della locanda e della casa delle famiglie Prati e Spadacini, mostrando a coloro che sono arrivati a La Bettola in cerca di superstiti quanto crudele e insensata possa essere la guerra.
Autore critica:
Fonte critica
Data critica:



Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 08/25/2017
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale