RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Piccole storie - Historias minimas

Regia:Carlos Sorin
Vietato:No
Video:General Video
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Spazio critico
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:
Sceneggiatura:Pablo Solarz
Fotografia:Hugo Colace
Musiche:Nicolas Sorin
Montaggio:Mohamed Rajid
Scenografia:Margarita Jusid
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Javier Lombardo (Roberto), Antonio Benedictis (Don Justo Benedictis), Javiera Bravo (Maria Flores), Francis Sandoval (figlia di Maria), Carlos Montero (Losa), Anibal Maldonado (Don Fermin), Maria Rosa Cianferoni (Ana), Mariela Diaz (amica di Maria), Magin Cesar Garcia (Cesar Garcia), Julia Solomo Maldonado (Julia), Laura Vagnoni (Estela)
Produzione:Guacamole Films - Nirvana Films S.A. - Wanda Vision S.A.
Distribuzione:Mikado
Origine:Argentina - Spagna
Anno:2002
Durata:

94’

Trama:

Migliaia di chilometri a sud di Buenos Aires tre persone viaggiano lungo le strade deserte della Patagonia. Don Justo, un pensionato ottantenne, ex proprietario di una drogheria diretta ora da suo figlio, sta allontanandosi da casa per sfuggire alla sua ditta. Vuole ritrovare il suo cane scomparso che un suo amico dice di aver visto a San Julian. Roberto, un commesso viaggiatore di quarant'anni sta trasportando un carico difficile, una torta alla crema per il compleanno del figlio di una giovane vedova sulla quale ha messo gli occhi. Lo stesso giorno sulla medesima strada viaggia Maria Flores, che a venticinque anni è arrivata in finale ad un concorso televisivo il cui premio è un computer. Ognuno viaggia per conto suo ma, alle indispensabili fermate, storie e illusioni personali si incrociano.

Critica 1:Tre Piccole storie che si incrociano nelle rare aree di sosta lungo le strade deserte della Patagonia, sogni che si incontrano, si sfiorano e ci regalano (merito dello sguardo di Carlos Sorin mai pietistico o compassionevole e di un terzetto d’attori protagonisti in stato di grazia: Javier Lombardo/Roberto, Javiera Bravo/Maria e lo straordinario debuttante Antonio Debennedicti/Don Justo, per anni meccanico addetto alla colatura) e ci restituiscono la magia di un cinema umano, vitale ed assolutamente necessario!
Autore critica:Calogero Messina
Fonte criticastradanove.it
Data critica:

30/6/2003

Critica 2:Carlos Sorin, cineasta argentino di Piccole Storie, premio speciale della giuria a San Sebastian, appartiene alla generazione precedente a quella della nuova onda. Non fa parte cioè di quei venticinquenni che hanno cercato la forma di espressione più adatta ad esprimere il rombo che avvertivano nell'aria prima del terremoto. Lui si era già fatto notare nell'86 tenendosi ben lontano dalla capitale, luogo privilegiato della nuova onda, nella Pelicula del Rey (Leone d'argento e Goya) un film sul film girato in Patagonia (il cinema argentino allora non si allontanava da Buenos Aires) dove arrivava la troupe più povera che ci sia, finché il regista doveva piazzare delle sagome di cartone perché non poteva pagare neanche delle semplici comparse a dispetto del soggetto regale. Per evitare di fare la stessa fine, dopo aver diretto Eternas sonrisas de New Jersey nell'89 ha passato gli ultimi tredici anni dirigendo film pubblicitari prima di tornare sul grande schermo. Le historias minimas che racconta questa volta, piccole storie che iniziano in modo futile come le storie di tutti e via via implodono in drammatici risvolti inespressi, sono ambientate anche queste in provincia tra il villaggio di Fitz Roy e San Juan in Patagonia. Un vecchio (Antonio Benedictis) cerca il suo cane, un rappresentante corteggia una vedova, una timida casellante vuole provare il brivido della tv. Ovvero come dal profondo cuore della provincia ci si può avvicinare al rutilante mondo che si indovina solamente, come si mette in moto il meccanismo dei desideri. Quel cagnaccio dicono di averlo visto in un cantiere a 200 chilometri e il vecchio vuole riprenderselo, così scappa all'alba per non farsi vedere da figlio e nuora che lavorano nel suo emporio. Fa l'autostop, si intestardisce ad arrivare e nel cantiere trova gli operai che lo accolgono e lo aiutano a farselo restituire. Anche se De Sica aveva già messo in scena l'animale in una posizione privilegiata, ha un senso fare un film sulla ricerca di un cane? Sì, se è l'unico testimone del suo più ignobile peccato. E cosa proverà lo spettatore occidentale nel seguire dal cuore della provincia latina gli spasimi del rappresentante di commercio innamorato che spera di fare colpo sulla bella vedova con una torta per il compleanno di suo figlio? Raccontato con un lieve tono da commedia e interpretato dal bravissimo Javier Lombardo, l'unico attore professionista del film, anche questo racconto contiene i suoi risvolti imprevisti senza che si arrivi al dramma. Forse il senso di vuoto più drammatico lo esprime quando segue nel suo viaggio Maria che va verso il concorso a premi di una scalcinata tv che assomiglia a un retrobottega, come in fondo sono poi tutte le emittenti, parte per il tutto di un capitalismo che promette ma non mantiene. I personaggi di Sorin non giocano con le parole, non usano neologismi o nonsense, sono apparentemente insignificanti ma si muovono con grande emotività, in un crescendo di tensione costruito con rara bravura. Piccole storie mostra con divertimento e candore ben calcolato che non c'entrano per nulla le ricchezze con l'educazione, il senso dell'onore, la solidarietà, l`amore e l'affetto, tutti elementi di cui nei paesi cosiddetti poveri c'è grande abbondanza.
Autore critica:Silvana Silvestri
Fonte critica:il Manifesto
Data critica:

5/7/2003

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/03/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale