RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Viaggio di Yao (Il) - Yao

Regia:Philippe Godeau
Vietato:No
Video:
DVD:Cinema-De Paolis
Genere:Drammatico
Tipologia:Amicizia, Diventare grandi, Infanzia di ogni colore, Migrazioni
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:
Sceneggiatura:Philippe Godeau, Agnès de Sacy
Fotografia:Jean-Marc Fabre
Musiche:Matthieu Chedid
Montaggio:Hervé de Luze
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti: Omar Sy, Lionel Louis Basse, Fatoumata Diawara, Germaine Acogny, Alibet
Produzione:PAN-EUROPÉENNE, IN COPRODUZIONE CON FRANCE 2 CINÉMA, KOROKORO
Distribuzione:Cinema Distribuzione
Origine:Francia
Anno:2018
Durata:

103'

Trama:

Yao è un bambino che vive in un piccolo villaggio del Senegal. Ama i libri e le avventure e un giorno parte per Dakar alla ricerca del suo mito, un attore francese in visita in Senegal. L'attore, colpito dal carattere del bambino, decide di riaccompagnarlo a casa e il viaggio sarà per lui un ritorno alle radici.

Critica 1:Il tredicenne Yao vive a Kanel, un villaggio rurale nel nord del Senegal. Quando scopre che il celebre attore francese Seydou Tall è a Dakar per promuovere il suo libro, non ci pensa due volte e parte per incontrare l’adorato idolo. La vera avventura sarà però il viaggio di ritorno: i 387 chilometri di strade sconnesse per rientrare a Kanel saranno infatti costellati dai più variegati contrattempi. Yao affronterà tutto col sorriso sulle labbra, perché Seydou Tall si è liberato dai suoi impegni per riaccompagnarlo sano e salvo a casa, colpito dall’intraprendenza del ragazzino.
Omar Sy, star in perenne ascesa del cinema francese, torna (anche in veste di produttore) con una commedia on the road tenera, leggera e allo stesso tempo ricca di significato.
Il viaggio che riporta Yao a Kanel è anche facilmente metafora del ritorno alle origini di Seydou, che per la prima volta si ritrova a pochi passi da dove era partito suo nonno in gioventù.
Ma decide di non attraversare il fiume che lo separa dal villaggio. “Ci andrò con mio figlio”, dichiara Seydou durante una delle ultime tappe dell’improvvisato viaggio, col pensiero al piccolo Nathan rimasto in Francia con la madre. Seydou ha una nuova coscienza di sé: è ormai differente dall’uomo atterrato a Dakar soltanto tre giorni prima.
Adesso ha finalmente compreso perché i senegalesi incontrati sulla sua strada lo vedevano indubbiamente come “bianco” nonostante il colore nero della pelle, ed ha anche appreso un nuovo concetto di comunità e di tempo, arrivando a fregarsene del volo di ritorno ormai perduto. (...)
Autore critica:Manuela Pinetti
Fonte criticacinematografo.it
Data critica:



Critica 2:Impastato nella terra rossa del Senegal, nelle sue strade polverose e nel calore della sua umanità, Il viaggio di Yao è un cammino di scoperta del sé, che scava nella storia dell’attore francese Seydou Tall alla ricerca delle sue radici più profonde. Nato in Francia da famiglia senegalese, Seydou (Omar Sy) è l’immagine perfetta dell’immigrato di seconda generazione, integrato in tutto e per tutto nella cultura europea, occidentalizzato fino all’osso e lontano anni luce dalla sua cultura d’origine. L’unico elemento che lo ricollega all’Africa è il colore della sua pelle, ma in questo momento della sua vita, in cui Seydou cerca di barcamenarsi tra una carriera in rapida ascesa e un matrimonio che sta cadendo a pezzi, l’Africa sembra solo un piccolo tassello della sua identità, talmente piccolo da non trovare spazio tra i suoi pensieri.
Eppure è proprio in questo momento di grande crisi personale che l’Africa entra prepotentemente nella sua vita, con un viaggio improvvisato a Dakar, dove Seydou è stato invitato per presentare il suo ultimo libro. Ad accoglierlo è il piccolo Yao (...), la sua nemesi perfetta, il ragazzino che avrebbe potuto essere se i suoi genitori non avessero mai lasciato l’Africa. Yao ha vissuto in un villaggio a quattrocento chilometri dalla capitale per tutta la sua vita, considerando Seydou Tall come un modello, un’ispirazione, per lui che vuole fare qualcosa di grande della sua vita. Ed è per questo che si è messo in viaggio da solo, macinando chilometri con mezzi di fortuna, solo per stringere la mano al suo sogno vivente. Seydou rimane molto colpito dal coraggio di Yao, ed è per questo che decide di riaccompagnarlo a casa, iniziando così il viaggio più importante della sua vita. In questa terra a lui completamente sconosciuta, i ruoli di mentore e discente si capovolgono, perché adesso è Yao il maestro, la guida, e Seydou il bambino sperduto, il “bianco” tra i neri, il diverso.
In questo senso Il viaggio di Yao è molto più che un road-movie, o un viaggio iniziatico alla scoperta di una cultura e di una spiritualità sconosciuta, ma diventa una vera e propria riflessione sull’identità. Cos’è bianco e cos’è nero? Quali sono gli elementi per definire l’identità di una persona e come cambia la percezione che ne hanno gli altri in base al luogo in cui si trova? Il viaggio di Yao è tutto questo e Philippe Godeau è in grado di condensare una riflessione esistenziale così complessa in termini umani più che trascendenti, come gli incontri che Yao e Seydou fanno durante il viaggio, che sono in grado di trasmettere i valori della cultura africana e la sua profonda spiritualità in pochi semplici gesti, riducendo al minimo le parole per dare massimo risalto al corpo. (...)
Autore critica:Valeria Brucoli
Fonte critica:sentieriselvaggi.it
Data critica:

4/4/2019

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 07/08/2019
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale