RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Quattro giornate di Napoli (Le) -

Regia:Nanni Loy
Vietato:No
Video:Mgm Home Entertainment, Mondadori
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:La memoria del XX secolo
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Nanni Loy; da un romanzo di Vasco Pratolini
Sceneggiatura:Carlo Bernari, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Nanni Loy
Fotografia:Marcello Gatti
Musiche:Carlo Rustichelli
Montaggio:Ruggero Mastroianni
Scenografia:Gianni Polidori
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Silvana Buzzanca (Immacolata), Enzo Cannavale (il Cavaliere), Antonio Casagrande (marito di Maria), Luigi De Filippo (Ciccillo), Adriana Facchetti (donna angosciata), Domenico Formato (Gennarino Capuozzo), Aldo Giuffré (Pitrella)
Produzione:Titanus - Metro
Distribuzione:Cineteca Nazionale
Origine:Italia
Anno:1962
Durata:

123'

Trama:

Le quattro giornate di Napoli non furono una rivoluzione. Non ebbero capi, non ebbero preparazioni di nessun genere. La rivolta nacque e divampò nel giro di poche ore. Tutta la popolazione di Napoli partecipò al fatto, ma tutti lo fecero senza consultare gli altri. Spinti da una specie di necessità, i napoletani imbracciarono il fucile, si armarono di pietre, di oggetti di casa, di bottiglie di benzina, e combatterono nel loro tratto di strada, anonimi e silenziosi. Finita la battaglia ognuno tornò a casa sua e la rivolta restò nel ricordo con i soli nomi dei morti, quelli, almeno, che si conoscevano. Una figura ancora ricordata è quella di Gennarino Capuozzo, un bambino di dieci anni che fu ucciso su una barricata mentre combatteva contro gli invasori del suo paese.

Critica 1:Dal 28 settembre al primo ottobre 1943 il popolo napoletano sentì di avere davanti non soltanto i tedeschi del colonnello Scholl da buttar fuori, ma tutti gli affamatori e oppressori stranieri del passato. Prodotto dalla Titanus, è un film corale dal ritmo largo che alterna belle pagine a ridondanze retoriche, mescolando con sagacia volti e casi privati con l'epopea collettiva. Il soggetto originale è di Vasco Pratolini.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/10/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale