RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Pater familias -

Regia:Francesco Patierno
Vietato:No
Video:
DVD:Luce
Genere:Drammatico
Tipologia:Disagio giovanile, Diventare grandi
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Massimo Cacciapuoti
Sceneggiatura:Massimo Cacciapuoti, Francesco Patierno
Fotografia:Mauro Marchetti
Musiche:Angelo Talocci
Montaggio:Luca Gazzolo
Scenografia:Gianfranco Danese
Costumi:Agostino Varchi
Effetti:
Interpreti:
Produzione:Kubla Khan
Distribuzione:Istituto Luce
Origine:Italia
Anno:2002
Durata:

90'

Trama:

Matteo ritorna al suo paese vicino Napoli, dopo dieci anni di assenza. In paese sono tutti impegnati nei preparativi della festa della Vergine Maria. Matteo è tornato a causa della morte del padre e della necessità di fare ordine fra le sue carte. Dopo aver abbracciato la madre, il giovane gira per le strade del paese che lo hanno visto crescere. Nonostante molto sia cambiato a causa del sisma del 1980, la passeggiata di Matteo è un viaggio nel passato. Ricorda i suoi amici e ciò che è accaduto loro: Antimo è stato colpito a morte da un poliziotto durante una rapina in banca; Roberto ha perso la vita durante una "prova di coraggio"; Gegè si è suicidato; Michele, cugino di Matteo, è stato ucciso mentre tentava di difendere una ragazza; Rosa, il segreto amore di Matteo, ha sposato senza amore Giovanni ed ora la coppia ha una figlia, Rita. Ma i motivi della lontananza di Matteo non sono legati a Rosa: il giovane sta scontando una condanna per aver ucciso Alessandro, fratello della sua fidanzata Anna, che geloso della loro relazione, aveva violentato la sorella. Ora Matteo ha deciso di utilizzare la libertà provvisoria per aiutare Rosa ha fuggire dal suo matrimonio infelice. Mentre Rita, vestita da angelo, prende parte alla processione, Rosa e Matteo preparano la fuga. Il piano riesce e madre e figlia trovano riparo in un convento, mentre Matteo torna in carcere.

Critica 1:Sui marciapiedi all’interno di pseudo-appartamenti incastrati in case di ringhiera degradate e degradanti, si consumano le vite e le monti di alcuni giovani senza padri pur in presenza di padri, condannati all’ergastolo senza aver commesso reati, se non quello di essere nati nel posto sbagliato. Folgorato dal romanzo Pater familias di Massimo Cacciapuoti, l’esordiente Francesco Patierno si allontana (anche letteralmente) dai luoghi comuni e, a differenza di moIto “cinema di denuncia” demagogico e declamatorio (l’ultimo Squitieri, ma pure Capo Nord e Non sono io, solo per citare i casi più recenti), punta decisamente sulla messa in scena, in bilico tra due piani temporali (il passato e il presente) cristallizzati da insolite soluzioni cromatiche e da spostamenti quasi impercettibili di una cinepresa sempre nascosta (incredibile: anche agli stessi attori), che rapina il crudo realismo delle strade e degli interni con uno sguardo architettonico che riesce a essere lucido e appassionato, razionale e impulsivo. Un debutto di notevolissimo spessore.
Autore critica:Aldo Fittante
Fonte criticaFilm Tv
Data critica:

2003

Critica 2:Un paese della cintura napoletana. Matteo torna a casa in regime di libertà provvisoria per mettere ordine nelle carte del padre deceduto. Il contatto col luogo natio è l'occasione per ricordare il suo passato e gli amici, morti tragicamente o - come nel caso di Rosa, suo segreto amore ora sposata senza amore a Giovanni e madre di Rita - condannati a un destino peggiore della morte. Mentre fervono i preparativi per la festa della Vergine Maria, il giovane elabora un piano per liberare Rosa e figlia. Il tentativo riuscirà, ma per lui resta solo il carcere.
Pater Familias è una pellicola ragguardevole. Il debuttante Francesco Patierno, proveniente dalla pubblicità, illustra una provincia napoletana purgatoriale, dove violenza e sopraffazione sono di casa e resta solo da salvare il salvabile, sapendo che i destini individuali e collettivi restano comunque segnati. E anche le numerose scene choc rispondono a un'urgenza narrativa insolita nel cinema italiano. Resta il sospetto di qualche calligrafismo, di qualche sequenza più brutalmente dimostrativa che realmente necessaria. Ma il polso del racconto non si perde mai, e il cast - con facce giuste prima ancora che azzeccate - è di quelli che non si dimenticano.
Autore critica:
Fonte critica:mymovies.it
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Pater Familias
Autore libro:Massimo Cacciapuoti

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 09/04/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale