RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Cosa Giusta (La) - La Cosa Giusta

Regia:Marco Cambogiani
Vietato:No
Video:
DVD:Universal Pictures
Genere:Commedia
Tipologia:Amicizia
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Marco Cambogiani
Sceneggiatura:Marco Cambogiani con la collaborazione di Giovanni de Feo
Fotografia:Maurizio Calvesi
Musiche:Theo Teardo
Montaggio:Mauro Menicocci
Scenografia:Marta Maffucci
Costumi:Stefania Svizzeretto e Paola Ronco
Effetti:Renato Agostani
Interpreti:Paolo Briguglia, Ennio Fantastichini, Ahmed Hafiene, Camilla Filippi, Anis Gharbi, Graziano Piazza, Younis Tawfik, Gianni Vattimo, Riccardo Forte
Produzione:Toma Cinematografica, Rai Cinema
Distribuzione:Istituto Luce
Origine:Italia
Anno:2009
Durata:

90'

Trama:

Due poliziotti, molto diversi tra loro, incaricati di sorvegliare e poi proteggere un marocchino appena scarcerato dopo la detenzione con l’accusa di terrorismo internazionale, poiché su di lui pesa ancora il sospetto. I due poliziotti sono il giovane agente Eugenio Fusco e l'ispettore Duccio Monti, cinquantenne di provata esperienza, che non si sopportano a vicenda. A furia di vivere a stretto contatto con il sorvegliato stringono amicizia con l'uomo, e una volta scoperta la sua innocenza, questo legame non si spezzerà così facilmente.

Critica 1:Minchia signor tenente, cantava Giorgio Faletti. Con La cosa giusta , regia di Marco Campogiani, il buddy movie all'italiana si arricchisce di una placida coppia di poliziotti che ricorda le retoriche iconografie del calendario dei carabinieri. L'anziano e scafato Duccio, il Danny Glover della situazione, è Ennio Fantastichini immortalato nella storica espressione stravolta alla Fantaschini; Eugenio, l'Arma letale del caso, è il giovane Paolo Briguglia, ritratto nella solita espressione con musetto aggrottato alla Briguglia. Duccio smadonna, s'incazzicchia, ma è sempre tanto comprensivo; Eugenio studente studioso, legge Repubblica e tenta di finire l'università.
I due, sotto la fitta neve dell'inverno torinese, al riparo dentro l'auto fornita da uno degli sponsor del film, pedinano il marocchino Khalid (l'attore Ahmed Hafiene che interpreta l'eterno stereotipo dell'"immigrato gentile" da La giusta distanza a La straniera ) appena uscito di prigione. L'uomo avrebbe ospitato in casa un paio di terroristi islamici, tanto da meritarsi un pedinamento quasi continuo (perchè di notte no?) che finirà ovviamente a tarallucci e vino.
La cosa giusta è la sagra del luogo comune sull'immigrato e del politicamente corretto dei caratteri in scena. Non c'è un'increspatura, una complicazione, una devianza (se non il bureau della polizia, unico depositario di malvagità) tra le pieghe del racconto che riecheggia lontanamente il caso Abu Omar: l'immigrato dà solo consigli di buon senso, Duccio fa gaffe su gaffe, Eugenio getta continuamente acqua sul fuoco. Se non fosse che ad un certo punto sbuca perfino una pistola, sembrerebbe una innocua e anonima commedia sulla (fallita) integrazione razziale. Invece è un film italiano con la solita piatta linearità concettuale, timoroso e recalcitrante ad uscire dagli schemi di vendita dei grandi circuiti commerciali: una bella panoramica aerea sulla mèta esotica (il Marocco) che si visita, una bella musichetta conciliante (Duccio accetta l'invito a cena di Khalid e signora, sorride e parte la sinfonia di un irriconoscibile Theo Teardo), un ritmo da stira e ammira per casalinghe (un'inquadratura la vedo, una no perché do il colpetto col ferro) e un finale fintamente rabbuiato, giusto per dire che i buoni lo prendono sempre in quel posto. Ma davvero la drammaturgia in Italia è a simili livelli? Speranzosi, come sempre, attendiamo smentite.
Autore critica:Davide Turrini
Fonte criticaLiberazione
Data critica:

27 novembre 2009

Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 03/04/2011
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale