RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Guerra dei mondi (La) - War of the worlds

Regia:Byron Haskin
Vietato:No
Video:Paramount
DVD:Paramount
Genere:Fantascienza
Tipologia:Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dal romanzo "Il terrore viene da Marte" di Herbert George Wells
Sceneggiatura:Barre Lyndon
Fotografia:George Barnes
Musiche:Leith Stevens
Montaggio:Everett Douglas
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Gene Barry (Clayton Forrester), Ann Robinson (Sylvia Van Buren), Les Tremayne (Generale Mann), Robert Cornthwaite (Dr. Pryor), Lewis Martin (pastore Collins), Henry Brandon (poliziotto), Sandro Giglio (Dr. Bilderbeck)
Produzione:Paramount
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Usa
Anno:1953
Durata:

85’

Trama:

Un corpo fiammeggiante, che ha l'aspetto di un enorme aerolito, cade una sera nelle vicinanze di una piccola città della California, richiamando un gran numero di cittadini, tra i quali il pastore con la nipote ed un giovane scienziato, che studia l'energia nucleare. Questi scopre che il misterioso oggetto è pericolosamente radioattivo; e durante la notte il presunto aerolito rivela la sua vera natura. Si tratta di una specie di macchina infernale, dalla quale escono strani corpi volanti, che coi loro raggi deleteri polverizzano i tre uomini di guardia, provocando un vasto incendio. Si scopre ben presto che il missile è stato inviato dai marziani che, non potendo piu' vivere sul loro pianeta, hanno deciso d'invadere la nostra terra. In base ad un grandioso piano d'aggressione, i missili marziani, contro i quali a nulla valgono i piu' agguerriti eserciti, portano in tutti i paesi del mondo la desolazione e la morte. Nella California invasa dal panico il pastore è stato polverizzato, mentre la nipote e il giovane scienziato, che hanno imparato ad amarsi, si ritrovano nella città in preda alle fiamme. La donna invoca l'aiuto divino e questo non manca; ad un tratto i missili marziani cadono inerti al suolo. La nostra atmosfera carica di microbi ha debellato i marziani, salvando l'umanità.

Critica 1:Da un celebre racconto di H.G. Wells, lo specialista di genere Haskin dirige un film che la Paramount avrebbe fortemente voluto affidare ad Orson Welles come debutto, dopo la clamorosa farsa radiofonica che questi fece e che è ricordata con lo stesso nome di “war of the worlds”. Forte di un budget di tutto rispetto, in gran parte utilizzato per la cura degli effetti speciali, La guerra dei mondi racconta di un tranquillo paesino della provincia americana, dove un giorno si schianta un meteorite. Lo sgomento della popolazione è ancora più grande quando si scopre che non si tratta di un corpo celeste bensì di un’astronave aliena. E lo sgomento si fa panico quando gli extraterrestri palesano la loro ferma volontà di conquistare il mondo. La lotta è impari, vista l’evolutissima tecnologia aliena, ma gli umani sono decisi a resistere fino alla fine, tra le città che vengono rapidamente rase al suolo. Solo un miracolo li può salvare…
Realizzato in piena guerra fredda, il film è una metafora spudorata del “pericolo comunista” e della profonda demonizzazione della Russia dell’epoca, per certi versi ancor più lontana dalla società statunitense di quanto fossero gli U.F.O., che allora erano popolarissimi nell’immaginario collettivo. La grossolanità di questo paragone non toglie comunque un’oncia del fascino ad un’opera di ottima perizia tecnica e di notevole innovazione visiva, che saprà conquistarsi un posto d’onore nei cuori degli appassionati di fantascienza per decenni a venire.
Autore critica:
Fonte criticaMymovies.it
Data critica:



Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Il terrore viene da Marte
Autore libro:Herbert George Wells

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 08/30/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale