RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Isola in via degli uccelli (L') - Island on Bird Street (The)

Regia:Soeren Kragh Jacobsen
Vietato:No
Video:Mfd Home Video
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:La memoria del XX secolo
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dal romanzo autobiografico di Uri Orlev
Sceneggiatura:John Goldsmith, Tony Grisoni
Fotografia:Ian Wilson
Musiche:Zbigniew Preisner
Montaggio:David Martin
Scenografia:Alex Scherer, Norbert Scherer
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Patrick Bergin (Stefan), Jordan Kiziuk (Alex), Jack Warden (Boruch), Simon Gregor (Henryk), James Bolam (Dottor Studjinsky), Sue Jones Davies (Mrs Gryn), Sian Nicola Liquorish (Stasya)
Produzione:Tivi Magnusson, Rudi Cohen; coproduzione Danimarca-Inghilterra-Germania
Distribuzione:Buena Vista
Origine:Gran Bretagna
Anno:1997
Durata:

107'

Trama:

A Varsavia, durante la seconda guerra mondiale, la vita per gli abitanti del ghetto dura e difficile. I rastrellamenti operati dai tedeschi hanno condotto alla deportazione di quasi tutti i lavoratori e delle loro famiglie. Alex, undici anni, si tiene stretto con forza al padre Stefan e al prozio Boruch, che gli sono ancora vicini. La sera, prima di dormire, Alex si dedica alla lettura dei libri d'avventura, soprattutto Robinson Crusoe. Istruito dal padre, Alex sa dove rifugiarsi quando arrivano le retate improvvise. All'ordine di evacuare completamente il ghetto, Stefan e Boruch vengono portati via, Alex corre veloce verso il suo nascondiglio. Ne esce dopo un giorno, va a casa, la trova distrutta, torna indietro, solo e comincia una difficile ricerca di cibo e acqua. Impara a poco a poco a vivere nel ghetto ormai quasi deserto e, quando arrivano i controlli, utilizza la lezione imparata da Robinson.

Critica 1:Tratto da un romanzo di Uri Orlev, "film che contrappone l'amore per la cultura alla barbarie e che assegna all'utopia un ruolo fondamentale" (Fabrizio Liberti), ha molti meriti: l'interpretazione del piccolo Kiziuk; il modo con cui il regista danese si muove nel microcosmo cadente della fabbrica e dei suoi cunicoli per il quale lo scenografo Norbert Schere si ispirato alle acqueforti delle Carceri di Piranesi; le musiche di Zbigniew Preisner, il compositore preferito di Kieslowski; l'esplicita denuncia delle connivenze tra tedeschi nazisti e cattolici polacchi. (...)
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:Intenso, toccante, doloroso come potrebbe esserlo una versione al maschile del Diario di Anna Frank, questo L'isola in via degli uccelli un film che stordisce e commuove. Nella storia vera di Alex, ragazzo ebreo del ghetto di Varsavia e tratta dal romanzo di Uri 0rlev, c' tutto il dolore che arriva da una delle pagine pi nere dell'umanit, quella dell'Olocausto. Poetico, ma lontano mille miglia dalla visione quasi ludica di La vita bella, il film descrive la vita di un bimbo che dopo la deportazione di massa rimane unico sopravvissuto nel dedalo di rovine del ghetto che pare una delirante visione di Piranesi. Il topino Neve e una copia sgualcita di "Robinson Crusoe" sono i suoi fedeli compagni e come l'eroe di Defoe, Alex si deve nascondere per sottrarsi ai nazisti, i cannibali del nostro secolo, sorretto solo dall'utopica certezza di rivedere un giorno suo padre. Un film che nell'Europa sfavillante dell'Euro invita a non dimenticare che essa nasce da anni di profondo dolore e sofferenza.
Autore critica:Fabrizio Liberti
Fonte critica:Film tv
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Isola in via degli uccelli (L') (Autobiografico)
Autore libro:Orlev Uri

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/11/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link esterno al web comunale