RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Marnie -

Regia:Alfred Hitchcock
Vietato:No
Video:De Agostini
DVD:Universal
Genere:Drammatico
Tipologia:Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dal romanzo omonimo di Winston Graham
Sceneggiatura:Jay Presson Allen
Fotografia:Robert Burks
Musiche:Bernard Herrmann
Montaggio:George Tomasini
Scenografia:Robert F. Boyle
Costumi:Edith Head, James Linn, Rita Riggs
Effetti:Robert F. Boyle
Interpreti:Tippi Hedren (Marnie Edgar), Sean Connery (Mark Rutland), Diane Baker (Lil Mainwaring), Martin Gabel (Sidney Strutt), Louise Latham (Bernice Edgar), Henry Beckman (primo detective), Bruce Dern (marinaio), Edith Evanson (Rita), Mariette Hartley (Susan Claborn), John S. Launer (Sam Ward), Alan Napier (Mr. Rutland), Bob Sweeney (il cugino Bob), Meg Wyllie (la signora Turpin)
Produzione:Alfred Hitchcock per la Universal
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Usa
Anno:1964
Durata:

130’

Trama:

L'industriale Mark Rutland ha sposato una ragazza affetta da cleptomania, Marnie. La ragazza non riesce a ricambiare le effusioni del marito e tutti i tentativi di questi per sciogliere la barriera di freddezza della giovane s'infrangono miseramente. Mark comprende che Marnie deve le sue debolezze psichiche ad una drammatica esperienza che ha turbato la sua infanzia. Decide cosi' di recarsi con Marnie a casa della madre di questa per trovare la spiegazione dello strano comportamento della moglie. In un drammatico colloquio, Mark apprenderà che Marnie, ancora bambina, uccise un occasionale accompagnatore della madre, donna di facili costumi, che si assunse poi la responsabilità del delitto, scagionando,la piccola. Dopo quell'episodio Marnie evito' con tutte le sue forze di avvicinare gli uomini ed inizio' a rubare per un inconscio senso di gratitudine verso la madre, alla quale permise di vivere nel benessere. Finalmente guarita dal suo incubo, Marnie puo' iniziare con Mark una serena vita coniugale.

Critica 1:Un ricco industriale scopre, poco dopo le nozze, che la bella moglie è sessualmente frigida e cleptomane. Le cause sono in un drammatico episodio dell'infanzia. Rivissuto l'incubo, la donna potrà guarire. Forse il film più psicanalitico di A. Hitchcock, e uno dei più incompresi e sottovalutati: attraverso l'artificiosità è una riflessione sull'impotenza, ma anche una storia d'amore in cui s'alternano fiamme romantiche, misteri contorti della psiche, sospetti polizieschi.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:Una borsa gialla, si presume piena, di una bella donna su una banchina della stazione, una cassaforte vuota. E’ Marnie, una ragazza, interpretata da Tippi Hedren, che con le sue movenze e le sue azioni sottili conduce il film disegnato dal maestro Hitchcock. La sua salvezza sarà un incontro, quello con il bel Sean Connery, reduce dai due primi film di James Bond, che la redimerà dalla sua vita di furti e sotterfugi.
Marnie è un film sul passato, su ciò che è stato, sull’infanzia che cambia la vita, sui rapporti familiari e quelli personali. E su tutto domina il colore. Il colore è l’elemento della paura e della redenzione. Il colore rosso è l’elemento chiave che colpisce la protagonista e la terrorizza fino dalle prime sequenze. Hitch tratta il film in modo che in parte potrebbe considerarsi oggi vecchio, passato, con colpi di luce che allo spettatore possono sembrare artefatti non reali. Ma è un racconto a ritroso di rapporti con la madre e con quella che è stata la giovane vita della protagonista. I primi anni della vita segnano ognuno di noi e come viviamo i primi passi, il rapporto con i genitori non può non marchiare indelebilmente il futuro.
Non un capolavoro come molti altri film di Hitchcock, non è Notorius - L'amante perdutaDelitto perfetto, ma è una storia in cui l’amore, la passione, l’intesa fra il protagonista maschile e quella femminile nasconde nel suo sottile gioco di effusioni, sguardi ammiccanti, e baci rubati una realtà molto più vicina alla vita odierna. Il colore rosso scrivevamo prima, è il “driver” delle sequenze di terrore e di suspense. Ogni volta che compare sulla scena lo spettatore deve tremare. Da un punto di vista semiotico il rosso è pericolo e anche una metafora del sangue che fa urlare Tippi, quietata solamente da un bacio del dolce Sean. Il rosso ha segnato gli ultimi lavori che il maestro del brivido ha realizzato prima di questo lungometraggio, ultimo fra tutti Gli uccelli che forse non rende giustizia al suo tocco registico, leggero ma incisivo.
In conclusione Marnie è un film di transizione, un momento di riflessione dopo un successo di pubblico che non sempre porta consiglio. Così il maestro si è fermato ed ha realizzato un film in cui gli elementi non rivelati sono sempre presenti, avvicinandosì tuttavia ad una realtà più personale e più intima.
Autore critica:Mattia Nicoletti
Fonte critica:cinema.castlerock.it
Data critica:

18/11/2003

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 12/31/2007
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale