RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Isola di Arturo (L’) -

Regia:Damiano Damiani
Vietato:No
Video:Mgm/Ua Home Entertainment (Gli Scudi)
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Diventare grandi, Le diversità, Letteratura italiana - 900
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dal romanzo "L'isola di Arturo" di Elsa Morante
Sceneggiatura:Damiano Damiani, Enzo Liberatore, Enrico Ribulsi, Cesare Zavattini
Fotografia:Roberto Gerardi
Musiche:Nino Rota, Carlo Rustichelli
Montaggio:Adriana Novelli
Scenografia:Franco Mancini
Costumi:Vera Marzot, Cesare Rovatti
Effetti:1962
Interpreti:Vanni De Maigret (Arturo), Key Meersman (Nunziata), Reginald Kernan (Wilhelm), Gabriella Giorgelli (Teresa), Luigi Giuliani (Tonino Stella), Irene Petrucci, Aldo Vinci, Luigi Zerbinati, Elvira Tonelli
Produzione:Carlo Ponti per Compagnia Cinematografica Champion/Titanus
Distribuzione:Cineteca Nazionale
Origine:Italia
Anno:1962
Durata:

92’

Trama:

Arturo è un ragazzo di quindici anni. Non conosce nulla del mondo all'infuori della sua piccola isola, Procida. Dalla nascita vive solo: è orfano di madre e il padre Wilhelm gli fa solo rare visite. Un giorno Wilhelm torna a casa accompagnato dalla diciassettenne Nunziata, sposata poche ore prima a Napoli. Da queste seconde nozze nasce un bambino. Arturo si innamora di Nunziata. L'emigrante Wilhelm, d'altro canto, si rivela legato sentimentalmente a un certo Tonino Stella, che è detenuto nel locale penitenziario. All'atto della scarcerazione Tonino è ospite di Wilhelm, che viene picchiato e derubato dal suo protetto prima della definitiva separazione. A questo punto Nunziata riprende in pugno la situazione per ricostruire - attorno al marito e al bambino - un avvenire sereno. Arturo, fatto uomo da queste difficili esperienze, lascia l'isola.

Critica 1:Il punto di partenza per l'analisi del personaggio di Arturo, protagonista del film e del romanzo da cui è tratto, è la condizione di abbandono in cui cresce il giovane. Arturo, infatti, ha perso la madre da piccolo e ha dovuto fare i conti anche con l'assenza del padre, trasferitosi altrove in cerca di lavoro. Arturo è stato dunque costretto ad affrontare la vita da solo, senza un vero punto di riferimento, immerso nell'atmosfera magica e desolata dell'isola di Procida. Va sottolineato, in particolare, che all'abbandono si è unito l'isolamento, poiché l'isola costituisce per il ragazzo un microcosmo chiuso e protettivo, che lo ha tenuto lontano dai pericoli e dalle tentazioni che avrebbe certamente incontrato se fosse vissuto a Napoli. Arturo non conosce il mondo se non per il tramite delle poche persone che periodicamente giungono dalla terraferma. Le informazioni che accumula nel corso degli anni sono filtrate dai racconti dei viaggiatori, un po' come nel passato, quando a viaggiare erano soltanto pochi privilegiati che si facevano poi testimoni di una realtà mitica e lontana.
Il suo principale contatto col resto del mondo è comunque il padre che di tanto in tanto gli fa visita, senza tuttavia dimostrare mai un autentico affetto per il figlio. I due parlano poco e per periodi molto brevi, poi tutto finisce e Arturo torna a essere solo. Nonostante questo atteggiamento di sostanziale indifferenza, il protagonista ama il padre, lo considera un eroe, una figura quasi mitologica, un simbolo e una guida, anche se assente. Il loro rapporto entra in crisi - paradossalmente - proprio quando l'uomo decide di tornare definitivamente a Procida con l'intenzione di ricostituire una famiglia. Wilhelm, infatti, si stabilisce sull'isola in compagnia di Nunziata, una ragazzina ancora minorenne che da poco ha preso in moglie. La presenza di Nunziata sconvolge gli equilibri già precari della personalità di Arturo. Da una parte, infatti, il giovane si sente in qualche misura tradito poiché il padre dedica tutte le sue attenzioni alla giovane e desiderabile sposa, continuando a non occuparsi davvero di lui; dall'altra, l'aspetto e i modi gentili di Nunziata fanno scattare in Arturo i primi turbamenti sessuali tipici dell'età. Arturo scopre la condizione dell'innamoramento, anche se è difficile dire quanta parte di questo sentimento sia amore autentico e quanta, invece, il desiderio di una madre che mostri interesse e cura nei suoi confronti.
Il contrastato rapporto tra Arturo e Nunziata rende sempre più difficile la convivenza e l'improvvisa apparizione di Tonino Stella non fa che complicare le cose. Arturo scopre suo malgrado che il padre ha un rapporto omosessuale con un carcerato che, rilasciato, si unisce all'atipica famiglia appena formata. Quando poi la relazione tra Wilhelm e Tonino sfocia in violenza, la vita di Arturo viene davvero messa a soqquadro. In poco tempo il protagonista ha dovuto fare i conti con una realtà dura e dolorosa, ha scoperto tutte le debolezze del padre, figura assai mediocre rispetto all'ideale che di lui possedeva. La brutta esperienza diventa tuttavia una straordinaria occasione di crescita. Saranno infatti proprio Arturo e la giovanissima matrigna a ricucire relazioni e legami, a rimettere in piedi una famiglia improbabile e tuttavia sorprendentemente unita. Arturo ha scoperto il mondo degli uomini e quello dei sentimenti: adesso, fattosi uomo, è pronto a lasciare Procida per confrontarsi con il ben più complesso macrocosmo della terraferma.
Autore critica:Stefano Boni
Fonte criticaAiace Torino
Data critica:



Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Isola di Arturo (L')
Autore libro:Morante Elsa

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/11/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale