RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Verso il sole - Sunchaser

Regia:Michael Cimino
Vietato:No
Video:Warner Home Video
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Minoranze etniche
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Charles Leavitt
Sceneggiatura:Charles Leavitt
Fotografia:Douglas Milsome
Musiche:Maurice Jarre
Montaggio:Joe D'Augustine
Scenografia:Victoria Paul
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Woody Harrelson (Dottor Michael Reynolds), Jon Seda Brandon ("Blue" Monroe), Anne Bancroft (Dott.ssa Renata Baumbauer), Victor Aaron (Webster Skyhorse), Brooke Ashley (Calantha), Matt Mulhern (Dottor Chip Byrnes), Michael O'Neil (Agente Moreland), Lawrence Pressman (Capo Detective Collier), Alexandra Tydings (Victoria)
Produzione:Arnon Milchan, Michael Cimino, Larry Spiegel, Judy Goldstein, Joseph S.Vecchio per Appledown
Distribuzione:Warner Bros.
Origine:Usa
Anno:1996
Durata:

122'

Trama:

Michael Reynolds, medico di successo, aspetta da un momento all'altro la promozione a capo del reparto di oncologia all'UCLA Medical Center. Viene incaricato di visitare un carcerato, un ragazzo di sedici anni di nome Blue, che ha solo un mese di vita a causa di un tumore ormai avanzato. Blue però ha un traguardo: scoprire un leggendario lago capace di guarire ogni malattia, che si trova tra le cime delle montagne sacre di cui gli ha parlato tempo prima un indiano Navajo. Egli crede che il lago sacro lo salverà ed è disposto a qualsiasi cosa per raggiungerlo. Durante un trasferimento ad un altro ospedale, Blue punta una pistola contro Michael e lo obbliga ad uscire di città. Comincia così un lungo, tormentato viaggio che, attraverso l'Utah e l'Arizona, arriva alle montagne del Colorado. Un viaggio fatto di incontri, ostacoli, discussioni. E tuttavia, a poco a poco, le razionali, matematiche certezze di Michael cominciano ad ammorbidirsi di fronte alla fede del giovane, che ormai prossimo alla morte, trova ancora forza ed entusiasmo per andare avanti. Così anche Michael capisce quanto sia importante trovare quel luogo e, insieme, raggiungono il traguardo. Arriva il vecchio indiano Navajo che prende con sè Blue ormai nei suoi ultimi istanti di vita. Ma anche per Michael il lavoro, la professione, le cose quotidiane non saranno più le stesse.

Critica 1:Vorrei sbagliarmi, ma la folta schiera dei suoi ammiratori non sta rispondendo con l'abituale entusiasmo all'ultimo film di Michael Cimino. Dopo aver assunto lo sballatissimo I cancelli del cielo nel Pantheon della Settima Arte, dopo aver accettato (per gli italiani è un'onta) il famigerato Il siciliano indecente contraltare del Salvatore Giuliano di Francesco Rosi, adesso che Cimino torna sugli schermi al meglio della forma, con un travolgente “road movie” americano, non vedo grandi entusiasmi. Misteri dell'anima cinefila. Sunchaser mette in scena due singolari compagni di viaggio, stretti l'uno all'altro dalla minaccia della pistola brandita dal più giovane, Blue, un criminale sedicenne evaso di galera che sequestra il suo medico curante Mike, costringendolo a un folle e affannoso pellegrinaggio da Los Angeles verso una montagna sacra nella riserva Navajo in Arizona, dove secondo la profezia di un misterioso libro i malati possono ritrovare la salute. Blue soffre di un tumore allo stato terminale e Mike, cancerologo alla moda con prospettive di carriera, crede alla scienza anziché ai miracoli: non c'è stregoneria che possa salvare il turbolento giovanotto dal suo amaro destino. Cominciamo col dire, rilevando i pregi del film, che Woody Harrelson (irriconoscibile per chi lo ha visto come massacratore in Natural Born Killers) è impareggiabile nella trasformazione a vista di uno snob altezzoso in un essere umano: se nel febbraio prossimo non leggeremo il suo nome fra i 5 primattori nominati per l'Oscar, vorrà proprio dire che ha ragione Cimino quando con una punta di paranoia sostiene di avere a Hollywood solo nemici. E anche l'esplosivo Jon Seda tiene testa al compagno con una grinta e carica patetica che dovrebbero assicurargli un bell'avvenire artistico. Per non parlare della sublime Anne Bancroft in veste di saggia astrologa, un “cammeo” che sigilla un incontro di destino: un episodio cruciale nel viaggio iniziatico. Nei tre giorni che dura la fuga il panorama svaria dalla ribollente periferia della metropoli, con i suoi morti sottoproletari sull'asfalto, agli sterminati pianori del deserto e alle pittoresche asperità della montagna. L'apparizione della Monument Valley, cara alla visionarietà di John Ford, esplode come il tema conduttore di una sinfonia mentre il duetto dei protagonisti continua fra sparatorie e incidenti d'ogni tipo. Blue salva Mike dal morso velenoso di un serpente, Mike si introduce in un ospedale per rubare le medicine di cui abbisogna il suo rapitore, i poliziotti con macchine ed elicotteri sono alle calcagna, il polverone sollevato da una mandria di cavalli selvaggi serve a contrabbandare i protagonisti nel cuore dell'Arizona: basterebbero le stupende immagini dell'automobile in mezzo al branco per far rientrare “verso il sole” nella mitologia del western moderno. Quando la strana coppia arriva ai piedi dello stregone, sulla montagna sacra, lo spocchioso razionalismo del medico si è già dissolto in una visione umana e solidale, che pagherà di persona perché le manette dai polsi di Blue passeranno ai suoi. Tutto chiaro, avvincente: in una chiave di solare anarchismo, ritmato a canzonetta secondo moduli un tantino usurati, ma forte, commovente, spettacolarmente irresistibile.
Autore critica:Tullio Kezich
Fonte criticaCorriere della Sera
Data critica:



Critica 2:Comincia come un thriller, ma immediatamente vira verso il road movie a sfondo esistenziale e iniziatico: film come se ne facevano negli anni '70, tutti intrisi della malinconia di un mito (quello americano) irrimediabilemente compromesso, della disperazione secca della differenza e del bisogno insopprimibile del sogno. Verso il sole, settimo film di Michael Cimino, rielabora le suggestioni contraddittorie dell'America come melting pot care da sempre all'autore. Il protagonista, infatti, è un delinquente minorenne malato di cancro, mezzo Navajo e mezzo nero; suo contraltare, un medico bianco, arrivato, sistemato, ordinato. Lo sguardo del dottor Reynolds è il nostro sguardo, spiazzato dal confronto con una realtà cruda, da un viaggio non voluto, dall'improvviso spalancarsi di un territorio sepolto nella memoria. Cimino coniuga i ritmi nervosi dell'action urbano con quelli ariosi del western; via via che i due protagonisti si addentrano nel deserto, verso le montagne del Colorado, il film prende il passo liberatorio di un'avventura dello spirito. Disseminato dell'umorismo di piccoli incontri e della lucidità amara dei racconti del giovane Blue, si apre in immagini di una bellezza maestosa e straziata (per esempio, l'intrecciarsi dell'auto e degli indiani a cavallo e il loro percorso parallelo). Solo nel finale, quando il mito prende corpo, il film sembra improvvisamente appannarsi. Ma ha poca importanza: un autore che riesce a tenere la macchina fissa sul panorama per un paio di minuti senza che l'azione perda quota ha molto da dare al cinema.
Autore critica: Emanuela Martini
Fonte critica:Film TV
Data critica:



Critica 3:Il film è la storia di un viaggio attraverso le sterminate regioni del sud-ovest americano. Nel corso di tale viaggio il rapporto dapprima assolutamente distaccato e formale tra un medico e il suo paziente in fase terminale si trasforma in una straordinaria parabola di solidarietà e amicizia, ponendo in una luce radicalmente diversa la relazione tra l’uomo di medicina e il malato bisognoso di cure, in cui il primo non si limita a esercitare una funzione scientifica con oggettività e distacco, bensì partecipa al sostegno psicologico dell’altro, assumendosene la responsabilità diretta. Il film vuole essere, inoltre, una forte denuncia delle profonde differenze sociali nell’America di oggi, come dimostrato da un sistema sanitario che non si fa scrupoli a sfruttare segretamente la condizione del malato, in virtù della sua appartenenza a una minoranza sociale, senza che per questi vi sia alcuna possibilità di guarigione. Al centro della storia c’è la sofferenza fisica e interiore di un adolescente minato dalla malattia. La sua sola speranza risiede nel raggiungimento di una località sacra alla tribù dei Navajo, il cui sangue scorre nelle vene del ragazzo. Un luogo che rimane sino alla fine sospeso tra la realtà e l’immaginazione, dato che la sua unica immagine si trova pubblicata su un libro che Blue ha rubato nella biblioteca della prigione. Un luogo necessario, tuttavia, alle domande che il ragazzo si pone circa il significato della propria esistenza, destinata a interrompersi così prematuramente. Si tratta di una manifestazione di fede e di religiosità che non può che risultare incomprensibile a un rappresentante della scienza abituato a pensare e a interpretare il mondo soltanto con strumenti e criteri di tipo razionale. Vedi lo scetticismo con cui Reynolds si rivolge all’anziana ricercatrice incontrata durante il viaggio, che da parte sua ha una pessima considerazione della medicina ufficiale e dei suoi rappresentanti, attenti solamente a non perdere tempo per non perdere i loro lauti guadagni.
Nella sua ricerca spirituale Blue diventa una guida preziosa per il suo accompagnatore. La compagnia del ragazzo permette infatti al dottor Reynolds di operare una vera e propria trasformazione nella sua scala di valori. Nella prima parte del racconto, infatti, il medico è interessato unicamente alla carriera professionale e alla promozione, con tutti i benefici in termini materiali che queste comportano. Ma poi, un poco alla volta, arriva a elaborare una sensibilità che lo porterà a comprendere le ragioni più profonde che spingono il suo compagno di viaggio. Così, di fronte alla sofferenza umana e al bisogno spirituale dell’individuo, qualsiasi capriccio legato al benessere economico rivela improvvisamente tutta la sua debolezza. Si rivela utile per il cambiamento radicale di Reynolds anche l’incidente del morso di un serpente a sonagli avvenuto subito dopo che egli ha pronunciato un monologo sprezzante nei confronti di una visione mistica della natura. Un discorso che in un contesto naturale dal sapore magico come la sponda del Grand Canyon, assume la connotazione di una bestemmia.
Autore critica:Umberto Mosca
Fonte critica:Aiace Torino
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 03/15/2011
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale