RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Bicicletta verde (La) - Wadjda

Regia:Haifaa Al Mansour
Vietato:No
Video:no
DVD:no
Genere:Commedia
Tipologia:Diventare grandi, I bambini ci guardano, La condizione femminile
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:
Sceneggiatura:Haifaa Al Mansour
Fotografia:Lutz Reitemeier
Musiche:
Montaggio:Andreas Wodraschke
Scenografia:Thomas Molt
Costumi:Peter Pohl
Effetti:
Interpreti:Waad Mohammed (Wadjda), Reem Abdullah (madre), Abdullrahman Al Gohani (Abdullah), Ahd Kamel (Ahd Hussa), Sultan Al Assaf (padre)
Produzione:Razor Film in coproduzione con High Look Group e Rotana Studios in cooperazione con Norddeutscher Rundfunk e Bayerischer Rundfunk
Distribuzione:Academy 2
Origine:Arabia Saudita-Germania
Anno:2012
Durata:

97'

Trama:

Riyadh. Wadjda ha un grande sogno: poter comprare la bicicletta verde che fa capolino dalla vetrina del negozio di giocattoli davanti al quale passa tutti i giorni; ma alle ragazze è proibito andare in bicicletta e deve escogitare un piano per trovare il denaro necessario a comprarla. L'occasione le viene servita su un piatto d'argento quando viene indetto un concorso in cui i concorrenti devono recitare alcuni capitoli del Corano...

Critica 1:Wadjda ha un sogno: comparsi la bicicletta che vede tutti i giorni tornando a casa da scuola, e sfrecciare per le strade della città più veloce del ragazzino amico del cuore. Sembra una cosa semplice, eppure per lei non lo è. Infatti Wadjda (la bravissima Waad Mohammed) vive in Arabia Saudita dove per le donne tra le tante cose è vietato anche andare in bicicletta. Wadjda ha conquistato il pubblico dell'ultima Mostra di Venezia, dove era nella sezione Orizzonti, arrivato come il primo film di una regista donna in Arabia Saudita, Haifaa Al Mansour prodotto senza alcun supporto nonostante i sempre più frequenti investimenti culturali dei grandi capitali arabi. Ma forse la storia era poco nei canoni ammessi, anche se poi Haifaa Al Mansour non è mai aggressiva, e nemmeno giudicante, ma avvicina i diversi aspetti dell'universo femminile. Con una narrazione semplice, in cui gli schematismi occidentali rispetto al soggetto lasciano il posto a uno sguardo amoroso, una empatia coi personaggi, e con gli interpreti (stupenda anche Reem Abdullah che è la madre), anche quelli meno «positivi». Il titolo italiano, La bicicletta verde, ci porta subito a pensare ai Ladri di biciclette di De Sica, il riferimento non è nemmeno troppo casuale. Haifaa Al Mansour sembra, infatti, guardare alla lezione del cinema iraniano di Kiarostami che, a sua volta, ha sempre dichiarato nei suoi primi film un debito col neorealismo italiano, nella scelta di mettere al centro i ragazzini che diventano la voce, e il racconto, dei conflitti e anche di una possibile ribellione.
Autore critica:Cristina Piccino
Fonte criticail manifesto
Data critica:

6/12/2012

Critica 2:La speranza è «spingere la gente ad amare la vita». La sensazione è che Haifaa Al Mansour, 38 anni, prima regista donna dell'Arabia Saudita, abbia realizzato il suo obiettivo. Merito della Bicicletta verde, presentato ieri al Tff dopo l'anteprima trionfale all'ultima Mostra di Venezia: «Volevo dare un volto umano a un dibattito intellettuale, raccontare una piccola storia con cui la gente possa mettersi in relazione. Era importante, per me, che la vicenda restituisse un ritratto accurato della situazione femminile in Arabia Saudita e che questo avvenisse attraverso personaggi credibili, normalissimi, che vivono cercando di destreggiarsi in un determinato sistema». Al centro del film (...), la figura di Wadjda, 10 anni, residente nella periferia della capitale saudita Riyadh, decisa a entrare in possesso della bici con cui potrà finalmente battere l'amichetto Abdullah. Ma lui è maschio e lei è femmina, in una società che considera le biciclette un oggetto pericoloso per la virtù delle ragazzine. L'unico modo è cercare di mettere insieme da sola i soldi necessari all'acquisto, ma anche questa è un'impresa difficilissima: «Parlo della mia esperienza, del saudita medio, e di un ambiente sociale in cui, in fondo, nonostante certe apparenze, uomini e donne sono sulla stessa barca, forzati a comportarsi in certi modi».
Per Haifaa Al Mansour le cose sono andate in modo diverso. Dopo la laurea in letteratura all'Università Americana del Cairo, ha completato il master di regia a Sidney , ha girato tre corti e un documentario intitolato Donne senz'ombra, e infine ha diretto La bicicletta verde: «M'interessava mettere in luce il contrasto che esiste nel mio Paese tra la voglia di apertura e la forza delle tradizioni». Le donne saudite, spiega l'autrice, vivono questa contraddizione in maniera particolarmente lacerante: «È così difficile per loro essere loro stesse. Se si comportano in modo diverso da quello comunemente accettato sono considerate, ovunque nel mondo "controverse", figuriamoci in un Paese severo e tradizionalista come l’Arabia Saudita. Dalle donne ci si aspetta un preciso comportamento e, se ciò non avviene, vengono condannate ed etichettate». Wadjda lotta contro tutto questo, e dimostra che la voglia di vivere, alla fine, è più forte di tutto.
Autore critica:Fulvia Caprara
Fonte critica:La Stampa
Data critica:

27/11/2012

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 07/08/2013
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale