RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Assassinio di un allibratore cinese (L’) - Killing of a Chinese Bookie (The)

Regia:John Cassavetes
Vietato:No
Video:Biblioteca Rosta Nuova, visionabile solo in sede
DVD:Elle Multimedia
Genere:Drammatico
Tipologia:Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:John Cassavetes
Sceneggiatura: John Cassavetes
Fotografia:Mitchell Breit, Frederick Elmes, Michael Ferris
Musiche:Bo Harwood
Montaggio:Tom Cornwell
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Jack Ackerman (Tony Maggio), Timothy Agoglia Carey (Flo), Salvatore Aprile (Sonny), Val Avery (Blair Benoit), Vince Barbi (Vince), Virginia Carrington (Betty), Seymour Cassel (Mort Weil), Miles Ciletti (Mickey), Elizabeth Deering (Lavina), Alice Friedland (Sherry), Ben Gazzara (Cosmo Vitelli), Donna Gordon (Margo), Soto Joe Hugh (allibratore cinese)
Produzione:Al Ruban per Faces
Distribuzione:Cineteca dell’Aquila
Origine:Usa
Anno:1976
Durata:

105’

Trama:

Fondatore e direttore del 'Crazy Horse West' Cosmo Vitelli riesce a pagare l'ultima rata che deve agli strozzini per il suo locale e finalmente sente la vida sorridergli. Una sera, in compagnia di tre dipendenti, si reca in un casino dove si indebita per diverse migliaia di dollari. Egli spera di pagare il debito con i proventi del locale, ma ignora di essere caduto nella rete di una losca banda che, facendosi viva, promette di cancellare il debito se Cosmo ucciderò un allibratore cinese residente a Chinatown. Dopo qualche titubanza uccide il cinese ma viene a sua volta ferito ed ora è braccato dalla banda che vorrebbe eliminare lo scomodo testimone.

Critica 1:Le mutilazioni, fatte con ogni probabilità nella presunzione che il pubblico da un film noir s'aspetti soltanto azione, tradiscono in parte la natura di questa pellicola che, del tutto coerente con il miglior cinema di John Cassavetes, è tutto fuor che un film d'azione criminale o poliziesco.
Autore critica:
Fonte criticaSegnalazioni cinematografiche
Data critica:



Critica 2:Il direttore di un locale notturno cade nelle mani di una losca banda a cui deve molti soldi e, per salvarsi la vita e pagare il suo debito, è costretto a commettere un omicidio nel torbido quartiere di Chinatown. Insolito per il taglio americano della short story, lo stile lampeggiante e sincopato, il frastuono del traffico che lo assilla da cima a fondo: un'intuizione straordinaria, la definizione acustica dell'inferno.
Autore critica:
Fonte critica:Il Morandini – Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 3:Nel cinema di John Cassavetes le "storie" contano poco. Così, per darvi egualmente una vaga idea, diciamo che L'Assassinio di un allibratore cinese parla del proprietario di un locale di spogliarello che fa il proprio mestiere con passione. Ma che, in seguito ad un debito di gioco è costretto a commettere un omicidio su ordinazione.
Ma, come detto, a Cassavetes non interessa la storia ed il suo sviluppo. Cassavetes è nato, cinematograficamente, in un momento ben preciso: attorno al 1960, quando con la Nouvelle Vague in Francia, con il Cinema Novo nell'America latina, con il Free Cinema in Gran Bretagna, e, appunto con la scuola di New York negli Stati Uniti, si decideva una volta per tutte di voler rompere gli schemi, le convenzioni che regolavano un cinema ormai sclerotizzato, le formule dettate dai sistemi industriali imperanti nel mondo dello spettacolo.
Con il (relativamente) celebre Shadows (Ombre, 1960) Cassavetes chiariva il suo modo di vedere: la verità, la realtà andava cercata con dei mezzi vicino al documentario, ma un documentario basato su degli attori. Una situazione, insomma, rovesciata: su degli attori, su una situazione umana si produceva un comportamento umano. S'inventava il documento, la verità su degli attori che seguivano una determinata finzione. Al regista interessa un personaggio, i rapporti con il mondo che lo circonda, i condizionamenti che l'uomo subisce dall'ambiente. Delle psicologie inserite nella società in cui viviamo.
"Per me, l'attore è la forza creatrice fondamentale. Se la sua comprensione, se il suo approccio alla materia trattata sono positivi allora il film è riuscito; ed il lavoro dei tecnici diventa quasi secondarlo."Ovvio, a questo punto, che tutto debba nascere, nel cinema di Cassavetes, da questa intimità fra regista e attore: e le interpretazioni, forse improponibili nel cinema di oggi, di Gena Rowlands, di Ben Gazzarra e di tutti gli altri attori che regolarmente fanno parte della banda di Cassavetes sono il risultato di questa intimità. Tutto, nel cinema del regista, è sacrificato a questo scopo: il personaggio dev'essere colto nel modo più naturale possibile, con la maggiore immediatezza e semplicità. Così, quindi, i tempi sono spesso vicini a quelli reali, le durate sono circoscritte. Faces dura un paio di giorni, Husbands (Mariti) una notte, quattro giorni Minnie e Moskovitz; due lunghe scene, separate da un'ellissi di sei mesi, per Una moglie. Pochi giorni per l'Allibratore cinese, e così via.
In questo tempo, e spazio limitato la macchina da presa s'incolla ai personaggi. Li scruta in ogni loro gesto, in ogni loro piccola reazione con una sola regola fissa: quella della massima semplicità. La cinepresa di Cassavetes è sempre al posto più diretto, più logico. Osservando l'estrema originalità dei suoi temi, il fatto che egli non assomigli veramente a nessuno, viene da chiedersi se tutti gli altri non abbiano perso, invece, il dono della semplicità, della naturalezza.
Cerchereste inutilmente uno stile, una regola nel cinema di Cassavetes, proprio perché è dalla mancanza di regole che nasce il suo tono inimitabile. Agli attori è lasciato tutto il tempo a disposizione. Anzi, più del tempo necessario. Con dei tempi lunghi, con una scena che non finisce quando la convenzione vuole che finisca, con un tempo "vuoto" alla fine da riempire, l'attore sarà costretto ad esprimere, a concedere del suo. In quegli interminabili secondi che mancano al "cut" del regista, e che bisogna pur colmare, l'attore finisce con l'esprimere quello che appartiene al personaggio di più intimo e vero.
I film di Cassavetes non sono mai delle storie, ma una serie di ritratti, sconvolgenti di verità, su degli individui, e sui rapporti che questi individui hanno con il mondo che li circonda. Come farfalle impazzite essi vengono sospinti dalla cinepresa in ambienti raccolti, camere d'albergo, scantinati, scale, cucine, locali notturni. Stretti contro le pareti dall'occhio della camera, negli angoli delle stanze. E poi lasciati andare, una volta svuotati del loro contenuto umano.
I film di John Cassavetes, egualmente, non hanno una fine, così come non hanno una storia. Questi termini sono quelli di una convenzione narrativa che l'autore ha sempre rifiutato. Le sue storie si svolgono all'interno dei personaggi. E in quella prospettiva affascinante la nozione di fine ancora non è stata scoperta.
Autore critica:Fabio Fumagalli
Fonte critica:rtsi.ch/filmselezione
Data critica:

23/10/1980

Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 08/09/2013
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale