RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Galileo - Galileo

Regia:Joseph Losey
Vietato:No
Video:Biblioteca Rosta Nuova
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:letteratura drammatica
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Barbara Bray, Joseph Losey, tratto dal dramma “Vita di Galileo” di Bertolt Brecht
Sceneggiatura:Barbara Bray, Joseph Losey
Fotografia:Michael Reed
Musiche:Hanns Eisler, Richard Harley
Montaggio:Reginald Beck
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Edward Fox (Card. Inquisitore), Michael Lonsdale (Card. Barberini), Topol (Galileo)
Produzione:Ely Landau Organisation (Londra) – Cinevision
Distribuzione:Cineteca nazionale - Cineteca dell’Aquila - Cineteca Lucana - Collettivo dell’Immagine
Origine:
Anno:1974
Durata:

143’

Trama:

La rivisitazione dei momenti cruciali dell processo a carico di Galileo Galilei da parte della Chiesa. Dal testo teatrale di Brecht, che Losey aveva già allestito sul palcoscenico ventisette anni prima, il regista crea un'opera cinematografica estremamente parlata e claustrofobica. Il rapporto tra Brecht e il cinema rimane irrisolto.

Critica 1:Dal dramma Vita di Galileo (tre versioni dal 1939 al 1955) di Bertolt Brecht: alcuni episodi nella vita del celebre scienziato pisano (1564-1642), rappresentato ora come un combattente per la libertà intellettuale, ora come capostipite degli odierni scienziati atomici asserviti al potere. Dopo aver messo in scena il dramma a Los Angeles nel 1947 con Charles Laughton protagonista nella sua prima edizione americana, J. Losey tentò di trovare un equivalente cinematografico allo stile teatrale di B. Brecht, applicando le sue idee al mezzo diverso. Anche a causa del basso costo che gli impose tempi strettissimi per le riprese, la trasposizione riuscì soltanto in parte, tanto più che, a causa dell'estrema fedeltà al testo, il film è molto parlato. Affiancato da un cast illustre che comprende anche John Gielgud, Patrick Magee, Margaret Leighton, l'attore-cantante ebreo Topol è un Galileo insolito e imponente.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini – Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:La «parentesi» teatrale prosegue con Galileo (1974) con cui Losey sembra coronare un sogno e un'ossessione durati già troppo tempo. Esattamente 27 anni sono passati da quel mitico allestimento teatrale con Charles Laughton, George Tabori (che collaborò alla sceneggiatura) e con i consigli e gli appunti dello stesso Brecht. Un'occasione nella quale lo stesso Brecht riscrisse appositamente il finale dell'opera e che ottenne un insperato successo, al punto da proseguire le sue repliche fino a Hollywood. Da allora i ben noti avvenimenti politici e le meno note vicende economiche hanno costantemente impedito a Losey di realizzare del celebre testo brechtiano la riduzione cinematografica. (…)
Basato ancora sugli appunti di Brecht, Galileo soffre comunque di alcune ipoteche. Il basso budget impone ad un realizzatore " veloce " come Losey tour de force impressionanti. Lo scomparso Charles Laughton è sostituito da un ben diverso Topol. L'estrema fedeltà al testo brechtiano ne fa infine «un'opera estremamente parlata» (Losey). Da ciò discende il fatto che il trasferimento teatro-cinema non sia del tutto indolore, anche se rivela momenti di coincidenza non occasionale fra Losey e Brecht: la concentrazione spaziale (propria della scena teatrale) che permette l'indagine analitica del personaggio; il tema delle vittorie impossibili che si fonde a quello delle illusioni e della dignità individuale; il contrasto fra l'uomo e le regole del gioco che è sempre governato da altri. Al di là di queste presumibili (e scontate) affinità, il problema di Losey è subito quello di «trovare un equivalente cinematografico allo stile teatrale di Brecht» (Losey); è quindi quello di evitare «il film teatrale come ripresa cinematografica di uno spettacolo teatrale, ma di adottare per il cinema le idee che Brecht applicava al teatro» (Berthome) - cosa che sembra riuscita solo al cinema di Godard.
Autore critica:Giorgio De Marinis, Gualtiero Cremonini
Fonte critica:Joseph Losey, Il Castoro Cinema
Data critica:

3/1981

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Vita di Galileo
Autore libro:Brecht Bertolt

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 10/27/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale