RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Kamchatka -

Regia:Marcelo Pineyro
Vietato:No
Video:
DVD:Dolmen Home Video
Genere:Drammatico
Tipologia:Diventare grandi, Giovani in famiglia, I giovani e la politica
Eta' consigliata:Scuole elementari; Scuole medie inferiori
Soggetto:Marcelo Figueras, Marcelo Pineyro
Sceneggiatura:Marcelo Figueras
Fotografia:Alfredo F. Mayo
Musiche:Bingen Mendizabal
Montaggio:Juan Carlos Macias
Scenografia:Jorge Ferrari, Juan Mario Roust
Costumi:Ana Markarian
Effetti:
Interpreti:Ricardo Darin (Papa'), Cecilia Roth (Mamma), Hector Alterio (Nonno), Fernanda Mistral (Nonna), Tomas Fonzi (Lucas), Matias Del Pozo (Harry), Milton De La Canal (il Nano), Leticia Bredice (maestra), Nicolas Cantafio (Bertuccio)
Produzione:Pablo Bosi, Francisco Ramos, Oscar Kramer per Alquimia Cinema - Patagonik Film Group - Oscar Kramer S.A
Distribuzione:Mikado
Origine:Argentina - Spagna
Anno:2002
Durata:

105’

Trama:

La vicenda viene raccontata con gli occhi di Harry, il maggiore dei due bambini, e conserva quasi sempre un tono lieve, addirittura allegro in alcune situazioni, assolutamente inaspettato in un film che rimanda alle vicende tragiche della dittatura militare. La realtà è filtrata dallo sguardo di Harry (perfino alla sua altezza), dalla percezione immaginaria del reale tipica dei bambini. La ricostruzione storica quindi resta fuori dal racconto, che si sviluppa man mano intorno al mondo familiare di Harry, il quale non può capire, anche grazie al coraggio ed alla forza dei genitori che fino alla fine cercano di farli sorridere e divertire, la drammaticità degli eventi che li circondano e che stanno per travolgerli.
Anche i genitori sono visti con gli occhi di Harry, e non capiamo bene cosa hanno in mente, non sappiamo nemmeno i loro nomi, possiamo solo cercare di intuire dagli sguardi, e dalle parole rivolte ai bambini. La scelta di questo punto di vista, a dimensione di bambino, aiuta il regista a non cadere nel sentimentale, o peggio nel ricatto consolatorio, visto il tema così delicato.
Il fulcro del film è rappresentato dalla vita quotidiana di Harry, profondamente legata al suo mondo ludico e fantastico.
Il gioco da tavola e la misteriosa roccaforte siberiana – la Kamchatka del titolo –, le avventure di Houdini scoperte nel libro abbandonato nell'armadio, i giochi con il fratellino, le serie televisive (Simon Templar, Il prigioniero), l'arrivo del misterioso compagno Lucas, i fumetti di fantascienza, il giardino incantato della villa, i nuovi rituali della vita nella nuova casa, le esercitazioni di contorsionismo per allenarsi a ripetere le prestazioni del mago, il viaggio in visita ai nonni sulla Citroen 2 cavalli, le ultime foto scattate al padre con lo scatto finale che non lo inquadra più, il ballo dei genitori in riva al lago ascoltando "Just the way you look tonight", la notte passata a guardare le stelle cadenti, la fuga in treno di Harry a Buenos Aires per visitare l'amico, l' estrema prova di coraggio alla Houdini, la disperazione dell'ultima uscita dalla villa e il ritorno alla casa devastata, la tristezza del viaggio finale fino all'ultima e definitiva separazione.

Critica 1:Memoria intesa come Storia: storia di un paese costretto a vivere la tragedia della violenza di un governo militare che da un giorno all'altro decide di togliergli la voce, strappando con crudeltà e metodo i pensieri libertari o democratici dei propri cittadini. Una ferita ancora sanguinante, che il regista Marcelo Pineyro racconta presentandola dal punto di vista di un bambino di dieci anni costretto ad abbandonare di colpo la sua vita per nascondersi assieme alla propria famiglia in una casa isolata di una minuscola cittadina. Isolati e sempre all’erta, costretti ad accettare una nuova identità , Harry e il fratellino più piccolo vivono una vacanza che sebbene all'inizio appaia persino intrigante, resta forzata e involontaria. Ma per i bambini sono soprattutto le abitudini ad essere le certezze e nonostante Harry sia abbastanza grande da comprendere le scelte degli adulti vorrebbe tornare alla vita di prima, con il suo nome vero e con il compagno di giochi Bertuccio.
La storia raccontata da Pineyro non si poggia in alcun modo su quel repertorio di esecuzioni sommarie e terrificanti torture di cui conosciamo da tempo ogni più triste dettaglio: e neppure ne lascia parlare i protagonisti. Preferisce l'ancor più sconvolgente silenzio osservato dagli adulti per tenere a distanza dai propri figli l'ineluttabile realtà della vita, lasciando loro la possibilità che l'infanzia duri più a lungo. Gli adulti al contrario resistono proprio grazie ai figli nel tentativo di non lasciarsi trasformare dalla drammaticità degli eventi per andare avanti fino a che non torni di nuovo la tanto sospirata normalità d'un tempo.
La pellicola di Pineyro resta essenziale sempre: con una sceneggiatura altrettanto scarna e per questo ancor più ricca di significato si amplifica lo spazio lasciato agli attori e ai loro personaggi che raccontano con altrettanta intensità un periodo storico difficile e indelebile.
Autore critica:Valeria Chiari
Fonte criticaFilmUP
Data critica:



Critica 2:IL SEGRETO DEL T.E.G.
Il TEG (Tattiche e strategie di guerra) è un gioco da tavola che assomiglia al Risiko. Una mappa con 50 stati e tre o quattro giocatori. Chi riesce a controllarne almeno 30 vince. Quando si tratta di due soli giocatori (come Harry e il padre), per ottenere la vittoria è necessaria la conquista di tutti i 50 paesi. Il padre insegna ad Harry, che non riesce mai a vincere nonostante ci vada sempre vicino, che basta controllare una regione, come quella remota e sconosciuta ai confini della mappa, Kamchatka, per resistere per ore in attesa che la situazione cambi. L'importante è sopravvivere a tutti i costi: è questo l' ultimo prezioso consiglio che Harry riceve dal papà.
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:I DESAPARECIDOS
Il 24 marzo 1976 una giunta militare capeggiata dal gen. Jorge Videla depose con un golpe il governo di Isabelita Peron e diede vita ad un imponente apparato clandestino di repressione i cui effetti sono passati alla storia con il nome di «guerra sporca». In realtà questa era nata già due anni prima con i primi omicidi 'misteriosi' organizzati dalla 'AAA' (Alleanza anticomunista argentina) ispirata da Josè Lopez Rega.
Che siano 9.000, come appare nel 'Nunca mas' preparato dalla Conadep, una commissione speciale presieduta dallo scrittore Ernesto Sabato, o 30.000, come sostengono i familiari, i desaparecidos rappresentano un macigno sulla coscienza collettiva argentina. Nella Esma (Scuola meccanica della Marina), forse il centro simbolo dell'Argentina sotto la dittatura, si calcola che siano entrate circa 5.000 persone e solo 200 ne siano uscite vive. Fu una repressione brutale e cieca, cui contribuì particolarmente la Marina e l'Esercito, mentre l'Aviazione si tenne al margine.
Nel marzo 1981 il gen. Eduardo Viola successe a Videla, ma si scontrò con il capo della Marina, Amm. Eduardo Massera, per la leadership di una transizione politica alla dittaura. La sconfitta nella guerra contro la Gran Bretagna per le Falkland-Malvine (1982) accelerò la fine del regime presieduto nell'ultimo anno dal gen. Reynaldo Bignone. Le elezioni dell'ottobre 1983 furono vinte dal radicale Raul Alfonsin che annunciò il rinvio a giudizio degli ex comandanti delle giunte militari. Attualmente molti protagonisti della «guerra sporca», come Videla e Massera, sono agli arresti domiciliari in Argentina nel quadro di processi riguardanti la sottrazione di minori a madri internate nei centri di tortura della dittatura.
Autore critica:
Fonte critica:Primissima
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 09/10/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale