RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Auguri professore -

Regia:Riccardo Milani
Vietato:No
Video:Cecchi Gori Home Video
DVD:
Genere:Commedia
Tipologia:Diventare grandi, Il mondo della scuola - Giovani
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Riccardo Milani, Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Domenico Starnone; dal romanzo "Solo se interrogato" di Domenico Starnone
Sceneggiatura:Riccardo Milani, Sandro Petraglia, Stefano Rulli, Domenico Starnone
Fotografia:Alessandro Pesci
Musiche:Claudio Guidetti
Montaggio:Enzo Meniconi
Scenografia:Marta Maffucci
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Silvio Orlando (Lipari), Claudia Pandolfi (Luisa), Duilio Del Prete (Preside), Flavio Pistilli (Triglia), Gianluca Ruggiero (Lipari a 14 anni), Gianni Ferreri (padre di Lipari), Antonella Stefanucci (madre di Lipari)
Produzione:Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica
Distribuzione:Cecchi Gori
Origine:Italia
Anno:1997
Durata:

108'

Trama:

A Roma Lipari è un'insegnante sui quarantacinque anni che crede nel proprio lavoro e cerca di rinnovarlo con un po' di fantasia. Il rapporto con gli studenti però è reso difficile dal fatto che sta vivendo un momento di crisi e di confusione sul piano privato e professionale. Fuori della scuola gli viene rubata l'auto acquistata venti anni prima col primo stipendio, e il furto è un brutto colpo. Inoltre all'improvviso si trova di fronte come nuova collega Luisa, che era stata sua alunna agli inizi della sua carriera. L'auto rubata e l'apparizione di Luisa fanno scattare nella mente di Lipari i ricordi del passato: tutta la sua vita dalle elementari all'università, le speranze dei genitori, gli insegnanti troppo superficiali, le differenze sociali tra un alunno e l'altro. E poi, da insegnante, la volontà di mettersi al servizio dei più svantaggiati, gli anni della contestazione, l'attaccamento per l'alunno Triglia, l'incontro con Luisa, che era figlia del sindaco. Mentre riflette, Lipari vede che Luisa entra subito in sintonia con i ragazzi, e allora cerca di sfuggirle, quasi impaurito. In preda al nervosismo, non riesce a gestire le situazioni ed entra in lite con i genitori. Luisa finisce la supplenza e va via, lasciandolo nel pieno della confusione. Ma prima di allontanarsi, Luisa ricorda a Lipari tutto l'arricchimento che ha ricevuto da lui, i ragazzi si rendono disponibili alle sue richieste. Lipari allora ritrova fiducia e il coraggio di guardare al futuro.

Critica 1:Annunciato mesi fa, poi sempre rinviato, esce con un ritocco di atmosfera natalizia Auguri professore, opera prima di Riccardo Milani la cui storia si chiude proprio durante le vacanze di Natale. Tratto da "Solo se interrogati" di Domenico Starnone (come La scuola lo era da tre libri dello stesso autore) e sceneggiato da Sandro Petraglia, Stefano Rulli e Starnone, in collaborazione col regista, il film non è, però, il seguito di quello diretto due anni fa da Daniele Luchetti. Neppure nel tono, più intimista, realistico e a tratti anche amaro. Vincenzo Lipari (Silvio Orlando), professore per vocazione ma deluso dallo sfascio della scuola e della vita civile, non riesce a compilare il piano didattico per il nuovo anno scolastico malgrado le insistenze del preside. Glielo impedisce la formazione politica con cui, negli anni dell'utopia, riusciva a contagiare gli studenti. Guidato dalla voce narrante di Lipari, il film alterna i piani temporali tra il presente, la carriera scolastica del protagonista a cominciare dalle elementari, il primo incarico d'insegnamento in un paesino di montagna, quando tra i suoi allievi c'era la bella e volitiva Luisa (Claudia Pandolfi). Ora Luisa debutta come supplente proprio nella scuola di Lipari; ma l'irresolutezza del professore impedirà, per la seconda volta, che un amore potenziale diventi realtà. Auguri professore è scritto con equilibrio e messo in scena con semplicità, al servizio del personaggio di Orlando: uomo qualsiasi, benintenzionato come molti, disilluso come tanti, al quale l'ottimo attore conquista senza sforzo la nostra simpatia. A parte qualche incongruenza in cronologia, tutto è molto credibile. In particolare i flashback sulla scuola di un tempo, basata su un concetto perfettamente punitivo dell'esistenza, ne esce con una precisione notevole. Più che nella linea della commedia satirica siamo, per intenderci, in quella di Ovosodo, dove i tocchi di osservazione realistica prevalgono e la comicità non è il criterio-base della rappresentazione (eccetto un episodio: quello del professore rinchiuso nell'armadietto). E se non manca qualche concessione allo stereotipo - vedi i riferimenti alle violenze familiari e alle molestie sessuali - anche gli studenti, una volta tanto, sono rappresentati come minorenni più o meno normali, anziché come un popolo di incomprensibili alieni.
Autore critica:Roberto Nepoti
Fonte criticala Repubblica
Data critica:

27/12/1997

Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Solo se interrogato
Autore libro:Starnone Domenico

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/08/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale