RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Figlio unico (Il) - Hitori Musuko

Regia:Yasujiro Ozu
Vietato:No
Video:Biblioteca Rosta Nuova
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:James Maki
Sceneggiatura:Tadao Ikeda, Arata Masao
Fotografia:Shojiro Sugimoto
Musiche:Ito Senji
Montaggio:
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Ryu Chhishu (Okubo), Shinichi Himori (Ryosuke), Choko Iida (Nonomiya Otsune), Bakudan Kozo (suo figlio),Tokkan Kozo (Tomibo), Hayama Masao (Ryosuke bambino), Sakamoto Mitsuko (Otaka), Naniwa Tomolo (sua moglie), Tsubouchi Yoshiko (Sugiko)
Produzione:Shochiku Afuna
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Giappone
Anno:1936
Durata:

83'

Trama:

╚ la storia di Ry˘suke, che ha passato l’infanzia con la madre, pronta ad ogni sacrificio per procurargli un avvenire migliore. Ma quando la donna va a visitarlo a Tokyo dopo tredici anni di lontananza, scopre con immensa delusione che il figlio esercita la professione di insegnante serale in un’umile scuole e vive con la sua piccola famiglia in una desolata periferia…

Critica 1:Figlio unico Ŕ uno dei film pi˙ amari del cinema di Ozu degli anni '30, ancora pi˙ di Sono nato, ma..., dove la lievitÓ del tocco mitigava parzialmente i toni cupi. Il regista riprende la figura del sacrificio (quello di Otsune nei confronti del figlio Ry˘suke) per mostrarne l'inutilitÓ, causata non dai crudeli giochi del destino, ma da una precisa realtÓ sociale. Assistiamo al fallimento degli ideali dell'epoca Meiji (1868-1912), quando si pensava che l'avvento della modernizzazione avrebbe sÝ costretto i giapponesi a modificare il sistema di vita tradizionale ma, nel contempo, avrebbe garantito a tutti un'occupazione e un pi˙ alto tenore di vita. Invece, nel 1936 il 44 per cento dei diplomati e dei laureati era senza lavoro. Il fallimento di Ry˘suke Ŕ il segno di una pi˙ generale crisi sociale. Dominano immagini di tristezza e desolazione. La campagna appare come una realtÓ disgregata dove al lavoro nei campi si sostituisce quello in piccole fabbriche che si reggono sullo sfruttamento della manodopera femminile. La desolazione della campagna la si ritrova ingigantita, nella grande metropoli: la Tokyo di Figlio unico Ŕ una squallida periferia fatta di erbacce, campi abbandonati, case cadenti e sgangherate, tristi capannoni industriali, inceneritori di immondizie. Le visite della madre e del figlio nei principali centri della cittÓ sono accuratamente poste in ellissi.
Il pessimismo e i toni desolati si manifestano nella lontananza dal luogo natio, nel distacco tra figlio e madre, nelle dure condizioni di vita tanto in campagna che in cittÓ, nella vanitÓ del sacrificio, nella fine delle illusioni, in un clima complessivo assai lontano dal dominante orientamento della Sh˘chiku e del suo direttore Kido Shir˘ che della speranza e dell'ottimismo avevano fatto una bandiera. Va per˛ aggiunto che in almeno due occasioni Figlio unico mitiga il clima di amarezza generale: da una parte attraverso la generositÓ di Ry˘suke che senza esitare presta il suo denaro alla madre del bambino ferito dal cavallo, e dall'altra grazie alla decisione finale di rimettersi a studiare per migliorare la propria posizione. Se il primo dei due fatti rientra in quel generale umanesimo che costituisce il punto di confluenza delle intenzioni di Ozu e di Kido, il secondo sembra solo una dichiarazione di buona volontÓ che difficilmente potrÓ realizzarsi nel contesto storico e sociale descritto dal film.
La "rivelazione", una delle figure chiave del cinema di Ozu agli anni '30, appare anche in Figlio unico, dove si scompone addirittura in tre diversi momenti. Anzitutto in apertura, quando Otsune scopre che Ry˘suke le ha mentito affermando di non aver detto al maestro di voler continuare gli studi. Scoperta che genera la consueta reazione violenta (la madre che schiaffeggia il figlio), seguita da un atteggiamento di comprensione e di accettazione. La seconda rivelazione, pi˙ articolata, riguarda la modesta realtÓ di Ry˘suke a Tokyo. La reazione di Otsune Ŕ pi˙ graduale, sebbene non meno dura, e culmina nel doppio clima delle scene dell'inceneritore e della veglia notturna in casa di Ry˘suke, quando il figlio tenta di giustificarsi e la madre lo rimprovera aspramente per aver smesso di lottare. L'ultima rivelazione concerne la generositÓ di Ry˘suke, nell'episodio del bambino ferito, che attenua l'amarezza di Otsune e induce lo spettatore a chiedersi se forse non sia proprio tale generositÓ ad aver impedito l'affermazione sociale del giovane.
Una figura chiave dell'Ozu della maturitÓ, che Figlio unico anticipa in attesa di C'era un padre (1941), Ŕ quella del distacco tra figli e genitori. Qui Ŕ provocato dall'evoluzione in senso industriale e moderno della societÓ, che spinge i giovani ad abbandonare la campagna per cercar fortuna nella metropoli. Sono inoltre evidenti i segni dell'invasione della cultura tedesca nel Giappone nazionalista: dal manifesto turistico in casa di Ry˘suke su cui campeggia la scritta ź Germany ╗ al film sulla vita di Schubert che lo stesso Ry˘suke va a vedere con la madre: Leise flehen meine Lieder (Willy Forst, 1933).
Il climax drammatico del film si sviluppa lungo tre scene che si succedono senza soluzione di continuitÓ. La prima si svolge davanti all'inceneritore delle immondizie. La seconda Ŕ costruita sul montaggio a incastro di Ry˘suke a scuola e della madre a casa. La terza ha luogo quella stessa notte, durante la veglia in casa della madre e del figlio. Limitiamoci all'analisi delle caratteristiche principali. La scena dell'inceneritore si apre sui singolari paralleli formali fra le linee verticali delle ciminiere e le figure di Ry˘suke e Otsune. Nel desolato paesaggio, i due si siedono assumendo pose parallele e il figlio chiede alla madre se non Ŕ delusa di ci˛ che ha scoperto a Tokio. L'autocommiserazione di Ry˘suke assume toni drammatici: źMi sono rassegnato a una vita mediocre. Non avrei mai dovuto lasciare il mio paese╗. Ma ecco, nel momento di massima desolazione, interviene la natura con funzione consolatrice, tramite un canto d'allodole cui seguono due inserti in soggettiva del cielo verso il quale guardano prima il figlio e poi la madre. La seconda scena Ŕ giocata sull'atto del pensare: prima Ry˘suke a scuola, poi la madre a casa e, a chiudere, ancora Ry˘suke a scuola. L'atto del pensare diventa, con questa scena, uno dei motivi pi˙ cari a Ozu. Non conta tanto ci˛ su cui i personaggi riflettono, che Ŕ forse fin troppo palese, quanto l'atto in sÚ, che si trasforma in un invito alla riflessione rivolto agli spettatori. Le inquadrature della scuola sfruttano l'effetto sonoro prodotto dal rumore delle matite con cui gli studenti scrivono il compito, e un effetto di luce creato dal riflesso intermittente di un'insegna al neon che si accende e si spegne in strada accanto alla finestra dell'aula. Il doppio effetto si fonde mirabilmente, nelle inquadrature dedicate alla madre in casa, in un unico effetto sonoro, quel ticchettio dell'orologio che riprende il rumore delle matite sovrapponendovi la ritmicitÓ evocata prima dall'intermittenza della luce. La terza scena, infine, descrive il duro confronto tra madre e figlio. Ancora lunghe inquadrature sono dedicate alla madre immersa nei suoi pensieri. Il figlio le si avvicina e tenta di giustificare la mediocritÓ della sua esistenza. Ma la replica della donna non gli lascia via di scampo: źL'ostacolo maggiore Ŕ la tua vigliaccheria... Non sono rimasta delusa dalla tua povertÓ, ma dalla tua totale mancanza di coraggio╗. Ai piani ravvicinati dei due, si alternano semitotali con la cinepresa al di qua dei fusuma (porte scorrevoli) che mettono in campo la moglie di Ry˘suke, stesa sul futon (materassino). Sono inquadrature che preparano il momento in cui la donna si siederÓ per ascoltare le parole dei due, assumendo una posizione perfettamente parallela a quella del marito. La progressione drammatica e i sentimenti dei personaggi (espressi dal pianto della moglie, dal viso contratto di Ry˘suke, dal silenzio della madre) si purificano nella transizione finale che da una inquadratura del bambino addormentato passa a una della stanza vuota di Otsune. I pianti fuori campo a poco a poco cessano sostituiti dal ticchettio di un orologio. Molto lentamente - il piano dura pi¨ di 50 secondi - l'immagine si fa sempre pi˙ chiara, a indicare il sopraggiungere dell'alba e l'inizio di un nuovo giorno.(…)
Autore critica:Dario Tomasi
Fonte criticaOzu Yasujiro, Il Castoro Cinema
Data critica:

1-2/1991

Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 08/30/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link Ŕ esterno al web comunale