RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Grazie, signora Thatcher - Brassed Off

Regia:Mark Herman
Vietato:No
Video:Medusa Video
DVD:Q.Media
Genere:Commedia
Tipologia:Il lavoro
Eta' consigliata:Scuole elementari; Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Mark Herman
Sceneggiatura:Mark Herman
Fotografia:Andy Collins
Musiche:Trevor Jones
Montaggio:Michael Ellis
Scenografia:Don Taylor
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Ewan Mcgregor, Tara Fitzgerald, Jim Carter, Mary Healy, Melanie Hill
Produzione:Channel Four - Miramax - Prominent Features
Distribuzione:Bim
Origine:Gran Bretagna
Anno:1997
Durata:

105'

Trama:

In Inghilterra, nella regione dello Yorkshire nel 1989, l'ondata di chiusura delle miniere produce effetti devastanti tra le persone e le famiglie dei piccoli centri. La Grimley Colliery Band, dove suonano molti minatori, ha una tradizione ormai centenaria e diventa il baluardo della comunità. Il suo leader, Danny, minatore in pensione, ne ha fatto una ragione di vita, molti dei componenti, ormai disoccupati, non riescono a condividere questo entusiasmo e pensano di abbandonare. Un giorno torna in paese la giovane Gloria, nipote di Danny e primo amore di Andy, uno dei musicisti. Gloria si unisce alla banda e tra tutti torna l'entusiasmo. L'ammirazione nei suoi confronti viene però meno quando scoprono che in realtà lavora per il British Coal, l'organismo che deve decidere la chiusura definitiva delle miniere. Intanto la banda partecipa ad una gara nazionale, vince le fasi eliminatorie, torna trionfante dalle semifinali, ma i problemi si aggravano: Phil, il figlio di Danny, ha perso tutto, lavoro, famiglia, e anche il padre, malato in seguito al lavoro in miniera, viene ricoverato in ospedale per una grave malattia. Quando stanno per rinunciare alle finali nazionali a Londra, ricevono un aiuto inatteso, partono per la capitale e vincono il primo premio. Sono raggiunti da Danny, scappato dall'ospedale, che al momento della premiazione, fa un discorso in cui dice ad alta voce le loro terribili difficoltà di vita.

Critica 1:Nel 1989, in una cittadina mineraria dello Yorkshire centinaia di minatori rimangono senza lavoro per la chiusura della miniera di carbone. C'è una rinomata banda di ottoni di cui fanno parte minatori anziani e giovani, ma come si può fare musica sulla soglia della disoccupazione? Nonostante tutto, la banda di Grimley va in finale e all'Albert Hall di Londra vince il primo premio. Commedia proletaria di forti connotati sociali, scritta dal regista (cresciuto nello Yorkshire) (...) con l'energia convinta e contagiosa di chi sta facendo la cosa giusta.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:I disoccupati sono le star del nuovo cinema laburista inglese che ci guarda negli occhi: in Mad City Travolta senza lavoro fa il bandito, in Full monty dei poveracci si spogliano per campare. E in Grazie, signora Thatcher del quasi “deb” Mark Herman, un gruppo di minatori, alcuni dei 250.000 che, dall'85 in poi persero il lavoro dopo le “cure” liberiste della Lady di ferro, si dedicano alla banda del paese di Grimley. Il film, civile e appassionato, commovente e furbo, massimalista e minimalista, racconta appunto il pubblico (sindacale) e il privato (sentimentale con birra) di questo villaggio inventato ma verosimile dello Yorkshire, dove ogni convivenza è messa a dura prova dalla perdita del posto (140 miniere furono chiuse) e della dignità. Piovono pietre, per dirla alla Ken Loach. Un bel concerto basterà a sollevare gli animi? Forse sì, specie se col suo flicorno arriva Tara Fitzgerald, che ha un colpo (musicale) di fulmine con Ewan McGregor (uno dei ragazzi “deragliati” di Trainspotting): ma sarà una cotta di classe, perché lei fa il marketing per i padroni. Finale in crescendo emotivo: il buon papà lasciato dalla famiglia è costretto a fare il clown per i bambini agiati; il vecchio capobanda all'ospedale, vittima del silicone; il gran concerto alla Royal Albert Hall di Londra. E soprattutto la consapevolezza di sapere dove si annida il vero onore. Basato sulla solidarietà tra umiliati e offesi (come in Marius e Jeannette) e sul rilancio del fattore umano contro la logica industriale, Grazie, signora Thatcher è un film che ci entra subito in vena per la dichiarata e perfino ingenua partigianeria, per la simpatia dell'impressionismo narrativo e per la bontà delle sue cause sociali.(…) Pieno di colpi bassi del destino, il film dimostra ancora una volta che non è vero che le persone normali non hanno nulla di eccezionale da offrire. Il regista coniuga gioia e fatica, prosa e poesia, la rabbia e l'ouverture del Guglielmo Tell, la vita e la musica, secondo una ineluttabile ricetta emotiva valorizzata da una compagnia ottima, in cui risalta Pete Postlethwaite (In nome del padre). Anche se la situazione offre poche occasioni d'ilarità, la commedia operaia è molto piacevole, sa essere brillante, scherza su cose serie (un disoccupato vale l'altro, il tema è universale) e dimostra come il rude proletario possa essere anche un musico raffinato. Il tutto, senza dimenticare mai la prima legge dello spettacolo: stupire, divertire, commuovere. E una sicurezza: questa classe operaia andrà in paradiso, con tutta la banda.
Autore critica:Maurizio Porro
Fonte critica:Corriere della Sera
Data critica:

14/2/1998

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/12/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale