RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Catalogo film per le scuole; ; Catalogo film per le scuole; ; ;
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Balla coi lupi - Dances With Wolfes

Regia:Kevin Costner
Vietato:No
Video:T.C.Fox Home Entertainment - L'Unità Video
DVD:
Genere:Avventura
Tipologia:Minoranze etniche
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto dall'omonimo romanzo di Michael Blake
Sceneggiatura:Michael Blake
Fotografia:Dean Semler
Musiche:John Barry
Montaggio:William Hoy, Chip Masamitsu, Stephen Potter, Neil Travis
Scenografia:Wm Ladd Skinner
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Kevin Costner (John Dunbar), Rodney A. Grant (Vento Nei Capelli), Graham Greene (Uccello Scalciante), Floyd Red Crow Westerman (Dieci Orsi), Mary Mcdonnell (Alzata Con Pugno)
Produzione:Tig Production
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Usa
Anno:1990
Durata:

180'

Trama:

Nel 1863, durante la guerra di Secessione, il Tenente della cavalleria nordista John Dumbar, per aver compiuto un'azione eroica, riceve in premio il cavallo Sisko e l'autorizzazione ad andare a Fort Sedgewick, ultimo avamposto sulla frontiera indiana e lo raggiunge col carrettiere, che vi porta i rifornimenti. Ma i due trovano il fortino abbandonato, mentre gli scheletri dei difensori giacciono intorno. Mentre il carrettiere torna subito indietro (e sarà massacrato dai crudeli indiani Pawnee), Dumbar, entusiasmato dagli splendidi paesaggi incontaminati, riordina le capanne del forte, nasconde provviste ed armi e attende invano l'arrivo di truppe. Dopo qualche scontro coi Pawnee, che tentano di rubargli Sisko, e dopo aver fatto amicizia con un lupo solitario, John incontra i primi Sioux: Uccello Scalciante, capo religioso del villaggio vicino, Vento nei Capelli, coraggioso guerriero, e, in seguito, anche il vecchio Grande capo Dieci Orsi, i quali diventano presto suoi amici. Nella tribù c'è una donna bianca, Christine, soprannominata Alzata con Pugno, che è stata allevata dagli indiani e ora serve da interprete fra costoro e Dumbar. Quando un grosso branco di bisonti viene avvistato, John partecipa alla fortunata caccia, che garantisce cibo e indumenti per l'inverno ai Sioux, i quali, presto assaliti dai guerrieri Pawnee, li sconfiggono coi fucili, che John conservava al fortino. Vedendo giocare Dumbar intorno al fuoco con il lupo solitario, i suoi amici indiani lo soprannominano "Balla coi lupi". Nel frattempo John e Alzata con Pugno si amano, cosicchè Uccello Scalciante, dichiarato finito il lutto di lei per la morte del primo marito, li unisce in matrimonio, e i due vivono felici con la tribù. Purtroppo, però, John capisce che prima i soldati e poi i coloni invaderanno presto il territorio dei Sioux, perciò consiglia a Dieci Orsi di spostare l'accampamento nell'interno, ma, quando il capo si decide a farlo, e John corre al fortino per recuperare il suo diario, che potrebbe servire per localizzare gli indiani, viene catturato e malmenato da alcuni militari, che lo considerano un traditore, e, dopo avergli ucciso il cavallo e il lupo, lo avviano sotto scorta al forte vicino, per processarlo e farlo impiccare. Ma i Sioux lo liberano, uccidendo i soldati, e lo riportano al villaggio, da dove i due sposi partono tristemente, per non attirare l'odio dei bianchi sugli amici pellirosse.

Critica 1:Sono generalmente un po' sospettoso verso i film, o i romanzi, che diventano "bestseller", ma la mia diffidenza è stata spazzata via dalle qualità di un film che quasi miracolosamente sa coniugare le attrattive spettacolari di un cinema popolare d'azione con la semplicità rigorosa di una narrazione epica che lascia spazio ai sentimenti, ai conflitti psicologici, ai paesaggi, agli intermezzi umoristici.
Autore critica:Morando Morandini
Fonte criticaIl Giorno
Data critica:



Critica 2:“Amico, ti racconterò la storia della mia vita, come tu desideri; e se fosse soltanto la storia della mia vita credo che non la racconterei, perché che cosa è un uomo per dare importanza ai suoi inverni, anche quando sono già così numerosi da fargli piegare il capo come una pesante nevicata? Tanti altri uomini hanno vissuto e vivranno la stessa storia, per diventare erba sui colli. È la storia di tutta la vita che è santa e buona da raccontare, e di noi bipedi che la condividiamo con i quadrupedi e gli alati dell'aria e tutte le cose verdi; perché sono tutti figli di una stessa madre e il loro padre è un unico spirito”. È l'inizio di un libro famoso. Alce Nero parla (Bompiani), la vita di uno stregone Sioux trascritta da John Neihardt.
“State per vedere un film che parla anche del Popolo Lakota. Siamo qui per dirvi che questo popolo oggi è ancora vivo, è ancora una nazione, con una sua lingua, una sua cultura, una sua spiritualità e un suo governo, che, pur non essendo riconosciuto dagli Stati Uniti, non ha mai smesso di governare la Nazione da tempo immemorabile. Il popolo Lakota ha intrapreso negli ultimi anni un compito arduo: ricomporre il Cerchio Sacro, quel cerchio della natura e dell'unità della Nazione che si era spezzato il 29 dicembre 1890 con il massacro di Wounded Knee. Ricostruire il Cerchio Sacro, però, non significa soltanto ricostruire la nostra forza e identità, ma anche tentare di riunire insieme, come fratelli, in un'unica speranza, quanti più popoli possibile. E quindi non soltanto il popolo degli uomini, ma anche quello degli esseri che volano, degli esseri a quattro zampe, degli esseri che strisciano e degli esseri verdi. Ma soprattutto significa voler essere uniti dalla speranza di un futuro per il più grande e importante essere vivente, la Madre Terra. Colei che ci ha dato la vita e che ogni giorno provvede a noi. Noi Lakota sentiamo che per fare questo, per ricomporre il Cerchio Sacro della Natura, dove tutti gli esseri viventi stanno come fratelli e come uguali, con gli stessi diritti e la stessa importanza, dal più grande dei mammiferi al più fragile stelo d'erba, sia necessario non solo agire sulla realtà esterna, ma anche avviare un processo di cura dentro di noi, una cura a livello spirituale e psicologico che porti nel cuore dell'uomo una ventata risanatrice, per far sbocciare di nuovo quei sentimenti naturali che sono stati soffocati, paralizzati dalla mancanza di contatto con la natura e con tutto ciò che si muove. Una mancanza provocata da sistemi di vita che, come quello statunitense, sono basati sul consumismo sfrenato e su di un falso progresso che fa della tecnologia e della scienza la miglior arma di offesa contro la natura”. Queste sono invece parole di Birgil Kills Straight, leader dell'Oceti Sawokin, il governo della nazione Lakota. Il suo messaggio è stato letto a Roma prima dell'anteprima di Balla coi lupi.
Vi proponiamo questi due brani non solo per quanto si assomigliano, ma anche perché il loro senso panico, superindividuale, ci sembra si adatti assai bene al film di Kevin Costner. Certo, quando si tratta di pellerossa, del loro sterminio e della loro coraggiosa sopravvivenza, si è sempre in bilico fra l'ammirazione per la poesia che traspare dalle loro parole, anche le più semplici e il dubbio che la loro sia una sopraffina forma di astuzia retorica. E affiora sempre la sensazione che la nostra cattiva coscienza ci porti a sopravvalutare la loro grandezza. Diciamo che è il nostro, piccolo fardello dell'uomo bianco, e accettiamolo. Come suol dirsi, c'è andata bene: meglio i dubbi oggi, o i massacri ieri?
Il nostro, personale fardello sarà del tutto secondario, ma quello di Kevin Costner, l'uomo bianco che ha avuto il coraggio di pensare e di fare Balla coi lupi, non lo è. E parlarne serve a capire i numerosi paradossi del film, che Costner giura di aver fatto prima di tutto per lavare in pubblico la coscienza dell'America bianca, per risarcire i pellerossa del genocidio perpetrato nei loro confronti. A tale “risarcimento” non basteranno mille film, e Costner lo sa benissimo: questo, se vogliamo, è il primo paradosso. Il secondo, è che non si può parlare della presenza indiana del film prescindendo da Costner e da Robert Blake, autore della sceneggiatura e del romanzo a cui essa si ispira. Due bianchi, naturalmente: e tutti i sospetti di paternalismo e di “espiazione” del colonialismo sono leciti, anche se poi dovrebbe essere (ed è, a nostro parere) il film, a spazzarli via. D'altronde, non bisogna mai dimenticare che una scuola di pensiero “paternalistica” e bonaria nei confronti degli indiani è sempre esistita anche in America.
Ricordate L'amante indiana di Delmer Daves? Il film è molto fasullo ma la storia cui si ispira è vera: Thomas Jeffords (interpretato da James Stewart) è un personaggio storico che dal 1870 in poi fu davvero amico di Cochise. Trattò con gli Apaches per difendere i propri interessi (era proprietario di una linea locale di diligenze che in pochi anni aveva perso ventidue postiglioni sotto gli assalti dei Chiricahua) ma lo fece onestamente e fu lui l'intermediario per l'incontro (avvenuto nel 1878) fra Cochise e il generale Oliver Howard, uno dei pochi militari favorevole a una politica pacifista nei confronti degli Apaches. Questo per dire che il “fardello” suddetto era già pesante ai tempi del vecchio West, e che di bianchi ragionevoli ne sono sempre esistiti, anche se in numero assai esiguo, Balla coi lupi non è un film ideologicamente nuovo.
Al limite, è addirittura un film - sempre ideologicamente - meno radicale di Soldato blu o di Un uomo chiamato cavallo. La sua novità sta altrove. Tentiamo di scoprirla.
Partiamo, a questo scopo, dal romanzo. Pubblicato in Italia da Sperling e Kupfer, è assolutamente identico al film (a non sapere che è scritto prima, lo si prenderebbe per una novelization), tranne in alcuni dettagli di trama e in un fatto estremamente importante: gli indiani, nel libro, sono Comanche. Perché nel film diventano Sioux? O, meglio, Lakota, visto che “sioux” (a proposito di fardello ... ) è il nome con cui li chiamavano i bianchi? Perché i Comanche sono estinti, e con essi la loro lingua, mentre i Lakota sono ancora abbastanza numerosi e il loro idioma si è conservato, anche se numerosi interpreti indiani del film, ormai del tutto anglofoni, hanno dovuto impararlo ex novo. In altre parole, nel libro i dialoghi in lakota sono del tutto assenti, e il cambiamento di tribù è dovuto al fatto che Costner ha voluto, fortissimamente voluto che gli indiani parlassero nel film come i veri indiani dell'800.
Scelta coraggiosa ma geniale, perché la vera differenza fra Balla coi lupi e altri western filo-indiani sta tutta nel fattore linguistico e nelle conseguenze narrative che esso comporta. Negli anni '50 quasi sempre gli indiani erano interpretati da attori bianchi, ma era già capitato altre volte, più di recente, che veri pellerossa fossero scelti per ruoli di peso: ricordiamo il caso di Chief Dan George in Piccolo grande uomo nella parte del nonno di Dustin Hoffinan. Però Chief Dan George recitava in inglese (in italiano, nel nostro doppiaggio), mentre Graham Greene, Rodney Grant e tutti gli altri bravissimi attori di Balla coi lupi parlano in lakota, e lo stesso Costner compie un notevole, e lodevolissimo, lavoro nel mettersi in grado (come personaggio e come attore) di dialogare con loro.
La differenza non è meramente linguistica perché è fondamentale il modo in cui questa scelta influenza tutto il film. Tutto sommato non è il primo film in cui un bianco finisce tra gli indiani: ricorderete Un uomo chiamato cavallo, ed è proprio quello il paragone che ci interessa. Nel film di Elliott Silverstein l'approccio al mondo pellerossa era rigoroso, ma in senso strettamente etnografico: i costumi dei Lakota erano ricostruiti forse in modo più preciso che in Balla coi lupi, soprattutto non era per nulla rimosso il lato violento e vagamente barbarico della loro cultura e dei loro usi, però (forse per scrupoli di comprensione che Costner non ha voluto porsi) i dialoghi in lakota erano ridotti all'osso e questo comportava una sorta di azzeramento psicologico dei personaggi. Alla fin fine, lo scrupolo scientifico svuotava il film e faceva di Richard Harris l'unico personaggio con un minimo di spessore.
Balla coli lupi, sarà bene chiarirlo subito, è invece un film scientificamente, etnologicamente improbabile. Gli indiani sono innegabilmente idealizzati e la loro “società ideale”, che nella mente di John J. Dunbar-Balla coi lupi suscita solo la parola “armonia”, è chiaramente la realizzazione cinematografica di un'utopia. Ma anche questo dipende, ennesimo paradosso, dalla scelta di cui sopra. Facendoli parlare, e a lungo, in scene complesse e articolate, nella loro lingua, Costner ha fatto dei Lakota dei personaggi. Come tali, li ha assunti a pieno titolo nella struttura narrativa del film: li ha resi fantastici come ogni personaggio di un film ha il diritto, e il dovere, di essere. Lì non si parla di un gruppo di Lakota stagliati sull'orizzonte, pure funzioni narrative all'interno di una storia di bianchi: lì si parla di Uccello Scalciante, di Dieci Orsi, di Vento nei Capelli, di Alzata con Pugno, vere e proprie “persone drammatiche” in una storia che narra di loro, non elementi di un'equazione etnografica che vorrebbe “ricostruire” un campo indiano con qualche attendibilità scientifica.
In breve: Balla coi lupi non è un documentario; gli indiani sono personaggi di Balla coi lupi, quindi, fine del sillogismo, gli indiani non sono veri, sono figure di fantasia. Il loro vero salto di qualità è questo, e il bello è che Costner li racconta e li inquadra in un modo che rivela la sua perfetta coscienza di questa operazione. L'ingresso in scena dei personaggi ha sempre una connotazione mitica molto forte.
Uccello Scalciante si vede per la prima volta in un'inquadratura stupenda, un dolly dolcissimo che sale dall'erba della prateria a inquadrare la sua mano che sfiora la sommità degli steli. Alzata con Pugno compare all'ombra di un albero, l'unico in tutta la prateria, che fa da sorta di confine tra il mondo dei bianchi e quello, magico, della tribù. Ed è straordinario l'impatto della primissima sequenza in cui i Lakota appaiono come gruppo, una serie di primi piani scuri e caldissimi nella tenda del consiglio (i primi discordi di Uccello Scalciante e Vento nei Capelli), che seguono uno dei consueti, abbaglianti esterni della prateria. Costner non si fa scrupoli di enfatizzare la presenza indiana perché essa è perfettamente funzionale alla struttura mitica, utopica del film. D'altronde Balla coi lupi è leggibile come utopia a molti livelli: quella non realizzata del ritorno a un passato ideale, in cui nel mondo c'era ancora spazio per l'uomo e i conflitti erano ancora aperti e risolvibili; e quella realizzata di un film che riproponesse il sogno di un cinema classico, arioso, che ricreasse gli spazi e le emozioni di un genere dato per morto e sepolto. Balla coi lupi non può restituirci un Eden Lakota che forse non è mai esistito come tale (e Costner lo sapeva benissimo), ma ci restituisce il western che abbiamo sognato per anni. Solo per questo lo ringraziamo.
Autore critica:Alberto Crespi
Fonte critica:Cineforum n. 303
Data critica:

4/1991

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Balla coi lupi
Autore libro:Blake Michael

Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di:; Progetto editoriale a cura di: Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet; Redazione Internet Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di:; Contenuti a cura di: Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema; Ufficio Cinema
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 07/07/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale