RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Prima della rivoluzione - Prima della rivoluzione

Regia:Bernardo Bertolucci
Vietato:18
Video:Video Medusa
DVD:Hobby & Work
Genere:Drammatico
Tipologia:Disagio giovanile, I giovani e la politica, Storia del cinema
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Gianni Amico, Bernardo Bertolucci
Sceneggiatura:Gianni Amico, Bernardo Bertolucci
Fotografia:Aldo Scavarda
Musiche:Ennio Morricone, Gino Paoli
Montaggio:Roberto Perpignani
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Domenico Alpi Padre di Fabrizio, Evelina Alpi Bambina, Gianni Amico Amico, Adriana Asti Gina, Cecrope Barilli Puck, , Francesco Barilli Fabrizio, Aurelio Bordi, Emilia Borghi Madre di Fabrizio, Salvatore Enrico, Guido Fanti, Iole Lunardi Nonna di Fabrizio, Giuseppe Maghenzani Fratello di Fabrizio,
Allen Midgette Agostino, Morando Morandini Jr. Cesare, Goliardo Padova, Cristina Pariset Clelia, Ida Pellegri
Produzione:Iride Cin.Ca
Distribuzione:Cineteca Nazionale - Cineteca Lucana
Origine:Italia
Anno:1964
Durata:

110'

Trama:

Fabrizio, giovane della borghesia di Parma, è deciso a rompere i rapporti con la sua classe sociale. Egli è marxista e nella sua nuova concezione della vita non c'è posto neppure per la sordità borghese di Clelia, la sua fidanzata. Il suicidio dell'amico Agostino, vittima del suo disorientamento ideologico, provoca in Fabrizio un dramma interiore che soltanto Gina, sua giovanissima zia, intuisce e comprende. I due giovani, pur profondamente diversi per temperamento e concezione della vita, si amano ma la loro relazione è destinata a spegnersi ben presto. Rimasto solo, Fabrizio cerca inutilmente di risolvere il suo conflitto interiore con la compagnia di Cesare, un maestro elementare che è stato fino a quel momento la sua guida ideologica. Consideratosi definitivamente sconfitto, Fabrizio torna rassegnato nel mondo borghese sposando Clelia.

Critica 1:Storia di un amore impossibile: il ventenne Fabrizio, figlio di un'agiata famiglia di Parma, ama, riamato, Gina, giovane e nevrotica sorella di sua madre, ma non ha il coraggio (la maturità) di andare fino in fondo e si adatta a un matrimonio borghese di convenienza, rinunciando anche all'impegno politico di iscritto al PCI: "Per gente come me è sempre prima della rivoluzione". Esiste nel film la materia di un romanzo che coniuga passione con ideologia, materia che il 23enne Bertolucci, dopo l'esordio in La comare secca (1962), dispone in blocchi lirici puntando a esprimere la vibrazione poetica degli avvenimenti più che a rappresentare gli avvenimenti stessi. E un film profondamente musicale sia in senso figurato come musica interna alle immagini sia in senso concreto come uso della musica (Ennio Morricone), dalle canzoni di Gino Paoli al Macbeth di Verdi nel sottofinale. Si aggiungano gli atout della vibrante interpretazione di A. Asti e del bianconero di Aldo Scavarda che esalta i paesaggi di Parma e dei dintorni. Uno dei due o tre migliori esempi del giovane cinema italiano negli anni '60.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:La parola come mezzo di comunicazione e di espressione sembra essere in decadenza o per lo meno in una fase di transizione che potrebbe anche preludere ad una riduzione definitiva del suo predominio; e l'immagine (televisione, cinema, fumetti, pubblicità ecc. ecc.) è in auge. Così abbiamo un numero crescente di scrittori o possibili scrittori che abbandonano la infida letteratura per il cinema; nonché scuole letterarie, come per esempio l'Ecole du regard francese, che si studiano di applicare nella letteratura i procedimenti cinematografici. Naturale quindi che Robbe-Grillet giri un film e che qui da noi Pasolini, nonostante il successo dei suoi romanzi, lasci la pagina per lo schermo.
Ma il caso di Bernardo Bertolucci è forse il più probante. Non si tratta infatti di una scoperta tardiva come nel caso di Pasolini bensì di un esordio ossia di una preferenza del tutto spontanea e nativa. Bertolucci che è poeta e sa che cosa può la parola, esordisce tuttavia come regista, mentre vent'anni fa avrebbe esordito come romanziere. Perché questo? Evidentemente perché egli ha sentito che la parola ancora valida e insostituibile nella poesia, non lo è altrettanto nella narrativa.
Finora il cinema aveva rubato al romanzo i territori ormai sfruttati del romanzo d'azione, di avventure, di intrigo; ma non pareva che potesse rivaleggiare con la narrativa nel campo dell'introspezione psicologica. Ora i film di alcuni giovani registi e, da ultimo, questo Dopo la rivoluzione (sic) di Bernardo Bertolucci ci fanno capire che anche per simili difficili e sottili argomenti, il romanzo domani potrebbe essere soppiantato dal cinema.
Bertolucci ha fatto chiaramente un film che è il romanzo che egli avrebbe scritto se avesse esordito vent'anni fa. Ci sono in Dopo la rivoluzione tutti i caratteri di un romanzo di educazione sentimentale: l'autobiografismo, il tentativo di in-serimento di un caso personale nella Storia, il trasferimento dissociato ed estroverso dei propri sentimenti in altrettanti personaggi, l'identificazione dell'autore con l'eroe, l'idea di una durata che, al contrario di quanto avviene di solito nel cinema, non sia limitata al presente.
Dopo la rivoluzione, come dice il titolo vuol descrivere il riflusso e la stagnazione che seguono i grandi sommovimenti delle rivoluzioni. Bertolucci è parmigiano, Stendhal è, o almeno pare, sempre attuale a Parma: non è stato, dunque, difficile al nostro regista operare una contaminazione tra la rivoluzione dell'89 (libertaria, demoniaca e individualista) e la rivoluzione comunista (restauratrice dello Stato, collettivista e portata a risolvere i problemi della giustizia piutto-sto che quelli della libertà); e tra i personaggi della Chartreuse de Parme e i propri. Così abbiamo Fabrizio, ossia Fabrizio del Dongo, giovane borghese con sentimenti e idee di sinistra, il quale sente sbollire e raffreddarsi nel proprio animo l'ardore rivoluzionario; e la bella e giovane ma nevrotica zia Gina, ossia Gina Sanseverino, di cui egli diventa per poco tempo l'amante, la quale, con la sua nevrastenia, si incarica di dare il colpo di grazia alla già vacillante fede politica del nipote. Ad un certo punto, Gina se ne va, torna a Milano dai suoi dottori psicanalisti, e Fabrizio, del tutto rassegnato e deluso ormai, sposa una bella e insipida fan-ciulla di nobile famiglia, rientrando così definitivamente in quella stessa società che nella sua adolescenza egli aveva so-gnato di distruggere.
Bernardo Bertolucci ha fatto un film coraggioso. Non diciamo coraggioso dal punto di vista ideologico o di contenuto; bensì dal punto di vista artistico. Avrebbe potuto come tan-ti servirsi del cinema come di un mezzo di evasione; se ne è servito invece come di un mezzo di conoscenza e di espres-sione strettamente personale. Il cinema mira più spesso a darci una descrizione del mondo che una descrizione di chi lo fa. Bertolucci, attraverso Dopo la rivoluzione, ha voluto darci una descrizione di se stesso. Donde le molte qualità del film, già presenti nel film a episodi precedente, qualità propria-mente poetiche ossia di resa insieme precisa ed estrosa di par-ticolari non indispensabili alla economia del racconto oppure anche di approccio non soltanto psicologico ai personag-gi; e al tempo stesso alcuni difetti tra i quali, principale, quello di ripetere il già detto come chi non è mai abbastanza sicuro di essersi espresso con sufficiente chiarezza ed efficacia. Anche un certo abuso della parola che, secondo noi, al cinema andrebbe limitata allo stretto necessario, deriva da questo timore di non essere riuscito a spiegarsi completamente. Ma ogni volta che il regista, come nelle sequenze finali del-l'opera e del matrimonio, riesce a dominare il dissidio tra la sua ispirazione e il mezzo espressivo di cui si serve, allora il suo tormentato ondeggiare tra cinema e letteratura si risolve e si fonde felicemente in immagini.
Tra gli interpreti, una menzione particolare merita soprattutto Adriana Asti che è Gina, la nevrotica zia milanese. Essa ha saputo darci un personaggio originale e senza convenzionalità tipiche, tutto giocato sulle mutevoli espressioni di una fisionomia oltremodo sensibile. Accanto a lei, va ricordato Francesco Barilli che è un efficace anche se un po’ troppo debole Fabrizio.

Per prima cosa dobbiamo correggere una svista in cui siamo incorsi nell'ultimo numero dell' “Espresso” occupandoci del film di Bernardo Bertolucci. Il titolo del film: Prima della rivoluzione e non Dopo la rivoluzione, come abbiamo erroneamente scritto. Siccome le sviste hanno sempre un motivo, magari inconscio, vogliamo spiegare perché ci siamo sbagliati. Il titolo di Bertolucci allude alla nota frase di Tayllerand: “Chi non ha conosciuto la vita prima della rivoluzione, non può sapere che cosa sia la dolcezza di vivere”. Ma a questo titolo, fa contrasto la falsariga della Chartreuse de Parme sulla quale il regista ha ricalcato la sua vicenda. Infatti: nel romanzo stendhaliano, come nel film, ci è descritto invece lo stato d'animo di “dopo” la rivoluzione, stato d'animo depresso e lontano da qualsiasi gioia di vivere. La contraddizione ironicamente intenzionale tra il titolo e contenuto del film ci ha indotti nell'errore.
Autore critica:Alberto Moravia (sta in Moravia al/nel cinema, Ass. Fondo A. Moravia, 1993)
Fonte critica:L'Espresso
Data critica:

18 e 25/10/1964

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/03/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale