RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Precious -

Regia:Lee Daniels
Vietato:No
Video:
DVD:Cecchi Gori Home Video
Genere:Drammatico
Tipologia:Diritti umani - Esclusione sociale, Disagio giovanile, Diventare grandi, Giovani in famiglia, Il mondo della scuola - Giovani, La condizione femminile, Minoranze etniche
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Tratto da romanzo "Push" di Sapphire
Sceneggiatura:Geoffrey Fletcher
Fotografia:Andrew Dunn
Musiche:Mario Grigorov
Montaggio:Joe Klotz
Scenografia:Roshelle Berliner
Costumi:Marina Draghici
Effetti:
Interpreti:Gabourey 'Gabby' Sidibe (Clareece 'Precious' Jones), Mo'Nique (Mary), Paula Patton (Sig.na Rain), Mariah Carey (Sig.ra Weiss), Lenny Kravitz (John), Sherri Shepherd (Cornrows), Nealla Gordon (Sig.ra Lichtenstein), Stephanie Andujar (Rita), Amina Robinson (Jermaine Hicks), Chyna Layne (Rhonda), Xosha Roquemore (Jo Ann), Angelic Zambrana (Consuelo), Nia Fraser (Ruby)
Produzione: Lee Daniels Entertainment-Smokewood Entertainment Group
Distribuzione:Fandango
Origine:Usa
Anno:2009
Durata:

109'

Trama:

Precious Jones Ŕ una studentessa con una vita tutt'altro che semplice. Incinta per la seconda volta, non sa leggere nÚ scrivere e i suoi compagni di scuola la prendono in giro per il suo peso. In casa le cose non vanno meglio: la terribile madre la tiene in pugno emotivamente e fisicamente. L'istinto di Precious le dice che l'unico modo per cambiare questa situazione sarÓ quella di far ricorso a tutte le sue risorse e uscire dal mondo d'ignoranza che la circonda.

Critica 1:Di grande potenza, di stazza estetica e etica insostenibile, il nordamericano Precious di Lee Daniels, eroina tragica una gigantesca Mo'nique, diciassettenne nera-assoluta di dimensioni chimiche-adipose aliene (merito anche della dieta McD, l'unica accessibile ai poveri), sballottata dalla scuola pubblica alla scuola sperimentale ovvero differenziata, quando si scopre che Ŕ di nuovo incinta... Il film Ŕ tratto da un racconto agghiacciante di Sapphire sulle violenze sessuali domestiche subite dalle ragazzine, anche neonate, nelle comunitÓ pi¨ a rischio. Ma il merito del lavoro Ŕ colpire tutti i punti nevralgici di una civiltÓ putrescente e, come succede ascoltando le canzoni di Mirabella Dauer, si comprende come quella produzione di mostri a mezzo mostri non abbia a che fare solo con la comunitÓ povera african american, o ispanica, ma con il meccanismo di potere perverso di ogni macchinario famiglia.
Autore critica:Roberto Silvestri
Fonte criticaIl Manifesto
Data critica:

16/5/2009

Critica 2:La notte degli Oscar, domenica 7 marzo, c’Ŕ un solo film che mi terrÓ incollato alla televisione per tre ore di ringraziamenti, discorsetti precotti e abiti da sera. Si intitola Precious ed Ŕ nominato in sei categorie, compreso miglior film, miglior regista e migliore attrice protagonista.
Precious Ŕ il nome di una teenager nera che vive a Harlem. ╚ un personaggio inventato, ma non troppo. E╚ un collage di giovani nere che la scrittrice afro-americana Sapphire (video) ha incontrato in vari momenti della sua vita e che nel 1996 divennero un personaggio solo, Precious appunto, protagonista del suo romanzo “Push”. Dodici anni dopo il romanzo-veritÓ Ŕ diventato un film e due anni dopo essere stato presentato per la prima volta al Sundance Film Festival Ŕ ora in lizza per gli Oscar.
Non esiste una sola Precious. Ne esistono migliaia.
Da quando ho visto questo film nel novembre dello scorso anno tutte le volte che sono in metropolitana mi guardo intorno e mi domando quante di queste giovani afro-americane che vedo intorno a me vivono nelle condizioni deplorevoli di Precious.
Mi guardo intorno in metr˛ (la linea che prendo pi¨ di frequente viene direttamente da Harlem e dal Bronx) e vedo spesso ragazzine afro-americane che, come Precious, hanno il corpo devastato dai veleni dell’economico fast food. Ragazzine che parlano fra loro con un pesantissimo accento del ghetto che perpetua uno stato di emarginazione. Ragazzine manesche fra loro i cui modi aggressivi fanno pensare che a casa e nella zona dove vivono siano esposte costantemente ad abusi fisici o verbali. Magari non abusi vissuti in prima persona ma vissuti di riflesso e ugualmente devastanti.
Non Ŕ una questione razziale, Ŕ una questione economica e culturale. I ghetti in America esistono ancora e benchŔ Harlem sia stata in buona parte ripulita ci sono ancora molte sacche di povertÓ urbana a New York. L’elemento costante Ŕ che i meno integrati continuano a essere i neri, meno ancora degli ispanici.
Non Ŕ compito mio decidere se Precious meriti un Oscar. Ma la mia speranza Ŕ che una o due o sei statuette diano a Precious la visibilitÓ che si merita, perchŔ “inghiottire” un film difficile come questo Ŕ un passo importante per capire quanta strada dobbiamo ancora fare.
Obama Ŕ alla Casa Bianca ma mille, diecimila Precious sono ancora nel ghetto.
Autore critica:Andrea Visconti
Fonte critica:L’Espresso
Data critica:

2009

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:Push
Autore libro:Sapphire

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 07/26/2011
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link Ŕ esterno al web comunale