RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Scoprendo Forrester - Finding Forrester

Regia:Gus Van Sant
Vietato:No
Video:Columbia
DVD:Columbia Tristar home video
Genere:Drammatico
Tipologia:Diventare grandi
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Mike Rich
Sceneggiatura:Mike Rich
Fotografia:Harris Savides
Musiche:Bill Frisell
Montaggio:Vladis Oskarsdottir
Scenografia:Jane Musky
Costumi:Ann Roth
Effetti:
Interpreti:Sean Connery (William Forrester), Robert Brown (Jamal Wallace), F. Murray Abraham (prof. Robert Crawford), Anna Paquin (Claire Spence), Busta Rhymes (Terrell), April Grace (Ms. Joyce), Michael Pitt (Coleridge), Michael Nouri (dott. Spence), Richard Easton (Matthews), Glenn Fitzgerald (Massie)
Produzione:Sean Connery, Laurence Mark, Rhonda Tollefson per Columbia Pictures Corporation - Fountainbridge Films - Laurence Mark Productions
Distribuzione:Columbia TriStar
Origine:Usa - Gran Bretagna
Anno:2000
Durata:

133’

Trama:

Lo scrittore William Forrester, vincitore del prestigioso Premio Pulitzer, vive sotto falso nome, nell’anonimato, nascondendosi alla gente. Jamal Wallace, un ragazzo di colore, è stato ammesso al liceo più esclusivo di New York, grazie al basket. Ma il vero sogno Jamal è scrivere. Timoroso di non esserne capace, il ragazzo non osa fare partecipe nessuno della propria passione. Un po' per curiosità, un po' per sfida, Jamal si intrufola in casa di Forrester. Tra i due nasce una profonda amicizia che, nonostante difficoltà ed incomprensioni, conduce il ragazzo a credere in se stesso e nelle proprie capacità.

Critica 1:Se hai diretto (con successo) un film su un giovane genio ribelle, è probabile che ti offrano altri film su giovani geni ribelli. E' la dura legge di Hollywood. Gus Van Sant è autore di ottimi film indipendenti e/o maledetti (Belli e dannati, Da morire) ma ha sfondato con Will Hunting, e questo spiega perché Sean Connery, produttore e interprete, l'abbia scelto per Scoprendo Forrester. Ma anche simili "pacchetti" hollywoodiani possono produrre risultati: il film non è male, grazie al sempre affascinante Connery e all'esordiente Rob Brown, davvero sorprendente. Il Forrester del titolo è Connery: uno scrittore anziano, che ha scritto un unico, grande romanzo a 23 anni e si è poi ritirato dal mondo, rifugiandosi in un anonimo appartamento del Bronx. Brown è invece Jamal, ragazzo afroamericano povero, piccolo genio del basket ma, soprattutto, romanziere in erba che nel misterioso Forrester trova un maestro di letteratura e un secondo padre. Sullo sfondo, l'istituzione: il college di Manhattan dove Jamal studia, il professore carogna che lo perseguita, la ragazza ricchissima che gli fa intravedere mondi sconosciuti. Un romanzo di formazione in cui il vero protagonista è il "formatore", il maestro. Nobile, lievemente accademico.
Autore critica:Alberto Crespi
Fonte criticaFilm TV
Data critica:

28/3/2001

Critica 2:Da Jerome David Salinger a Thomas Pynchon, il vecchio scrittore solitario, separato dalla vita, misantropo, nevrotico, chiuso nella memoria e nel rimpianto, sprezzante del mondo, non è certo un personaggio raro nella storia della letteratura americana: ad esso vuol somigliare il protagonista di Scoprendo Forrester di Gus Van Sant, uno scrittore che dopo aver avuto gran successo e un premio Pulitzer con un romanzo, s’è rinserrato in se stesso e nel suo appartamento newyorkese all’attico. La casa è simbolica: all’esterno, un edificio tagliente, simile alla prua d’una nave, di pietra annerita, d’antica eleganza, che ha visto il quartiere mutarsi in luogo popolare abitato soprattutto da neri; all’interno, un appartamento oscuro nel quale si sono stratificati i libri, le carte, i giornali, gli oggetti, i ricordi di una vita. In queste stanze evolve il rapporto tra il vecchio scrittore e un aspirante scrittore di sedici anni, nero, popolano, bravo giocatore di pallacanestro accolto per meriti sportivi in un’ottima scuola privata, bersaglio per pregiudizio sociale dell’ostilità di un professore. Il legame tra i due uomini di età, classe sociale, cultura, etnie diverse, uniti soltanto dall’amore per l’arte di scrivere, si approfondisce: diventa anche un’amicizia reciprocamente protettiva e pedagogica, un affetto maestro-allievo, padre-figlio, con sfumature gay di dedizione, di dolcezza: e qualche incidente non li separa. Gus Van Sant (Drugstore Cowboy, Belli e dannati, Cowgirls, Da morire) a quasi cinquant’anni arriva a una narrazione interiore, pacata, sin troppo riflessiva; il ragazzo debuttante Rob Brown è bravo; Sean Connery, anche produttore del film, fa poco ma lo fa a perfezione. (…)
Autore critica:Lietta Tornabuoni
Fonte critica:La Stampa
Data critica:

23/3/2001

Critica 3:Vale la pena, al cinema, diventare bravi? In tanti anni di carriera Sean Conney non è mai stato bravo, misurato e convincente come in Scoprendo Forrester: eppure non gli hanno dato la nomination all'Oscar e neppure il premio come migliore attore alla Berlinale, dove il film di Gus Van Sant era in concorso. Anche il regista è più bravo, nonché assai più sobrio, del solito. C'è netta l'impronta dell'autore nelle sue immagini; anche se, per riconoscerla, bisogna grattare un po' lo strato di convenzioni narrative che sposano generi diversi: dal dramma di college a quello sportivo, dal «cancer movie» alla storia di strana coppia. In apparenza, nessuna coppia potrebbe essere più strana di quella formata dal settantenne William Forrester (Connery, of course), scrittore-mito di una generazione confinatosi in un esilio volontario che evoca immediatamente JD Salinger, e dal sedicenne Jamal Wallace (Rob Brown, un debuttante da tenere d'occhio), ragazzo nero del Bronx dotatissimo per il basket di strada. Solo in apparenza, però; perché Jamal possiede anche, e in abbondanza, il cromosoma della letteratura. Autore di «Avalon Landing», romanzo divenuto un classico da leggere nelle scuole, Forrester ha scelto di sparire senza lasciare tracce. Quando il ragazzo entra per scommessa nel suo appartamento poi ne fugge, dimenticando lo zainetto pieno delle cose che scrive, l'anziano eremita se ne rende conto a prima vista. Ne nasce una strana amicizia, che affina gli strumenti del debuttante permettendogli di ottenere una borsa di studio in un'esclusiva scuola privata. Il resto della storia prevede una finale di basket, equivoci con l'egocentrico professore di letteratura Crawford (F. Murray Abraham) e una testimonianza pubblica dell'amicizia, durante la quale Forrester elegge Jamal a proprio successore. Se il soggetto è una via di mezzo tra L'attimo fuggente di Peter Weir e Will Hunting Genio ribelle dello stesso Van Sant (ma il rapporto tra i due personaggi ricorda anche «Profumo di donna», senza che tutti questi riferimenti sappiano di già visto), quel che si apprezza è la scelta di raffreddare il melodramma, correggendolo con tocchi di osservazione realistici e con un'abbondante dose d'ironia. Basti dire che il sedicenne del Bronx è più acuto e più pronto alla battuta di spirito del sofisticato scrittore di origine scozzese.
Autore critica:Roberto Nepoti
Fonte critica:la Repubblica
Data critica:

25/3/2001

Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/05/2005
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale