RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Help (The) -

Regia:Tate Taylor
Vietato:No
Video:
DVD:Walt Disney Home Entertainment
Genere:Drammatico
Tipologia:Diritti umani - Esclusione sociale, La condizione femminile, Razzismo e antirazzismo
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Dal romanzo di Kathryn Stockett
Sceneggiatura:Tate Taylor
Fotografia:Stephen Goldblatt
Musiche:Thomas Newman-la canzone "The Living Proof" è di Thomas Newman (musica), Mary J. Blige (testo e musica), Harvey Mason, Jr. (testo e musica) e Damon Thomas (testo)
Montaggio:Hughes Winborne
Scenografia:Mark Ricker
Costumi:Sharen Davis
Effetti:Ray McIntyre Jr., Pixel Magic
Interpreti:
Produzione:Brunson Green, Chris Columbus, Michael Barnathan per 1492 Pictures/Harbinger Pictures-Dreamworks Pictures-Reliance Entertainment in associazione con Participant Media- Imagenation Abu Dhabi
Distribuzione:Emma Stone (Eugenia 'Skeeter' Phelan), Viola Davis (Aibileen Clark), Bryce Dallas Howard (Hilly Holbrook), Octavia Spencer (Minny Jackson), Jessica Chastain (Celia Foote), Ahna O'Reilly (Elizabeth Leefolt), Allison Janney (Charlotte Phelan), Anna Camp (Jolene French), Chris Lowell (Stuart Whitworth), Cicely Tyson (Constantine Jefferson), Mike Vogel (Johnny Foote), Sissy Spacek (Missus Walters), Brian Kerwin (Robert Phelan), Wes Chatham (Carlton Phelan), Aunjanue Ellis (Yule Mae Davis), Ted Welch (William Holbrook), Shane McRae (Raleigh Leefolt), Mary Steenburgen (Elain Stein)
Origine:Usa-India- Emirati Arabi
Anno:2011
Durata:

137'

Trama:

Mississippi, anni 60. Eugenia 'Skeeter' Phelan è una ragazza della buona società di Jackson che torna a casa dopo aver finito l'università a New York, dove ha studiato per diventare scrittrice e giornalista. L'incontro con le sue amiche di un tempo, rende Skeeter consapevole di quanto forte sia ancora il sentimento di razzismo nei confronti delle donne di colore che da sempre si sono prese cura delle famiglie della zona e, indignata, decide di raccontare le loro storie. Per realizzare il suo progetto Skeeter, superata l'iniziale diffidenza, troverà la complicità di due domestiche, Aibileen e Minnie, che insieme a lei metteranno nero su bianco le discriminazioni razziali subite e aneddoti vari. La loro iniziativa, cui partecipano via via altre testimoni, si trasforma in un libro che, una volta pubblicato, non tarderà a suscitare scandalo e imbarazzo nella cerchia borghese di amici e concittadini, ma al contempo aiuterà la comunità afroamericana locale a trovare quella forza necessaria per pretendere il rispetto e i diritti fino a quel momento negati.

Critica 1:Lo avevano rifiutato decine di volte, e invece il romanzo di Katrhyn Stockett, bionda signora originaria del Mississippi, è diventato un best seller da cinque milioni di copie, venduto in 40 paesi (in Italia è uscito per Mondadori) e ora è un film. The Help, diretto da Tate Taylor, anche lui originario del Mississippi, anzi proprio di Jackson dove si ambienta la storia (e prodotto da Chris Columbus) ha replicato il successo del libro incassando in America 170 milioni di dollari, un Golden Globe - migliore attrice non protagonista a Octavia Spencer – e come si dice è in aerea nomination agli Oscar. (...) Qual è il segreto del film (...) che assai probabilmente fa inorridire Spike Lee? Il fatto di costruire un universo tra la fiaba, il mélo e i Peccatori di Peyton Place, tutto femminile, gli uomini sono figure sfocate abbastanza squallide a dire il vero, mariti violenti o fidanzati razzisti, in cui la lotta per i diritti civili si fa davanti alla tazza da the, fumando una sigaretta e svelando i segreti più orrendi di tutta la upper class femminile. E la dimensione «privata» come punto di partenza per una battaglia lunghissima collettiva, passa per gelosie, ripicche, rigidità di classe, anche la «bianca» di origini modeste è messa al bando da Hilly specie perché le ha rubato un antico fidanzato. I riti del bon ton e delle donazioni vengono smascherati uno a uno con umorismo dai racconti di Minny e di Aibeleen e di tutte le altre donne african american costrette fino allora al silenzio dell'umiliazione e della calunnia in una confezione che in fondo ne rispetta le regole. Compresa qualche lacrima di troppo.
Autore critica:Cristina Piccino
Fonte criticaIl Manifesto
Data critica:

20/1/2012

Critica 2:Alla base di The Help, c'è l'omonimo romanzo d'esordio di Kathryn Stockett (Mondadori), in Usa un best-seller, che sul filo dell'autobiografia rievoca nella cornice di un Mississippi Anni Sessanta, prima di Martin Luther King e delle battaglie per i diritti civili, un pastelloso mondo di agiate signore wasp servite da un piccolo esercito dl cameriere nere variamente umiliate. Scritto e girato da Tate Taylor, alla seconda regia, il film sarebbe piuttosto prevedibile, non fosse che è illuminato da un cast di interpreti bianche e di colore, una più brava dell'altra. Viola Davis domenica ha ricevuto il Golden Globe; e il 24 gennaio fra le candidature all'Oscar è probabile che ritroveremo il suo e altri nomi: da Octavia Spencer a Bryce Dallas Howard.
Autore critica:Alessandra Levantesi Kezich
Fonte critica:La Stampa
Data critica:

20/1/2012

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 04/03/2012
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale