RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Diari della Sacher (I) - Vol. 1 -

Regia:Maria Chiaretti; Isabella Sandri; Giuseppe M. Gaudino; Susanna Nicchiarelli; Valia Santella
Vietato:No
Video:Warner Home Video
DVD:
Genere:Documentario
Tipologia:La memoria del XX secolo
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:
Sceneggiatura:
Fotografia:
Musiche:
Montaggio:
Scenografia:
Costumi:
Effetti:
Interpreti:
Produzione:Sacher
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Italia
Anno:2001
Durata:

144

Trama:

Una serie di documentari prodotti da Nanni Moretti e Angelo Barbagallo, tratti dalle testimonianze raccolte nell’Archivio Audiovisivo di Pieve Santo Stefano: memorie e diari, storie di gente comune che rivive nel ricordo momenti diversi della storia d’Italia.
Tra i titoli proiettati: “Scalamara” di Giuseppe Gaudino, “Ca Cri Do Bo” di Susanna Nicchiarelli, “In nome del popolo italiano” di Valia Santella, “Davai Bistrè” di Mara Chiaretti, “Antonio Rujo. Vita di un anarchico sardo” di Roberto Nanni, “I quaderni di Luisa” di Isabella Sandri, “Bandiera rossa e borsa nera” di Andrea Molaioli.

Critica 1:Prodotti da Nanni Moretti e Angelo Barbagallo, i Diari della Sacher nascono da una singolare realtà: l'Archivio Diaristico di Pieve Santo Stefano, che raccoglie memorie e biografie redatte da gente comune. Vite di uomini e donne non illustri, cronache marginali all'ombra di una storia paurosamente più grande. Una lodevole iniziativa che ha sinora prodotto sette titoli:
Antonio Ruju. Vita di un Anarchico Sardo di Roberto Nanni (28')
Dall'estrema povertà della Sardegna alla lotta al fascismo, dalla totale adesione all'ideale anarchico, al lavoro come agente di borsa. La vita di Antonio Ruju, sempre dominata dall'insofferenza per la violenza e la sopraffazione.
Bandiera Rossa e Borsa Nera di Andrea Molaioli (27')
Roma, 1944. Il "diario di guerra" della tredicenne Gloria Chilanti, in una città occupata e ridotta alla fame. Il suo sguardo di bambina accarezza appena i grandi eventi, soffermandosi invece sul mondo a lei vicino: i genitori impegnati nella Resistenza fatta di stampa clandestina e staffette, la fame e la ricerca del cibo nei vicoli dove prospera la borsa nera.
Ca Cri Do Bo di Susanna Nicchiarelli (24')
Quattro compagne di scuola e amiche per la pelle, tra il '33 e il '37 redigono un diario in comune, scrivendolo a turno: la scuola, il saggio di ginnastica, i festeggiamenti per le vittorie in Etiopia, il giuramento di eterna amicizia. E soprattutto la promessa di non sposarsi mai.
Davai Bistrè! Avanti! Presto! di Mara Chiaretti (28')
Francesco Stefanile, contadino napoletano, a vent'anni parte volontario per combattere in Russia. Subisce la sconfitta e la prigionia in Uzbekistan e in Siberia. Tornerà a casa solo dopo tre anni.
I Quaderni di Luisa di Isabella Sandri (28')
Luisa T. si sposa a 18 anni, mette al mondo due figli, si occupa della casa e dei lavori in campagna. A 35 anni decide di scrivere un diario, al quale racconta la sua disperazione, la noia ripetitiva delle sue giornate di casalinga con un marito-padrone che non ama e che non la ama. Ma anche i primi moti di ribellione...
In Nome del Popolo Italiano di Valia Santella (29')
Claudio Foschini ha 52 anni e ne ha trascorsi 27 in carcere: "ragazzo di vita", nato in una baracca, cresciuto nella periferia romana, è approdato alla criminalità con naturalezza, quasi per gioco. Ha vissuto sulla sua pelle l'esplosione di un mondo che non esiste più, la diffusione massiccia dell'eroina, la fine di un soggetto sociale.
Scalamara di Giuseppe M. Gaudino (33')
Scalamara è la strada di un vecchio quartiere di Sassari dove Costantino, un ragazzo di 71 anni, ha vissuto la sua giovinezza. Sua madre lo abbandonò in tenera età. Fuggì a Roma per una professione che allora "non si poteva dire", e che nessuno si preoccupò di spiegare al bambino. Oggi Costantino è un uomo coraggioso, che ha preso di petto la vita. Per lui vivere è conoscere, sapere e dire la verità agli altri.
Autore critica:Dante Albanesi
Fonte criticaReVisioncinema.com
Data critica:

2002

Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 12/31/2007
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale