RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Ladybird, Ladybird - Ladybird Ladybird

Regia:Ken Loach
Vietato:No
Video:Mondadori Video
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:La condizione femminile
Eta' consigliata:Scuole medie superiori
Soggetto:Rona Munro
Sceneggiatura:Rona Munro
Fotografia:Barry Ackroyd
Musiche:George Fenton
Montaggio:Jonathan Morris
Scenografia:Martin Johnson
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Scottie Moore, Claire Perkins, Crissy Rock, Vladimir Vega, Mauricio Venegas
Produzione:Parallax Pictures per Channell Four
Distribuzione:Mikado
Origine:Gran Bretagna
Anno:1993
Durata:

102'

Trama:

Maggie ha avuto quattro figli da quattro uomini diversi che le sono stati tolti dai Servizi Sociali. Quando incontra Jorge, un rifugiato politico latinoamericano, Maggie intravede una possibilità di essere felice accanto a quest'uomo gentile, che, poco a poco, conquista il suo amore, dimostrandole che è possibile spezzare un circolo vizioso di relazioni violente. Ma agli occhi della burocrazia, Maggie rimane un soggetto inaffidabile e le risulterà difficile liberarsi di questa "condanna" sociale. Maggie e Jorge si vedranno infatti portare via, uno dopo l'altro, i primi due figli che hanno avuto insieme.

Critica 1:Storia inverosimile? Lo sono spesso le storie vere come questa. Film di violenza insostenibile che ti fruga dentro: c'è la violenza fisica, c'è quella fredda e burocratica della legge e dell'ordine. E violenza anche formale: col suo strepitoso dinamismo stilistico K. Loach riesce a caricare d'emozione, fin dall'inizio, il racconto. Non fa denunce demagogiche. Costringe lo spettatore a mettersi dalla parte di Maggie senza nascondergli nulla della sua sgradevolezza, e gli pone domande: che cos'è una buona madre? chi ha il diritto di stabilire che cosa è una buona madre? che limiti bisogna imporre alla comunità nei suoi servizi sociali? dove finisce l'amore e dove comincia la responsabilità? Il film sconvolge anche perché fa pensare. Premio della migliore attrice al Festival di Berlino 1994 per la cabarettista C. Rock.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini - Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 11/11/2004
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale