RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Ciclista (Il) - Bicycleran

Regia:Mohsen Makhmalbaf
Vietato:No
Video:Biblioteca Rosta Nuova, visionabile solo in sede
DVD:
Genere:Drammatico
Tipologia:I bambini ci guardano, Infanzia di ogni colore
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Mohsen Makhmalbaf
Sceneggiatura:Mohsen Makhmalbaf
Fotografia:Ali Reza Zarrindast
Musiche:Madjid Entezami
Montaggio:Mohsen Makhmalbaf
Scenografia:Mohsen Makhmalbaf
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Firouz Kiani, Samira Makhmalbaf, Mohammad Reza Maleki, Esmail Soltanian, Moharram Zaynalzadeh
Produzione:Institute for the Cinematographic Affairs of Janbazan Foundation, Seyyed jamaleddin Hossini Cultural Foundation
Distribuzione:Non reperibile in pellicola
Origine:Iran
Anno:1987
Durata:

95'

Trama:

Un rifugiato afghano, che ha bisogno di denaro per curare la moglie malata, s'impegna in una folle scommessa: pedalare senza sosta in bicicletta per una settimana. Lo accompagna il figlioletto. Una delle migliori opere che hanno fatto conoscere il cinema iraniano. Dall'autore de "Il silenzio", e "Pane e fiore".

Critica 1:La moglie di Nassim, profugo afgano a Teheran, è in ospedale in attesa di un costoso intervento chirurgico. Spinto da un organizzatore di spettacoli di strada, Nassim accetta di pedalare in bicicletta senza sosta né cibo una intera settimana intorno a una piazza per far lievitare l'ammontare della scommessa e raccogliere la somma necessaria per l'operazione. Settimo film di Makhmalbaf che, oltre a scrivere la sceneggiatura, ha curato scenografia e montaggio. Il drammatico argomento è esposto in cadenze di commedia con risvolti grotteschi e lontani echi dell'hollywoodiano Non si uccidono così anche i cavalli? Pauperistico più che realistico con un bambino, figlioletto del ciclista, a rinforzare il pathos.
Autore critica:
Fonte criticaIl Morandini – Dizionario dei film, Zanichelli
Data critica:



Critica 2:È la storia di un uomo povero che deve, costi quel che costi, trovare il denaro necessario alle cure della moglie morente. È costretto a pagare di persona, e come Zampanò in La strada a trasformarsi in attrazione: per sette giorni, e senza scendere dalla bicicletta, correrà su una pista di fortuna. Il ciclista trova così la sua figura di stile: il cerchio. Ma un cerchio dantesco, una spirale, una imponderabilità centrifuga a rischio di caduta. Oppure l’imponderabilità è la grazia, e l’eroe ha tutte le caratteristiche di un santo caduto in un mondo che lo esibisce invece di riconoscerlo: la magrezza ascetica, lo sguardo, l’ostinazione, e il film diventa allora il racconto, e ben presto la leggenda del suo martirio. Rapportato alla nostra agiografia occidentale, si direbbe S. Sebastiano o un discepolo di S. Francesco d’Assisi, soprattutto frate Ginepro, con il quale condivide un mutismo completo e la volontà di far comprendere qualcosa al mondo con la sua sola presenza (si veda Rossellini). (...) Indifferente a qualsiasi cosa, il ciclista gira e gira ancora, come un derviscio, come un orologio, come la bobina di un film. Il suo motore è l’immagine di sua moglie e quella di suo figlio (Egli deve sostenere la famiglia, e il suo nome è Atlas). Ed è col figlio che compone la più bella inquadratura del film.(...)
Autore critica:Bernard Bénoliel
Fonte critica:Cahiers du cinéma n. 528
Data critica:

1998

Critica 3:
Autore critica:
Fonte critica:
Data critica:



Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 09/04/2008
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link è esterno al web comunale