RETE CIVICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA
Torna alla Home
Mappa del sito Cerca in Navig@RE 

Home

Dancer in the Dark - Dancer in the Dark

Regia:Lars Von Trier
Vietato:No
Video:Dae Video
DVD:Eagle
Genere:Drammatico
Tipologia:Il lavoro
Eta' consigliata:Scuole medie inferiori; Scuole medie superiori
Soggetto:Lars Von Trier
Sceneggiatura:Lars Von Trier
Fotografia:Robby Muller
Musiche:Bjork
Montaggio:Franšois Gedigier, Molly Malene Stensgaard
Scenografia:Karl Juliussen
Costumi:
Effetti:
Interpreti:Bjork, Catherine Deneuve, David Morse, Peter Stormare, Joel Grey, Jean-Marc Barr
Produzione:Danish Film Institute, Swedish F. I., Norwegian F. I., Icelandic F. Fund, Finish F. Foundation, Eurimage, Media Programme of E.U.
Distribuzione:Istituto Luce
Origine:Danimarca, Francia, Germania
Anno:2000
Durata:

139'

Trama:

Selma, ragazza madre, Ŕ arrivata negli Stati Uniti dalla ex-Cecoslovacchia. Nel piccolo paese agricolo dove risiede, ha trovato lavoro come operaia in fabbrica. Selma non dice a nessuno la realtÓ della propria situazione: sta diventando cieca, e suo figlio Gene Ŕ destinato alla stessa sorte se lei non riuscirÓ a farlo operare in tempo. Si tratta di una operazione costosa, e per questo Selma giorno dopo giorno mette da parte il denaro, spendendo il minimo indispensabile e facendo turni di straordinario anche notturno. Selma ha la passione per il musical, e nei ritagli di tempo partecipa alle prove della locale compagnia teatrale. Ma la sua vista peggiora sempre di pi¨, e ormai i movimenti che pu˛ fare sono veramente pochi. Selma si confida con Bill, il vicino proprietario di casa e poliziotto. Anche Bill ha bisogno di soldi per assecondare i desideri sempre crescenti della moglie, approfitta di un momento in cui Selma non distingue la sua presenza, osserva dove la donna tiene i risparmi e, quando Ŕ assente, entra in casa e li ruba. Selma per˛ se ne accorge, capisce che Ŕ stato lui, cerca di riaverli indietro. Bill nega tutto, scoppia una lite, parte un colpo dalla pistola di ordinanza: ferito, Bill sente di non avere pi¨ la forza di sostenere i problemi che lo affliggono, chiede allora a Selma di non lasciarlo in quella condizione. Selma spara altri proiettili su di lui e l'uomo muore. Viene arrestata, sottoposta al processo e infine condannata a morte. Mentre Ŕ in carcere, il caso viene riaperto, c'Ŕ un rinvio e forse si potrebbe sperare in qualche cambiamento. Ma i soldi per l'avvocato non ci sono pi¨, bisogna utilizzare quelli messi da parte per Gene. Selma dice di no. Rifiuta qualunque altra azione legale. Il rinvio scade e Selma muore per impiccagione.

Critica 1:La genialitÓ di Von Trier Ŕ coniugare secondo l'American Dream un dramma proletario, privo di quel "glamour" che luccicava nei musical classici. Entra in scena perfino un Fred Astaire cecoslovacco: viene in mente il film di montaggio East Side Story ('97, di Dana Ranga), un'antologia dei misconosciuti e solari musical dei paesi del socialismo reale (anni '50 e '60). Allevatori che cantano, marinai che ballano, casalinghe che duettano. L'altra faccia (leggera) della retorica filmica oltre la Cortina di Ferro. In tal senso Mosca e Hollywood spalmavano sul mondo un similare e ingannevole belletto. Invece le sequenze melodiche in cui Selma si trasforma in "star" morale, non ne cancellano la vera condizione. Anzi, stride peggio il contrasto con l'esigenza di felicitÓ e libertÓ che il canto esprime. Le bellissime "visioni" della quasi cieca, idealmente trasfigurate, fanno di Dancer in the Dark un poema sinfonico moderno, metafisico e politico allo stesso tempo. Lo si capisce dall'epilogo, da quel terribile strattone che sciocca la platea e spezza l'ultima performance della danzatrice nel buio (della giustizia). La macchina da presa, dal corpo piombato nel piano inferiore, si solleva a quello superiore e sale ulteriormente, interrotta dallo schermo nero. Segnando, forse, il movimento ascensionale di un'anima liberata. Una scelta registica fatta con discrezione, che rimanda al conclusivo e pi¨ esplicito miracolo delle campane in cielo di Le onde del destino.
Autore critica:Massimo Monteleone;
Fonte criticaRivista del Cinematografo on line
Data critica:

20/10/2000

Critica 2:Traboccante di tenerezza, pietÓ e sbalordimento arriva sugli schermi la Palma d’Oro di Cannes. Premiato al Festival anche per la migliore interpretazione femminile, Dancer in the dark porta la firma di Lars von Trier. Stavolta il trucco dell’illusionista di Le onde del destino consiste nel proporre un singolare musical che ha messo l’angoscia al posto della gioia. Lo attraversa ballando, cantando e soffrendo Bj÷rk, 35 anni, l’etÓ che aveva la Masina al tempo di Le notti di Cabiria: e in un misto di grinta e innocenza, questa piccola islandese un po’ ricorda la nostra Giulietta. Nelle interviste la musicista, che ha dato il suo contributo anche come autrice della colonna sonora, confessa di essere uscita distrutta dall’esperienza, tanto che si propone di non fare altri film. Speriamo che cambi idea, perchÚ Dancer in the dark anche per merito suo risplende con allarmante originalitÓ. In un’America anni ’60 girata in Svezia perchÚ il fobico regista non prende l’aereo, l’esule cecoslovacca Selma Ŕ una piccola santa, operaia di giorno e filodrammatica alla sera. Il suo rifugio sono i film musicali, che ormai pu˛ solo farsi raccontare dall’amica Deneuve. Infatti sta perdendo la vista per una tara ereditaria, che incombe anche sull’adorato figlio dodicenne, a meno di non fargli un’operazione: per coprire i costi la nostra eroina lavora anche di notte. Dall’insolita premessa nasce un intrigo per cui la protagonista verrÓ licenziata, derubata, diffamata, coinvolta in un fatto di sangue, arrestata e condannata. I numeri musicali rappresentano le fantasie di Selma e sembrano aggiustare tutto: perfino il morto ammazzato si alza per intonare strofe assolutorie. Ma non Ŕ vero che in un musical non pu˛ succedere niente di brutto e in finale l’autore lo proclama con stoicismo. Non a caso Selma bambina voleva uscire dal cinema alla penultima canzone del film, solo modo per salvare le illusioni dall’impatto con la realtÓ. Sconsiglio di fare lo stesso con Dancer in the dark : perdereste una delle pi¨ forti emozioni del cinema contemporaneo.
Autore critica:Tullio Kezich
Fonte critica:Corriere della Sera
Data critica:

21/10/2000

Critica 3:Una vita infame: Selma, una giovane cecoslovacca emigrata in America, fa l'operaia alla catena di montaggio, vive in uno squallido sobborgo di motorhomes, sta diventando cieca e mette via ogni centesimo per far operare il suo bambino e salvarlo dalla cecitÓ che gli ha trasmesso. Infagottata in vestitini da quattro soldi, con le lenti spesse e lo sguardo sperso di chi non vede quasi pi¨, Bj˛rk si arrabatta e viene costretta all'omicidio nell'America appiattita dai colori desaturati che Lars von Trier le ha costruito intorno. La macchina a mano del dogma la insegue, stringe sulla sua faccia e sul suo sorriso che ostinatamente ritorna, non ci risparmia nessun particolare sgradevole degli interni, dell'omicidio disperato (violento, repellente, lungo, come nella vita e come in Quinto non ammazzare di Kieslowski), del carcere. E, a tratti, guidata dalla volontÓ di sopravvivenza di Selma e dalla scelta teorica ed emotiva di Von Trier, si blocca e lascia spazio alle volute ampie e piane del pi¨ tradizionale dei generi, il musical: la vita in musica, come ogni tanto ci illudiamo che sia, come non Ŕ mai, come solo al cinema pu˛ essere. Ogni rumore, o concatenazione di rumori, il battito ritmato di un passo (o di107 fatidici passi), lo stridio di una macchina, le voci e le "entrate" che si accavallano in un processo, il battito di un treno sulle rotaie o quello sordo e terrorizzato di un cuore, tutto serve a Selma per creare davanti ai suoi e ai nostri occhi il sogno di una vita cinematografica, da Tutti insieme appassionatamente (che fa da "guida" al film) a Sette spose per sette fratelli, dal modernismo alla Bob Fosse al vitalismo del musical sovietico anni '50, all'omaggio vivente a Jacques Demy e alle sue "demoiselles" che Ŕ Catherine Deneuve, operaia tenerissima, dalla faccia pulita, quasi ringiovanita. In Dancer in the Dark (anche il titolo Ŕ una citazione minnelliana), ci sono un dolore e un amore enormi, intrecciati appassionatamente nella pi¨ impossibile, ma per alcuni anche la pi¨ quotidiana delle finzioni: sognare la perfezione del cinema per resistere all'orrore della vita.
Autore critica:Emanuela Martini
Fonte critica:Film TV
Data critica:

24/10/2000

Libro da cui e' stato tratto il film
Titolo libro:
Autore libro:

A cura di: Redazione Internet
Valid HTML 4.01! Valid CSS! Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 data ultima modifica: 03/07/2006
Il simbolo Sito esterno al web comunale indica che il link Ŕ esterno al web comunale